A Predazzo, questa sera,  si parla di profughi

Perché dobbiamo farci carico dei richiedenti protezione internazionale?  Cosa fa la Provincia e cosa fanno i profughi? Quanto ci costano? Dove vengono ospitati? Quanto resteranno? Quanti verranno in val di Fiemme? Sono solo alcune delle domande cui si cercherà di dare risposta nel corso dell’incontro-dibattito in programma questa sera alle ore 20.30 presso l’aula magna del municipio di Predazzo. La serata, che conclude il progetto “A come Accoglienza” promosso dalla biblioteca comunale di Predazzo, vedrà la partecipazione di Silvio Fedrigotti, dirigente generale del Dipartimento Salute e solidarietà sociale della Provincia autonoma di Trento, di Chiara Ioriatti, operatrice di accoglienza, e di alcuni ragazzi inserito nel progetto di accoglienza dei richiedenti protezione internazionale. Lo scopo è anche quello di fare chiarezza su luoghi comuni e le voci che accompagnano il dibattito su questi temi. L’incontro conclude un mese di iniziative della biblioteca: letture per bambini, laboratori multiculturali, un laboratorio di giochi cooperativi, la presentazione del libro di Vincenzo Passerini “Ricordati che sei stato straniero anche tu, il film Pitza e datteri e la performance “Imbarazzismi” dei ragazzi delle Medie. Un mese per riflettere, informare, chiarire e anche smitizzare il tema dell’accoglienza dei profughi e dei migranti. Presso la biblioteca di Predazzo sono esposti libri e film sull’argomento e sono disponibili una filmografia e bibliografie selezionate per bambini, ragazzi e adulti.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento