Guido Brigadoi

Gli animali, i nostri migliori amici

Nuovo direttivo in rosa per l’associazione “Amici degli animali Valle di Fiemme”, da anni impegnata ad assistere animali in difficoltà. Sei donne volenterose che si propongono nuovi obiettivi, a partire dalla neo presidentessa Marzia Comini, pronta a innovare il sistema di gestione dell’Associazione insieme a Stefania Villotti, Lara Brigadoi, Petra Tescari, Franca Genetin e Miriam Locatin. Uno dei progetti riguarderà il censimento e l’assistenza delle colonie feline presenti nelle due valli, esercitando il controllo della popolazione di gatti randagi mediante sterilizzazione. Attualmente le colonie censite sono otto a Predazzo, una a Ziano, tre a Cavalese, due tra Valfloriana e Carano una a Varena, in fase di verifica quelle di Predazzo e Tesero. Oltre all’assistenza ai gatti, il sodalizio avrà un occhio di riguardo anche per i cani, in particolare nella nuova area nel comune di Cavalese, in località Dossi. Si tratta di un’area molto ampia (oltre 1000 mq) facilmente accessibile a tutti. «L’area è stata realizzata con il supporto tecnico del Servizio veterinario provinciale, rispettando tutti i parametri di sicurezza e di tutela dei nostri amici a quattro zampe – spiega Marzia Comini -. Oltre un’adeguata recinzione in legno, è stata predisposta anche un’area di raffrescamento e abbeveramento, al fine di garantire un servizio a 360°. All’interno dell’area è stata realizzata anche una struttura per la custodia temporanea dei cani smarriti o abbandonati, gestita dall’Associazione». In programma anche una campagna di sensibilizzazione per diffondere la conoscenza delle attività dell’associazione sul territorio, al fine di sensibilizzare i cittadini su temi quali la sterilizzazione sia canina sia felina, l’adozione di animali abbandonati e la presenza di colonie feline o animali in stato di abbandono e randagismo presenti su territorio.

 

Continue reading Gli animali, i nostri migliori amici

E’ stata inventata la neve perenne

Alla presentazione del prototipo del nuovo “cannone” per la produzione della neve, (che si è tenuta oggi allo stadio del fondo di Lago di Tesero), le reazioni dei presenti erano tra lo stupefatto e l’incredulo. Come dargli torto. Il nuovo macchinario permette infatti di produrre neve a oltre 15 gradi sopra lo zero anziché ai meno 3 degli ormai obsoleti cannoni che a tutt’oggi usiamo sulle nostre piste. Il tutto senza l’utilizzo di additivi chimici. In realtà le cose non sono cosi’ semplici poiché per mettere in produzione questa meraviglia è ora necessario trovare i finanziatori. Ma chi sono coloro che hanno realizzato questo miracolo? Il team è composto da Francesco Besana, ingegnere di origine bergamasca e trentino di adozione, Fabiano Maturi, ingegnere e dipendente delle funivie di Pinzolo, Giuseppe Franchini, docente all’Università di Bergamo e Anna Vanzo, laureata in Economia e Commercio e impiegata dell’ApT della Val di Fiemme. Dopo anni di lavoro e di notti insonni il progetto “NeveXN è realtà . La startup co-finanziata dalla Provincia di Trento e dall’Europa ha permesso di realizzare un prodotto che può contribuire allo sviluppo del turismo invernale e non solo. Speriamo sfugga alle pastoie burocratiche e dia la soddisfazione che merita ai suoi ideatori.

Continue reading E’ stata inventata la neve perenne

L’Aquila basket in Fiemme

Dopo una stagione esaltante dal punto di vista dei risultati e dell’entusiasmo che si è creato attorno a tutto l’ambiente sportivo, la pallacanestro in Trentino prosegue il suo momento d’oro grazie all’Aquila Basket Trento, società impegnata per la prima volta nella storia della pallacanestro trentina, nel campionato di serie A. Una stagione storica per tutto il movimento del basket che, grazie alle numerose attività di promozione dello sport e dei suoi valori messe in campo dalla società di Trento, punta a diffondere la pratica della pallacanestro su tutto il territorio regionale. Grazie alla partnership con Aquila, l’associazione valligiana Val di Fiemme Basket su patrocinio del Comune di Cavalese, propone un incontro con i campioni dell’Aquila Basket Trento aperto non solo agli iscritti ai corsi di minibasket e basket under 13, ma anche a tutti coloro che vorranno vedere da vicino i campioni ed imparare da loro le tecniche della pallacanestro. Tiri da 3, schiacciate, passaggi fantasiosi saranno i protagonisti assieme a tutti i coloro che vorranno partecipare e giocare assieme agli americani Isaiah Armwood e Jamar Sanders. L’appuntamento è di quelli da non perdere ed è fissato per lunedì 27 ottobre dalle 14.30 alle 16.00 presso il palazzetto delle scuole superiori di Cavalese. La mattina stessa inoltre, i giocatori dell’Aquila saranno in visita presso le scuole medie di Predazzo e di Tesero. Per informazioni www.valdifiemmebasket.it

Continue reading L’Aquila basket in Fiemme

E’ arrivata

Implacabile. Dopo la burrasca della notte scorsa è scesa fino a Valle. Nella giornata di ieri, la neve aveva fatto capolino sulle cime ma poi, le correnti fredde provenienti dall’artico, l’hanno portata fino alle nostre case. L’ultimo fine settimana ci aveva offerto due giorni splendidi con temperature, anche in quota, quasi estive. Di colpo è cambiato tutto. Neve e freddo polare. Certo, per il nostro corpo ma anche per il morale un forte shock. Attrezziamoci con pancera e giochi di società.

Continue reading E’ arrivata

Skaters, da Campitello a Predazzo

Lo Skate park in località “Ischia” è diventato, in poche settimane dalla sua inaugurazione punto di incontro per ragazzi e ragazze. Il progetto, avviato da Mattia Erioldi con Francesco Erioldi, Monica Farinacci, Michael Pezzei ed Andrea Lastei dell’Associazione Val di Fassa Skateboard, ha convinto anche gli amministratori del Comune ladino che lo hanno sostenuto con 25mila euro. Una passione coltivata da tempo da Mattia Erioldi che, seguendo le orme del fratello Francesco, ha scoperto molto presto la passione per lo skateboard e lo snowboard. La pista è quasi ultimata e sarà una mini a spina con una bowl: mini perché è una pista dalle medie e piccole dimensioni, (15 per 11 metri) che permette di prendere più velocità, a spina perché ha diversi raggi di curvature che si collegano tra loro, bowl, cioè una “bolla”, uno dei tipi di piscina per skate. «Cercheremo di tenere aperta questa struttura tutto l’anno coprendola con dei teli per permetterne l’utilizzo anche nei mesi invernali e col tempo pensiamo di organizzare anche dei corsi per i più piccoli». E anche Predazzo ha ora il suo skate park, a fianco del campo sportivo, già molto frequentato. «Dopo lunghi anni di richieste finalmente siamo riusciti a portare a termine il progetto ». Conferma con gioia Davide Fanton, referente e ideatore del parking. «La linea del park è formata da un quarterpipe, un bank completo di un kinkbox e un rail, una rampa con un piccolo kick. In più, a terra ci sono un box a 3 livelli ed un altro rail e per il futuro è già in progetto l’aggiunta di un half pipe. Siamo ancora alla ricerca di un nome e un logo e per questo è stato indetto un concorso su facebook per trovare il miglior contest grafico.
La pagina ufficiale è “Park Predazzo” www.facebook.com/SkateparkValDiFiemme dove si può rimanere aggiornati sugli eventi e il mondo del riding in generale.

Continue reading Skaters, da Campitello a Predazzo

Acquistare insieme

I Gruppi d’acquisto godono di ottima salute e crescono in numero e volume di beni acquisiti. “Il Germoglio” continua il suo lavoro “ponendo sempre al centro la relazione interpersonale ed il concetto di solidarietà” come ci racconta Edith Pallaver, componente del Consiglio di amministrazione del gruppo. «Se non si riesce ad andare a prendere la cassetta di frutta o lo yogurt – continua Edith – si impara a chiedere a un socio che abita nella stessa zona, evitando così uno spreco di carburante ma soprattutto costruendo un rapporto di scambio e di arricchimento reciproco, insomma trovando nuovi amici». Non è un caso quindi che Il Germoglio dia tanta importanza proprio alla costruzione di questi rapporti, favorendo occasioni di aggregazione, momenti in cui ci si può conoscere meglio e, perché no, gustare piatti prelibati preparati da cuochi provetti (tutti soci volontari) con i prodotti acquistati dai fornitori. Fornitori che stanno diventando sempre più locali, favorendo l’ormai famoso chilometro zero. «Le merci acquistate in Trentino Alto Adige costituiscono circa il 43% di tutto il fatturato del Germoglio – sottolinea Edith Pallaver – e quelle che vengono dalle valli di Fiemme e Fassa oltre il 15%». E se questo sembra un dato marginale, basti pensare che secondo uno studio della Coldiretti, se una famiglia acquistasse solo prodotti locali e di stagione, facendo attenzione agli imballaggi, potrebbe evitare di emettere fino a mille chili di anidride carbonica in un anno. Gli alimenti a filiera corta valorizzano la produzione locale e aiutano a recuperare il legame con le origini, esaltando gusti e sapori tipici, tradizioni gastronomiche e produzioni locali.

Continue reading Acquistare insieme

Attenti al fuoco

Se c’è una cosa che dà fascino all’inverno è l’immagine di un fuoco acceso che fa tanto “casa” ed atmosfera di montagna. Ma siamo sicuri di quello che brucia nelle nostre stufe? È purtroppo fin troppo diffusa nelle nostre valli la pessima abitudine di bruciare non solo legna vergine (il solo combustibile che andrebbe utilizzato), ma anche cartoni, carta di giornale, quando non addirittura contenitori di plastica, Tetrapack, addirittura pannolini ed assorbenti e tantissimi altri rifiuti che non vengono smaltiti in modo corretto. Una delle leggi fisiche più note ed importanti, quella di Lavoisier dice: in natura nulla si crea e nulla si distrugge, tutto si trasforma. Questo vale per tutto, anche per i materiali chimici di cui sono composti i rifiuti che con tanta leggerezza bruciamo nella stufa di casa. Colle, plastica, vernici, quando bruciano si decompongono in sostanze che seppur invisibili ad occhio nudo (sarebbe meglio dire “soprattutto” perché invisibili) sono estremamente dannose e nocive per la salute dell’uomo e di tutti gli animali in genere. Se venisse proposto di istallare un inceneritore di rifiuti a pochi metri da casa nostra, quasi certamente si alzerebbe un coro di proteste, nascerebbero associazioni e gruppi di cittadini in opposizione, preoccupati giustamente per la propria salute. Ma se ci dicessero che le stufe domestiche, se bruciano ciò che non deve essere bruciato, diventano dei piccoli inceneritori più pericolosi ancora di quelli “ufficiali”? Eh sì, perché gli inceneritori sono impianti altamente tecnologici, studiati per limitare al massimo le emissioni degli inquinanti tramite la combustione di rifiuti a temperature adeguatamente elevate (che nelle nostre stufe è impossibile raggiungere), la presenza di filtri per limitare il passaggio degli inquinanti, il convogliamento dei fumi trattati in ciminiere che possano disperdere più lontano possibile il residuo tossico e, nonostante questo ed i limiti di legge, gli inceneritori restano una delle principali fonti emissive di diossina in atmosfera. I nostri “inceneritori domestici” sono assolutamente incontrollati ed emettono residui tossici a concentrazioni anche mille volte superiori in proporzione a quelli emessi da un vero inceneritore. Non esistono filtraggi e le cappe dei camini sono molto basse, così i fumi possono ricadere al suolo anche intorno alla nostra casa e nelle zone vicine, depositandosi nei giardini, negli orti, sui giochi all’aperto dei bambini. E nella stagione fredda l’aria contaminata può ristagnare molto a lungo. E facciamo attenzione: quando si parla di effetti nocivi, non stiamo parlando solo di un po’ di bruciore agli occhi e alla gola. Le sostanze inquinanti prodotte hanno nomi inquietanti, che evocano disastri ambientali drammaticamente noti. Si chiamano diossina, metalli pesanti, idrocarburi aromatici. Tutte sostanze con un livello di tossicità elevatissimo.

Continue reading Attenti al fuoco

Vantaggi per gli studenti

C’è tempo fino al 28 novembre per presentare le domande per gli assegni di studio e le facilitazioni di viaggio per l’anno scolastico 2014/2015. La giunta della Comunità Territoriale della Valle di Fiemme ha approvato recentemente i criteri e il bando per l’assegnazione di queste due agevolazioni riservate agli studenti.Gli assegni di studio sono contributi erogati agli studenti del primo e del secondo ciclo di istruzione e formazione, residenti in Provincia di Trento, di età non superiore ai vent’anni, a sostegno delle spese per la frequenza scolastica in scuole con sedi fuori valle. Verranno considerati costi per convitto, mensa, trasporto, libri di testo, tasse di iscrizione e rette di frequenza. L’assegno (per un valore massimo di 4.000 euro) sarà determinato in base alla condizione economica familiare e al merito scolastico. Le facilitazioni di viaggio, invece,  vengono erogate agli studenti del secondo ciclo di istruzione e formazione di età non superiore ai vent’anni. Sono concesse se lo studente non può usufruire di un servizio di trasporto pubblico a beneficio della frequenza scolastica, per un tragitto superiore ai 3 chilometri. Il valore del contributo viene calcolato in base alla valutazione della condizione economica familiare e alla distanza tra il luogo di residenza o di domicilio dello studente e il più vicino punto di raccolta del mezzo pubblico usufruibile per il raggiungimento della sede scolastica o formativa, oppure, nel caso di carenza di idoneo servizio di trasporto pubblico, per l’intero tragitto. Il beneficio è concesso fino all’importo massimo di 400 euro per un figlio e di 700 euro per due o più figli.Per entrambi i contributi, le domande vanno presentate, complete di tutta la documentazione, al Servizio Istruzione della Comunità territoriale della val di Fiemme, previo appuntamento (telefono 0462 241316 oppure 0462 241327), entro venerdì 28 novembre.

Continue reading Vantaggi per gli studenti

100 giorni e i commercianti sorrideranno

Sono a detta di molti i giorni migliori dell’intera stagione invernale. E’ il week and in cui calano dal nord gli appassionati della Marcialonga. Primi fra tutti i norvegesi e a seguire l’intero popolo dello sci di fondo. Soggiorneranno in Valle i nordici, coloro che si possono definire i clienti perfetti: educati, appassionati del loro sport nazionale e con buona disponibilità economica. Prima di loro, durante le vacanze natalizie avremo la visita degli italiani, che oramai arrancano e a seguire e per il resto della stagione, gli ormai tradizionali cechi e polacchi che, dicono le malelingue, fanno quello che possono. Ultimamente sono arrivati anche un po’ di russi che si dice siano danarosi ma leggermente scostanti. Ma noi, mentre incominciamo a fare il conto alla rovescia per la prossima stagione sciistica, ci auguriamo che tornino tutti, ma proprio tutti : squattrinati, scostanti e naturalmente anche coloro che fanno ciò che possono. Nel mentre aspettiamo speranzosi, non possiamo però fare a meno di sognare una Marcialonga in ogni fine settimana, con l’arrivo, dal nord, dei clienti perfetti.

Continue reading 100 giorni e i commercianti sorrideranno

La Filostra di Predazzo e le Ecosisters di Ziano di Fiemme

 Riduzione, riuso, riciclo sono le parole d’ordine di questa epoca. Lo sa di certo il centro gestito dalla “Filostra” e situato a Stalimen di Predazzo. Un anno di attività, 200 utenti, 25 volontari. Che sia il frutto della crisi e quindi di una maggiore attenzione al valore degli oggetti, oppure una coscienza ambientale che si sta sviluppando a macchia d’olio anche nel nostro territorio, certo è che sono oramai molte le iniziative che vengono dal “basso” e che stanno dando un forte segnale di cambiamento” culturale” nel nostro uso delle risorse. In queste prove di neo “ maturità ambientale” si colloca anche la bella realtà dalle «Ecosisters» di Ziano di Fiemme. E’ un gruppo nato per proporre spettacoli teatrali sulle tematiche dell’ambiente, destinante principalmente ai bambini, ma che gestisce anche uno spazio dedicato al riuso permanente selettivo. La sede è in vicolo Toneto, a pochi passi dalla piazza. Il centro accetta piccoli elettrodomestici, accessori da cucina, oggetti di decoro, utensili, abbigliamento da bambino (fino ai 6 anni), libri, giocattoli, orologi, quadri, computer portatili e vestiti e scarpe da adulto (solo se nuovi). Tutti gli oggetti conferiti devono essere funzionanti. Per ogni articolo conferito verranno assegnati dei punti, utilizzabili per prelevare altri oggetti. Il centro è aperto al lunedì dalle 20.30 alle 22 e al venerdì dalle 16 alle 18.

Continue reading La Filostra di Predazzo e le Ecosisters di Ziano di Fiemme