Tutti dormono sulla collina

Un’installazione d’arte che profuma di bosco approda alla Fabbrica del Vapore di Milano, durante il festival Milano Montagna il 6, 7 e 8 ottobre 2016. È l’opera creata con gli abeti della Val di Fiemme del trentino Marco Nones.

L’artista, premio d’arte Expo 2015, mostrerà in anteprima ai visitatori del festival l’installazione che sarà ospitata nel 2017 dal Parco d’arte RespirArt, uno dei parchi più alti al mondo. Il Parco si snoda in Val di Fiemme fra le quote 2.000 e 2.200, a Pampeago, sulle pendici del gruppo dolomitico del Latemar, paradiso dell’Unesco. L’istallazione intitolata “Tutti dormono sulla collina” è ispirata all’Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters. L’opera è infatti un’antologia in tre dimensioni dove tutti possono leggere o immaginare le storie di vita di alcuni alberi della Val di Fiemme.

Come i protagonisti dell’Antologia di Spoon River, gli alberi di Marco Nones dormono sulla collina. Ma se ci soffermiamo a esplorare la corteccia, i nodi, gli anelli o, semplicemente, se intravediamo un carattere fra le loro più elementari forme, possiamo immaginare la loro storia.

“Tutti dormono sulla collina” è un’antologia, una testimonianza non attendibile, e perlopiù romanzata, della loro esistenza. Marco Nones riscrive per i suoi alberi il brano più famoso dell’opera di Edgar Lee Masters con queste parole: “Uno morì di siccità, uno morì fulminato, uno fu ucciso dai parassiti, uno morì di vecchiaia, uno cadde sfinito dopo che la ruspa gli recise le radici. Tutti, tutti dormono, dormono, dormono sulla collina”. Marco Nones indaga da sempre le forme elementari che racchiudono complessità stupefacenti. L’organizzazione spontanea della materia, secondo l’artista, invita l’uomo ad affidarsi ai gesti naturali che sorgono da profondità inconsce come a completare un disegno.

Marco Nones “scolpisce il vuoto” intorno a rami, radici e cortecce per celebrare l’intelligenza di movimenti e ispessimenti che hanno accompagnato un’estenuante ricerca di luce. Le sue installazioni lasciano trionfare i più affascinati esempi di design naturale.

Il professor Philippe Daverio a proposito di Marcon Nones ha sottolineato: “Nulla è più epico, per l’artista, che affrontare il massimo della creazione, la massa della creazione, l’ergersi della creazione, il contrasto degli elementi della creazione, cioè l’alta montagna”.

www.marconones.com

 

 

 

Continue reading Tutti dormono sulla collina

Piacere,  sono il tuo corpo

Il corpo risente di tutti gli eventi psichici. C’è uno stretto legame tra mente e corpo. Il corpo si inarca e si contrae in base allo stato d’animo oppure si piega sotto il peso dei problemi. Come dice Monica Deflorian, istruttrice e personal trainer di Pilates, di Tesero, “il corpo assimila tutto ciò che accade alla persona”. Qualche volta, però, abusiamo della sua gentilezza. Ed ecco insorgere dolori, tensioni, contratture. “Amo profondamente lavorare con il corpo attraverso un approccio olistico per creare benessere e aumentare la libertà di movimento – confida l’esperta -. Il Pilates è una tecnica rigorosa e scientifica molto adatta a questo scopo”.

Oltre alle lezioni individuali, Monica Deflorian tiene corsi collettivi, con l’associazione Non Solo Danza, alla palestra delle elementari di Cavalese. Dal 27 settembre si svolgeranno ogni martedì e giovedì, alle 18.30 e alle 19.30 (la prima settimana è gratuita). Il suo obiettivo è quello di rendere il corpo più funzionale nel compiere i gesti quotidiani.

– Noi conosciamo il nostro corpo?

“Pochissimo. Una delle cose che mi dà più soddisfazione è vedere come cresce la consapevolezza corporea attraverso semplici esercizi. Mi interessa portare a sentire i muscoli profondi, la mobilità del bacino o della spalla, le tensioni del collo o l’appoggio del piede. Mi piace domandare dopo ogni esercizio: senti la differenza? Senti di avere più spazio?”.

– Se i nemici del corpo sono gli stati d’animo, non si dovrebbe lavorare sulla mente?

“Credo che sia la stessa cosa. Che si decida di lavorare sulla mente o sul corpo il risultato è sempre un cambio di postura. Cambiano la relazione con gli altri e il modo di fluire nella vita. L’ideale sarebbe certamente lavorare su mente, anima e corpo insieme. Ognuno può partire da dove preferisce”.

– Questa tecnica può alleviare i dolori?

“Salvo casi con particolari patologie, sì. Perché i dolori insorgono spesso dalla tensione causata da abitudini dannose o da una vita sedentaria. È importante compiere movimenti diversi e mettere attenzione sui nostri limiti. Via via impariamo a comprendere che il dolore… ha ragioni da vendere. Di solito, siamo così pigri che deleghiamo questo compito a un altro oppure ci affidiamo ai farmaci, ottenendo solo risultati temporanei”.

– Quali attrezzi si usano?

“A corpo libero si usano piccoli attrezzi come elastici, palle di varia dimensione e cerchi. Da poco tempo uso anche il Reformer, un lettino dotato di molle ideato dal signor Joseph Pilates in persona. È un attrezzo geniale e molto efficace, perché riequilibra tutto il corpo utilizzando solo il peso del corpo”.

– Fa dimagrire il Pilates?

“Questo può accadere. Il ritrovato benessere, in un corpo più mobile e flessibile, favorisce anche una metamorfosi estetica”.

Info: Non Solo Danza, cell. 331 9467366

Beatrice Calamari

 

Continue reading Piacere, sono il tuo corpo

Appuntamenti sull’accoglienza

Anche quest’anno la biblioteca comunale di Predazzo aderisce alla settimana dell’accoglienza proposta a livello regionale dalla Federazione del Trentino-Alto Adige del Coordinamento Nazionale delle Comunità di Accoglienza (CNCA), organizzando alcuni eventi il 5 e il 7 ottobre 2016.

Mercoledì 5 alle ore 17 presso lo spazio giovani è in programma “Ti racconto una storia”, letture per bambini con un laboratorio manuale e truccabimbi a cura del Centro Charlie Brown e Progetto ’92. Alle 20.30, nell’aula magna del municipio di Predazzo è previsto un incontro pubblico aperto a tutti sul tema: “l’accoglienza in val di Fiemme”. Un confronto sul progetto profughi ad un anno dalla sua attivazione, con la partecipazione dei protagonisti e le storie di altri fiemmesi venuti da lontano. Lo scorso anno la biblioteca aveva proposto un incontro di presentazione del Progetto, a cura di Cinformi e della Provincia di Trento, in seguito al quale si è reso disponibile un appartamento in cui sono stati accolti 5 richiedenti asilo africani, così come a Castello di Fiemme dove la Parrocchia ha ospitato una famiglia con 2 bambini. Nel corso dell’incontro si ascolteranno le testimonianze dei profughi (a Predazzo alcuni hanno anche lavorato volontariamente con il Comune) e di coloro che hanno vissuto e seguito questa esperienza, dall’amministrazione comunale alle associazioni e alle persone che hanno aiutato i giovani africani. Sono invitati anche gli stranieri che vivono e lavorano in valle.

Venerdì 7 ottobre presso l’auditorium dell’Istituto d’Istruzione “La rosa Bianca” di Predazzo è in programma la proiezione di due film. Alle 17 “Tutti per uno: nessuno poteva immaginare che avremmo cambiato il mondo”, del registra francese. Romain Goulip. Un film per ragazzi dai 9 ai 99 anni. Alle 20.30 “Io sto con la sposa”, un film documentario che racconta il viaggio di un gruppo di profughi siriani dall’Italia alla Svezia al seguito di una coppia di sposi e di un’improbabile matrimonio organizzato ad hoc. A Predazzo, martedì 4 ottobre alle ore 17, si terrà anche, a cura di Progetto ’92 e delle Comunità territoriali di Fiemme e Fassa, un incontro riservato agli amministratori locali sul tema delle politiche per le famiglie con la partecipazione di Luciano Malfer dell’Agenzia della famiglia della PAT.

Altre iniziative sono in programma a Cavalese: lunedì 3 alle 14.30 l’inaugurazione della nuova sede del Centro L’Archimede e la festa della “Casa delle generazioni” a cura di Progetto ’92, martedì 4 alle 14.15 alla Rosa Bianca un incontro con gli studenti sulla situazione e i bisogni delle famiglie, alle 20.30 presso la biblioteca è in programma una tavola rotonda su “Famiglie solidali per una comunità accogliente” coordinata da Michelangelo Marchesi di Progetto ’92. Mercoledì 5 alle 16 presso la biblioteca ci saranno le “letture accoglienti” per bambini di tutte le età, e giovedì 6 alle 20.30 sempre nelle sale della biblioteca “Il cerchio della guerra”, un reading sulle attività di Emergency che ha lo scopo di far conoscere l’associazione e sensibilizzare sul temi dei conflitti armati.

Altri appuntamenti sono previsti a Maso Toffa il 7 ottobre alle 14.30 con l’Associazione “Aiutiamoli a vivere”, a Vigo, Pozza e Campitello di Fassa.

Continue reading Appuntamenti sull’accoglienza

Arriva l'Avisio di Settembre!

Eccolo! In anteprima assoluta, ecco a voi il nuovissimo numero de L’Avisio, come sempre straripante di notizie, curiosità, inchieste, eventi e appuntamenti da non perdere. Scaricalo subito dalla colonna qui a destra e buona lettura! E si ti va, facci sapere se ti è piaciuto, commentando qui sul blog o sulla nostra pagina Facebook.

Continue reading Arriva l’Avisio di Settembre!

Il 27 apre il mercatino del libro usato

La biblioteca comunale di Predazzo è chiusa per lavori di adeguamento alla normativa antincendi fino al 10 ottobre, ma per coloro che sono in crisi di astinenza da libro, oltre che frequentare la libreria e le altre biblioteche comunali della valle che sono regolarmente aperte: Cavalese, Tesero, Moena, Vigo di Fassa e Canazei, o quelle dei circoli culturali locali: Ziano, Panchià, Castello, Varena, Capriana, c’è la possibilità di frequentare, dal 27 settembre al 3 ottobre, il mercatino del libro usato, allestito nella sala riunioni, al piano interrato dell’edificio che ospita la biblioteca di Predazzo in via Degasperi 12. Il mercatino sarà aperto tutti i giorni, festivi compresi, dalle 10 alle 12, dalle 16 alle 19 e dalle 20.30 alle 22.30.
Rispetto agli anni scorsi, oltre al cambiamento del periodo (non più il mese di agosto, ma l’autunno) gli utenti dovranno abituarsi ad un’altra novità: una nuova modalità di vendita, già adottata da altre biblioteche, tra cui la comunale di Trento. I prezzi di vendita non saranno più “stimati” dai bibliotecari con l’apposizione di un bollino, ma saranno gli stessi utenti a “scegliere” il prezzo a cui acquistare i libri di loro interesse. Sarà insomma la legge del mercato a stabilire qual è il “prezzo giusto”. Il primo giorno si venderà tutto a 15 €, il secondo a 7 €, il terzo a 4 €, il quarto a 2 € e il quinto, sabato 1 ottobre, a 1 €. Domenica 2 ottobre si potranno acquistare 2 libri per 1 € e infine lunedì 3, 5 libri per 1 €. Tutti i libri rimasti saranno a disposizione delle associazioni che gestiscono biblioteche locali o saranno donati. Le rimanenze andranno al macero.  Questa modalità di vendita è fattibile in questo periodo tenuto conto che, a differenza dell’estate, gli utenti interessati sono prevalentemente locali, con la possibilità quindi di recarsi al mercatino più volte, prima per verificare i libri di proprio interesse e poi per scegliere il giorno, e quindi il prezzo, in cui acquistarli, con il rischio di non trovarli più se qualcuno li ha ritenuti più appetibili. I libri in vendita provengono dalla revisione del patrimonio della biblioteca e dai doni degli utenti. Il ricavato servirà a incrementare le raccolte della biblioteca di Predazzo, offrendo maggiori opportunità di scelta agli utenti. La decisione di adottare i prezzi a scalare potrà creare qualche disagio, ma consentirà a ciascuno di dare il giusto prezzo ai libri in vendita. Ci rendiamo conto che i primi giorni i prezzi saranno troppo alti per la maggior parte dei libri, ma ognuno potrà decidere quale giorno attendere per acquistare il libro desiderato e si eviterà anche ogni discussione sui prezzi dei libri.

Continue reading Il 27 apre il mercatino del libro usato

La Sportiva Epic Ski Tour regala emozioni

La nuova era dello scialpinismo è pronta a prendere forma… dal 12 al 15 gennaio con un trittico di appuntamenti imperdibili. È “La Sportiva Epic Ski Tour” delle Valli di Fiemme e Fassa (TN), la ‘versione scialpinistica’ del Tour de Ski. E non è tutto. In vista di questa prima edizione il comitato organizzatore dell’evento presieduto da Kurt Anrather ha deciso di riservare agli appassionati della montagna un’offerta unica nel suo genere. Chi salderà la quota d’iscrizione di 180 euro entro il 30 settembre, infatti, si porterà a casa anche un fantastico casco “Combo Helmet La Sportiva” del valore di 139 euro, realizzato ad hoc con tutti i comfort del caso e personalizzato con il brand della manifestazione.

Le sfide prenderanno il via venerdì 13 gennaio dal luogo dove il Tour de Ski si conclude, ovvero quell’Alpe Cermis capace di regalare ai patiti dello sci di fondo un’ultima giornata indimenticabile. La prima tappa si svolgerà in notturna, perseguendo una tendenza oramai affermata. Lo scialpinismo al chiar di luna attira sempre più appassionati della disciplina, coinvolti dalla tranquillità che regna sulle cime avvolte dal freddo della sera e dalla particolarità di competere in un’atmosfera di oscurità e fascino che dà sempre maggior seguito a questo sport invernale. Sabato 14 gennaio gli scialpinisti si sposteranno al Passo San Pellegrino, con start previsto dalla stazione di valle della funivia Col Margherita, in salita fino ai 2580 metri di Lastè Pradazzo, cui seguirà una seconda salita fino al Col de le Palue.

Domenica i concorrenti chiuderanno in bellezza al Passo Pordoi, salendo fino a Forcella Pordoi (2829 mt.) e scendendo lungo la Val Lasties, uno dei luoghi più suggestivi delle Dolomiti, prima di risalire fino al Passo. Come detto, le iscrizioni per partecipare a quest’innovativa prima edizione firmata 2017 sono già a disposizione degli sportivi, i quali potranno consultare il sito web dell’evento www.epicskitour.com per fugare gli ultimi dubbi e porre il proprio sigillo a quella che si prospetta come una competizione da non perdere, fra spettacolari scenari dolomitici ed un’atmosfera di pace, unione e spirito agonistico che coinvolgerà anche gli scialpinisti più esigenti.

Info: www.epicskitour.com

Continue reading La Sportiva Epic Ski Tour regala emozioni

Alloggi pubblici e contributi per l’affitto: domande entro il 30 novembre

Sono aperti i termini per la presentazione delle domande per la locazione di un alloggio pubblico a canone sostenibile e per il contributo integrativo per l’affitto sul libero mercato: le richieste vanno presentate, come ogni anno, entro il 30 novembre al Servizio Tecnico della Comunità di Valle. Possono presentare la domanda i cittadini dell’Unione Europea o cittadini extracomunitari in possesso di permesso di soggiorno residenti in un Comune trentino in via continuativa da almeno 3 anni. L’Icef, l’indicatore della condizione economio-patrimoniale, non deve essere superiore a 0,23 punti e il nucleo famigliare non deve possedere, nel triennio precedente la data di presentazione della domanda, diritti esclusivi di proprietà, usufrutto o abitazione su altri alloggi.

Il contributo integrativo per l’affitto ha durata annuale e un valore massimo di 300 euro mensili, comunque non oltre il 50% dell’importo versato per la locazione. Il contratto di affitto deve essere intestato a un membro del nucleo famigliare e deve riferirsi ad un alloggio ubicato sul territorio della Comunità Territoriale, dove il richiedente deve avere la residenza. Il contributo integrativo è concesso ai richiedenti seguendo l’ordine della graduatoria e fino ad esaurimento dei fondi disponibili, che saranno messi a disposizione dalla Provincia. Le graduatorie saranno approvate entro il 30 aprile 2017. Lo scorso aprile sono state approvate le graduatorie per il 2015: un totale di 148.335 euro a favore di cittadini comunitari e di 15.508 euro a favore di cittadini extracomunitari; ciò ha consentito l’accoglimento del 48,43% delle domande di contributo integrativo concedibili presentate nel 2015.

Anche per gli alloggi Itea sono previste due liste distinte per i cittadini comunitari e per i cittadini extracomunitari. Lo scorso aprile sono state approvate le graduatorie per il 2015: la graduatoria per i cittadini comunitari conta 56 domande, mentre quella degli extracomunitari 15. Le domande hanno validità per un sola graduatoria e possono essere ripresentate qualora – nel corso di validità della stessa – non venga disposta l’autorizzazione ad affittare. Le graduatorie saranno approvate entro il 30 giugno 2017.

Le domande vengono compilate sotto forma di intervista dal Servizio Tecnico della Comunità, in presenza del richiedente, previo appuntamento che può essere fissato telefonicamente ai numeri 0462 241331 o 0462 241333. La normativa e ulteriori informazioni sono reperibili sui siti internet della Comunità Territoriale della Val di Fiemme (www.comunitavaldifiemme.tn.it) e della Provincia Autonoma di Trento (www.trentinosociale.it).

 

Continue reading Alloggi pubblici e contributi per l’affitto: domande entro il 30 novembre

A Tesero si presenta la toponomastica trentina

Mercoledì 21 settembre sarà presentato all’Auditorium Luigi Canal di Tesero il sedicesimo volume del Dizionario Toponomastico Trentino, riportante i nomi locali dei Comuni di Panchià, Tesero e Ziano di Fiemme.

In un volume di 380 pagine, 4 carte topografiche e due opuscoli con l’elenco dei toponimi e una legenda, hanno trovato posto anni di duro lavoro, che si è concretizzato ora con la pubblicazione, grazie all’intervento diretto dei tre comuni interessati con il sostegno del Bim dell’Adige.

La serata comincierà alle 20.30. Interverranno Elena Ceschini, sindaca di Tesero, Stefano Vassare, presidente della Commissione provinciale per la toponomastica, Armando Tomasi, direttore dell’Ufficio Beni archivistici, librari e archivio provinciale, Lydia Flöss, curatrice del volume e Italo Giordani, ricercatore incaricato per l’indagine toponomastica di Tesero.

Continue reading A Tesero si presenta la toponomastica trentina

La mostra di Sessa prosegue fino al 27 ottobre

Visto il grande successo di pubblico riscosso dalla mostra fotografica LA VAL DI FASSA E LA SUA GENTE. Giochi di luci, emozioni e colori, il Museo Ladino è lieto di comunicare che la chiusura della stessa è stata posticipata al 27 ottobre 2016. Nella mostra sono esposte cinquanta fotografie di grande formato realizzate dal fotografo di Vigo di Fassa Anton Sessa, in massima parte inedite e realizzate negli ultimi anni, che illustrano la ventennale passione che anima l’autore. Il duro lavoro di selezione ha però fatto nascere la necessità di mostrare al pubblico una parte maggiore della sua ampia e variegata produzione. A tale scopo Anton Sessa ha provveduto a montare una proiezione, con sottofondo musicale, che sarà possibile ammirare presso la sede del Museo Ladino, giovedì 22 settembre alle ore 18.00. Si avrà così la possibilità di addentrarsi negli splendidi quanto suggestivi paesaggi dolomitici, osservare una natura incontaminata e gettare uno sguardo verso alcuni degli angoli più suggestivi dei paesi della valle ormai troppo spesso dati per scontati: un gioco di luci e ombre, che fanno trasparire la ricerca di una purezza assoluta delle forme della natura, ma che sono anche il risultato di un’osservazione profonda dei sentimenti e delle emozioni che animano le persone in particolari momenti della loro vita.

L’appuntamento per la proiezione è quindi per giovedì 22 settembre alle ore 18.00, mentre ricordiamo che dal 13 settembre al 27 ottobre la mostra seguirà un nuovo orario di apertura, come il Museo stesso: dal martedì al sabato dalle 15.00 alle 19.00.

Continue reading La mostra di Sessa prosegue fino al 27 ottobre

Trofeo passo Pampeago, iscritti Gazzini, Varesco e Tumler

La salita di Pampeago in Val di Fiemme (TN) ha scritto pagine di storia del ciclismo trentino e viene celebrata annualmente dallo Ski Center Latemar e dall’US Litegosa di Panchià con una cronoscalata, il “Trofeo Passo Pampeago”. Un evento spettacolare che andrà in scena domenica 18 settembre, con la peculiarità di rappresentare l’ultima tappa sia dell’ambito circuito Südtirol Berg Cup 2016, un challenge che ‘scala’ i valichi più suggestivi dell’arco alpino, sia dell’Uphill Challenge, quest’anno più combattuto che mai dopo la Volano-Monte Finonchio e la Extreme Race Punta Veleno di domenica scorsa, chiusasi con le affermazioni personali di Thomas Gschnitzer (37’31”), su Michael Tumler (38’08”) e Jarno Varesco (38’35”) e di Serena Gazzini (48’37”) per quanto riguarda le cronoscalatrici.

La lotta per la leadership di queste prestigiose competizioni è più accesa che mai, per giunta il Trofeo Passo Pampeago sta registrando significative iscrizioni come quelle del plurivincitore nonché uomo simbolo della gara, Jarno Varesco, dell’altoatesino Michael Tumler e della trentina Serena Gazzini, atleti che danno il meglio di loro stessi quando la strada s’impenna.

Il Passo di Pampeago collega la trentina Val di Fiemme a sud con l’altoatesina Val d’Ega a nord mediante una strada asfaltata che si snoda in un meraviglioso paesaggio ai piedi del Latemar; la parte più elevata del tracciato è stata asfaltata solo nel 2011 in previsione del passaggio della tappa del Giro d’Italia del 25 maggio 2012 ed è chiusa al traffico motorizzato non autorizzato, per cui il ciclista può godere di questa rara tranquillità. Anche per questo motivo la cronoscalata “Trofeo Passo Pampeago” è diventata un appuntamento fisso per gli amanti delle salite e si snoda lungo i 10.5 km di percorso che da Tesero portano all’Alpe e al Passo di Pampeago, dove la pendenza media sfiora il 10%, ma alcuni tratti raggiungono anche il 15% d’inclinazione. Una zona ricca anche di storia e di cultura, poiché sull’Alpe di Pampeago, fra il rifugio Baita Caserina e il Monte Agnello, si estende il parco d’arte RespirArt: un percorso di circa tre chilometri che permette di ammirare installazioni artistiche nella natura create da artisti di fama internazionale.

A fare da contorno alle fatiche dei ciclisti ci saranno inoltre gli splendidi paesaggi del comprensorio sciistico dello Ski Center Latemar, che offrono a sportivi e pubblico infinite possibilità di svago nel cuore delle Dolomiti con escursioni, itinerari in bici e mountain bike, ma anche semplici passeggiate fra malghe e rifugi.

Il periodo settembrino è l’ideale e concede una miriade di opportunità, compresa quella di recarsi all’arrivo del Trofeo Passo Pampeago grazie alla seggiovia Latemar, la quale permetterà di godersi “da vicino” le imprese degli scalatori.

Per iscriversi contattare direttamente gli organizzatori all’indirizzo uslitegosa@gmail.com

Info: www.latemar.it

Continue reading Trofeo passo Pampeago, iscritti Gazzini, Varesco e Tumler