Guido Brigadoi

Vantaggi per gli studenti

C’è tempo fino al 28 novembre per presentare le domande per gli assegni di studio e le facilitazioni di viaggio per l’anno scolastico 2014/2015. La giunta della Comunità Territoriale della Valle di Fiemme ha approvato recentemente i criteri e il bando per l’assegnazione di queste due agevolazioni riservate agli studenti.Gli assegni di studio sono contributi erogati agli studenti del primo e del secondo ciclo di istruzione e formazione, residenti in Provincia di Trento, di età non superiore ai vent’anni, a sostegno delle spese per la frequenza scolastica in scuole con sedi fuori valle. Verranno considerati costi per convitto, mensa, trasporto, libri di testo, tasse di iscrizione e rette di frequenza. L’assegno (per un valore massimo di 4.000 euro) sarà determinato in base alla condizione economica familiare e al merito scolastico. Le facilitazioni di viaggio, invece,  vengono erogate agli studenti del secondo ciclo di istruzione e formazione di età non superiore ai vent’anni. Sono concesse se lo studente non può usufruire di un servizio di trasporto pubblico a beneficio della frequenza scolastica, per un tragitto superiore ai 3 chilometri. Il valore del contributo viene calcolato in base alla valutazione della condizione economica familiare e alla distanza tra il luogo di residenza o di domicilio dello studente e il più vicino punto di raccolta del mezzo pubblico usufruibile per il raggiungimento della sede scolastica o formativa, oppure, nel caso di carenza di idoneo servizio di trasporto pubblico, per l’intero tragitto. Il beneficio è concesso fino all’importo massimo di 400 euro per un figlio e di 700 euro per due o più figli.Per entrambi i contributi, le domande vanno presentate, complete di tutta la documentazione, al Servizio Istruzione della Comunità territoriale della val di Fiemme, previo appuntamento (telefono 0462 241316 oppure 0462 241327), entro venerdì 28 novembre.

Continue reading Vantaggi per gli studenti

100 giorni e i commercianti sorrideranno

Sono a detta di molti i giorni migliori dell’intera stagione invernale. E’ il week and in cui calano dal nord gli appassionati della Marcialonga. Primi fra tutti i norvegesi e a seguire l’intero popolo dello sci di fondo. Soggiorneranno in Valle i nordici, coloro che si possono definire i clienti perfetti: educati, appassionati del loro sport nazionale e con buona disponibilità economica. Prima di loro, durante le vacanze natalizie avremo la visita degli italiani, che oramai arrancano e a seguire e per il resto della stagione, gli ormai tradizionali cechi e polacchi che, dicono le malelingue, fanno quello che possono. Ultimamente sono arrivati anche un po’ di russi che si dice siano danarosi ma leggermente scostanti. Ma noi, mentre incominciamo a fare il conto alla rovescia per la prossima stagione sciistica, ci auguriamo che tornino tutti, ma proprio tutti : squattrinati, scostanti e naturalmente anche coloro che fanno ciò che possono. Nel mentre aspettiamo speranzosi, non possiamo però fare a meno di sognare una Marcialonga in ogni fine settimana, con l’arrivo, dal nord, dei clienti perfetti.

Continue reading 100 giorni e i commercianti sorrideranno

La Filostra di Predazzo e le Ecosisters di Ziano di Fiemme

 Riduzione, riuso, riciclo sono le parole d’ordine di questa epoca. Lo sa di certo il centro gestito dalla “Filostra” e situato a Stalimen di Predazzo. Un anno di attività, 200 utenti, 25 volontari. Che sia il frutto della crisi e quindi di una maggiore attenzione al valore degli oggetti, oppure una coscienza ambientale che si sta sviluppando a macchia d’olio anche nel nostro territorio, certo è che sono oramai molte le iniziative che vengono dal “basso” e che stanno dando un forte segnale di cambiamento” culturale” nel nostro uso delle risorse. In queste prove di neo “ maturità ambientale” si colloca anche la bella realtà dalle «Ecosisters» di Ziano di Fiemme. E’ un gruppo nato per proporre spettacoli teatrali sulle tematiche dell’ambiente, destinante principalmente ai bambini, ma che gestisce anche uno spazio dedicato al riuso permanente selettivo. La sede è in vicolo Toneto, a pochi passi dalla piazza. Il centro accetta piccoli elettrodomestici, accessori da cucina, oggetti di decoro, utensili, abbigliamento da bambino (fino ai 6 anni), libri, giocattoli, orologi, quadri, computer portatili e vestiti e scarpe da adulto (solo se nuovi). Tutti gli oggetti conferiti devono essere funzionanti. Per ogni articolo conferito verranno assegnati dei punti, utilizzabili per prelevare altri oggetti. Il centro è aperto al lunedì dalle 20.30 alle 22 e al venerdì dalle 16 alle 18.

Continue reading La Filostra di Predazzo e le Ecosisters di Ziano di Fiemme

Dolomitica, una stagione di medaglie

L’assemblea ordinaria delle società sportive U.S. Dolomitica ASD e ASD Dolomitica Nuoto CCT è stata anche l’occasione per celebrare i numerosi successi della passata stagione. Un bilancio economico in parità, mentre decisamente “in utile” quello dei risultati sportivi. Numerosi infatti gli atleti che hanno vinto medaglie nazionali: per la categoria salto speciale e combinata nordica Facchini Manuel ha vinto la medaglia d’oro individuale ai Campionati Italiani ragazzi di Tarvisio, Monteleone Gabriele la medaglia d’argento. Varesco Daniele si è aggiudicato la medaglia d’argento individuale ai Campionati italiani Juniores di Predazzo. Longo  Michele ha conquistato due medaglie di bronzo individuali ai Campionati italiani Allievi di Pellizzano. Per la categoria sci nordico e fondo Bernardi Riccardo ha vinto la medaglia d’oro individuale ai Campionati italiani Ragazzi di Asiago nella categoria gimkana e la medaglia d’argento nella staffetta mista. Facchini Davide la medaglia d’oro nella staffetta ai Campionati italiani Allievi di Vermiglio. Dellasega Angelica si è aggiudicata la medaglia d’argento ai campionati Juniores di Schilpario nella categoria Team Sprint e la medaglia d’argento nella staffetta ai Campionati di Campo Carlo Magno. Monteleone Marzia ha conquistato la medaglia di bronzo nella staffetta ai Campionati Italiani Allievi di Vermiglio. Nella categoria sci Alpino Felicetti Paolo ha vinto la medaglia d’oro ai Campionati italiani Master A5 di Pampeago e due medaglie d’argento ai Campionati Italiani Master a 5 di Tarvisio nelle specialità supergigante e slalom gigante. Per la categoria atletica Pamela Croce la ha conquistato numerosi trofei: la medaglia d’oro individuale nel salto in alto, due medaglie di bronzo nel salto in lungo e, negli 80 metri piani, ai Campionati italiani di atletica leggera di Grosseto, la medaglia d’argento individuale nel salto in alto ai campionati italiani Cadetti di Borgo Valsugana. Ferrari Matteo ha vinto la medaglia d’argento individuale nel salto in lungo ai Campionati Italiani di atletica leggera di Belluno e due medaglie d’argento individuali nei 60 metri ostacoli e nei 60 metri piani ai Campionati di atletica leggera di Grosseto. Vanzo Vito ha conquistato la medaglia d’oro individuale nei 5000 metri di corsa ai Campionati di atletica leggera di Belluno. Gli atleti della società di nuoto si sono classificati al quarto posto nella fase regionale della Coppa “Caduti di Brema”, davanti a società molto blasonate.

Continue reading Dolomitica, una stagione di medaglie

I Flamings si trasformano nei Pink Floyd

La band nasce dalle ceneri di un gruppo omonimo che si era sciolto una decina di anni fa. Riprendendone il nome (“Flamings” è uno dei primi successi del gruppo inglese), alcuni componenti del nucleo originale hanno riunito una decina di appassionati dei Pink Floyd, dai 20 ai 40 anni, provenienti da Fiemme e Fassa: ne fanno parte Marco Giacomelli, Pamela Ghetta e Martina Cavulli alla voce, Silvano Longo al basso, Vito Vaia e Marco Ferrari alla chitarra, Roberto Monsorno e Riccardo Dellantonio alla tastiera e Alessandro Favilla alle percussioni. Questa dichiarazione evidenzia la loro lucidità nell’affrontare questi mostri sacri del rock. “ Con i Pink Floyd non basta aver un bel assolo di chitarra se l’atmosfera che crei non si avvicina neanche lontanamente a quella suggerita dal pezzo”. La sfida con il gruppo inglese e di quelle che fanno tremare i polsi ad ogni musicista. Ma allo scorso Suan Rock il battesimo del pubblico è andato bene. Non resta che entrare ancora di più nel mondo stralunato e psichedelico di Gilmour &Co.

Continue reading I Flamings si trasformano nei Pink Floyd

A passo di gambero

Il bar al Bivio, tra Carano e Castello di Fiemme ha ridotto, da poco più di un mese, l’orario di apertura. Chiude i battenti alle 23.00 invece dell’una di notte. Poco il movimento la sera e dopo 10 anni di attività notturna non ha ritenuto più conveniente tenere aperto l’esercizio oltre le undici di sera. Altri locali stanno facendoci un pensierino poiché gli studi di settore penalizzano l’apertura”lunga” ed una costante diminuzione delle entrate rende antieconomico il servizio serale.E’ altresi’ di questo periodo la valutazione, da parte della Giunta Provinciale dell’anti economicità dei punti nascita periferici, compreso quello dell’Ospedale di Cavalese . Costano troppo e sarebbe più conveniente partorire in città. Sulla difficoltà di trovare lavoro nelle Valli da parte dei nostri ragazzi, si è detto e scritto anche troppo. Oramai sono costretti a guardare lontano e a pensare al loro futuro lontano da Fiemme e Fassa.Questi tre argomenti cosi’ diversi tra loro, hanno un denominatore in comune: la crisi e la minore disponibilità di risorse. Certo, le decisioni della politica non possono prescindere dai denari disponibili, ma siamo sicuri che la valutazione delle priorità nella scelta dei tagli debba avere come unico parametro i soldi che si possono risparmiare tagliando i servizi ai cittadini? Non è la vera priorità quella che le nostre comunità mantengano quel po’ di auto determinazione ed autosufficienza che hanno conquistato in decenni ? Se verrà deciso che è economicamente più vantaggioso accorpare altri servizi in città, non trascorrerà molto tempo che ci troveremo senza più vita sociale, servizi per i cittadini e nuove forze ed energie giovanili che proiettino Fiemme e Fassa nel futuro. Se ciò dovesse davvero accadere faremo un grande passo da gamberi. Un vero tuffo nel passato.

Continue reading A passo di gambero

E filava la lana

Nell’epoca dei telai computerizzati capaci di produrre in poco tempo migliaia di tele tutte perfette, ma tutte identiche, scoprire un telaio in legno del 1956 ancora funzionante, in una casa di Tesero, ha il sapore di un ritorno al passato. Ma Franca Vanzetta, 67 anni, è convinta che la tessitura a mano abbia ancora un futuro. Ha imparato a usare il telaio nella scuola di tessitura di Tesero, fondata nel 1938 dall’allora podestà di Cavalese Angelo Betta e da Fulvia Piazzi, con l’obiettivo di insegnare un mestiere alle giovani in modo da non costringerle ad andare nelle città a lavorare come inservienti domestiche. All’epoca in val di Fiemme c’erano tante pecore, quindi la lana non mancava. Alle ragazze veniva insegnato a filarla e a lavorarla. Quando Franca si è iscritta alla scuola, nel 1962, le allieve erano 13: avevano molte richieste di lavoro e in estate presentavano le loro creazioni alle mostre dell’artigianato locali, ma anche a Firenze e a Milano. Le ragazze percorrevano a piedi la Val di Fassa per portare negli hotel i depliant con i loro prodotti: tende in lino e canapa, tappeti, scialli, scarpe, lenzuola, copriletto, stoffe mezzalana. «La scuola, che si trovava nell’attuale Casa della Cultura, possedeva anche un follatore, un macchinario che serviva per lavorare la stoffa utilizzata per giacche e cappotti. All’inizio degli anni Settanta cominciarono a mancare le iscrizioni: «Si vendeva meno, alcune ragazze preferivano lavorare nel settore industriale e l’allora sindaco aveva fatto un appello alle donne affinché restassero a casa, a occuparsi della famiglia. In poco tempo siamo rimaste in tre: abbiamo rilevato i telati della scuola e continuato l’attività per conto nostro. Poi per varie ragioni sono rimasta sola: ho continuato a tessere, ma non ho potuto portare avanti una vera e propria attività». Le sue creazioni però sono molto richieste: recentemente le tende per il Comune di Tesero e quelle per l’assessorato provinciale alla solidarietà, ricamate con i loghi dei due enti. Franca oggi collabora con il museo etnografico di San Michele, con l’ecomuseo di Pejo, partecipa a manifestazioni e rievocazioni. E da una decina di anni tiene corsi nelle scuole: «Con La Rosa Bianca abbiamo fatto un progetto di semina, raccolta e tessitura del lino ad Anterivo. Ho tenuto lezioni ad adulti e, con piccoli telai anche fai da te, alle elementari e medie, ricavando dall’entusiasmo e dalla curiosità dei bambini molta gioia». Ultimamente Franca ha riscoperto un’altra arte, anche questa tramandata per secoli, le creazioni con le foglie di granoturco. Il suo sogno? «Trovare qualcuno desideroso di iniziare un’attività di tessitura: è vero, è un lavoro faticoso, che richiede tempo, pazienza, precisione, ma anche fantasia e creatività. La concorrenza dei telai automatizzati è forte. Ma ci sono ancora molte persone capaci di riconoscere e pagare il valore di un lavoro artigianale. Io sono pronta a insegnare tutto ciò che ho imparato in oltre cinquant’anni passati al telaio».

Continue reading E filava la lana

40 anni, ma non li dimostra

Verona,12 ottobre 2014, ore 18.30. Un nostro lettore ci ha postato questa bella immagine dell’Arena di Verona. Lo spettacolo in scena è Jesus Christ Superstar. Nel teatro all’aperto più grande e prestigioso del mondo, si sono celebrati i 40 anni del più conosciuto musical dell’era moderna. Con questo evento l’Arena ha chiuso i battenti di una stagione lunga e ricca di spettacoli, proponendo, come sempre, dall’opera lirica al musical, dai grandi concerti rock al balletto. Per gli appassionati di Jesus Christ Superstar l’appuntamento si sposta al teatro degli Arcimboldi a Milano.

Continue reading 40 anni, ma non li dimostra

E’ bello stare insieme

Il tendone si riempirà di nuovo sabato e domenica prossima cosi’ come e accaduto sabato scorso. Per il quinto anno consecutivo, Predazzo accoglierà una marea di persone che hanno riscoperto il piacere di stare insieme. Non a Monaco di Baviera, ma in valle di Fiemme. Una idea, quella dell’Oktoberfest made in Fleimstal, geniale nella sua semplicità. Non era affatto scontato che i ragazzi e in tale numero, avrebbero accolto con entusiasmo questo tuffo nel passato. E non era affatto ovvio che i meno giovani vi avrebbero aderito con tanta partecipazione. Forse, però, la cosa più bella dell’Oktoberfest di Predazzo è che in questa manifestazione, le famiglie riscoprono il piacere di stare insieme: i giovani con i vecchi, le nuove generazioni dell’era della rete con coloro che guardano al passato con nostalgia. Chi se ne importa se è solo per mangiare, bere e ballare. E’ comunque un buon auspicio per il futuro della nostra comunità.

Continue reading E’ bello stare insieme

L’arcobaleno di Karin

Sono parole delicate, in alcune pagine anche forti. Parole dolci e allegre o tristi e amare, specchio di emozioni e di esperienze personali. Sono le poesie di Karin Giacomelli raccolte nel libro “Il mio arcobaleno”, un libro di poesie e fotografie: mix perfetto per evocare magia, suscitare riflessioni.
Si tratta della prima raccolta pubblicata da Karin. Fino ad ora le sue poesie hanno partecipato (vincendo anche qualche premio) ad alcuni concorsi a livello nazionale e sono apparse puntualmente una ogni numero, sulle pagine di “El Paes”, il giornalino di Ziano. Viste tutte insieme, però, queste poesie fanno un altro effetto. Leggendole di seguito si ha l’impressione di leggere un diario: e di questo, infatti, si tratta. Perchè per Karin scrivere poesie è uno sfogo personale, un modo per affrontare la vita, fissare le emozioni. Le parole nascono spontaneamente nel suo cuore e nella sua mente e le scrive di getto, senza pensarci troppo. Per Karin pubblicare questo libro è stata una grande sfida con se stessa. Ha significato mettersi a nudo davanti a tutti perchè nelle sue poesie c’è lei, la sua vita. Riuscire a vincere questa sfida ha significato, però, anche realizzare un sogno che da tanto tempo teneva nel cassetto.

Continue reading L’arcobaleno di Karin