News

Seconda edizione della Fiemme Rollerski Cup

Cermis Final Climb più prestigiosa che mai, i prossimi 15 e 16 settembre, fra Coppa del Mondo FIS, Guide World Classic Tour e le parentesi dedicate agli amatori. Il challenge scandinavo lo scorso anno ha portato in Val di Fiemme fuoriclasse del livello di Anders Aukland, autentica leggenda dello sci di fondo, Ilya Chernousov, protagonista Visma Ski Classics ed ultimo vincitore della Marcialonga di Fiemme e Fassa, Sjur Roethe, e ancora il campione olimpico Evgenij Dementiev, il nostro Dietmar Noeckler e Justyna Kowalczyk, vincitrice di ben quattro edizioni del Tour de Ski che, come la Fiemme Rollerski Cup, termina sulla storica erta che esalta la fatica dei fondisti d’inverno e degli skirollisti d’estate.

La Coppa del Mondo FIS dedicherà agli atleti, sabato 15 settembre, due Mass Start in tecnica libera, mentre alla tecnica classica verrà riservata la giornata di domenica.

Domenica la località di Ziano di Fiemme darà anche il via agli skirollisti élite del Guide World Classic Tour, oltre alle gare di Coppa del Mondo e quella degli amatori, impegnati nelle sfide Long & Short Distance.

Continue reading Seconda edizione della Fiemme Rollerski Cup

M’illumino di meno

Doppio appuntamento a Predazzo per la settimana di M’illumino di meno, l’iniziativa dedicata al risparmio energetico che, proposta dalla trasmissione Caterpillar di Radio 2, quest’anno ha raggiunto la quattordicesima edizione. Mercoledì 21 febbraio la biblioteca di Predazzo, in collaborazione con il MUSE di Trento, organizza presso l’aula magna del municipio alle ore 20.30 la serata dal titolo “Con i piedi per terra!”. Quest’anno Caterpillar ha dedicato M’illumino di Meno al camminare, all’andare a piedi, alla necessità di cambiare passo, invitandoci a pensare che sotto i nostri piedi c’è la Terra. Partendo da questa premessa il relatore Manuel Ballatore, naturalista e divulgatore prima del MAcA di Torino e oggi del MUSE, approfondirà il tema l’impronta ecologica, uno strumento per calcolare il nostro impatto sul pianeta. Un modo per riflettere sui consumi domestici legati all’energia elettrica e non solo, per interrogarsi sulla sostenibilità e sugli obiettivi di sviluppo sostenibile, in un dialogo sul rapporto tra l’uomo e il pianeta Terra, con riferimento agli Obiettivi di Sostenibilità dell’ONU. L’ingresso è libero e gratuito.
Per venerdì 23 febbraio la biblioteca, in collaborazione con il Parco di Paneveggio Pale di San Martino, propone invece il laboratorio per ragazzi dai 6 agli 11 anni dal titolo “Mi illumino di meno e…indovina cosa vedo”?”. L’appuntamento si propone di condurre alla scoperta di ciò che è possibile vedere “abbassando la luce” e cioè la ricchezza e complessità del mondo notturno. Il laboratorio tenuto dall’educatrice ambientale Federica De Luca si svilupperà in due fasi, una più esplorativo/naturalistica con una caccia agli indizi e una più creativa con la realizzazione di un simpatico pipistrello a ricordo della giornata. L’appuntamento è alle 16.30 in biblioteca. E’ prevista la partecipazione di massimo 15 partecipanti. L’evento è gratuito ma richiede la prenotazione, anche telefonica, in biblioteca.

 

Continue reading M’illumino di meno

Invisibili generazioni

Terzo appuntamento con la “Stagione di Prosa 2017-2018”, organizzata dal Comune di Predazzo con la collaborazione del Coordinamento Teatrale Trentino. Il 23 febbraio alle 20.30, al Cinema Teatro, la compagnia Elementare Teatro porterà in scena “Invisibili generazioni”, testo e regia di Carolina De La Calle Casanova, con Marco Ottolini, Paola Tintinelli, Valentina Scuderi e Federico Vivaldi. Lo spettacolo dà voce a chi ha lasciato l’Italia per trovare lavoro e progettare una nuova vita dopo la crisi che ha colpito il Paese, raccontando la loro fatica e le loro speranze. Una commedia grottesca e punk che canta il cambiamento in atto.

Vista la tematica, lo spettacolo, commissionato e co-prodotto dall’Ufficio Emigrazione della Provincia Autonoma di Trento nell’ambito del progetto Trentino Global Network – TgN, sarà proposto in mattinata anche agli studenti.

Il biglietto di ingresso costa 8 euro intero e 5 euro ridotto (per ragazzi fino a 18 anni, studenti universitari, iscritti UTETD e over 65). I biglietti possono essere acquistati in prevendita presso gli sportelli delle Casse Rurali del Trentino fino alle ore 15.30 del giorno di programmazione, online sul sito www.primiallaprima.it o direttamente la sera dello spettacolo dalle 20 alle 21 presso la biglietteria del teatro.

 

Continue reading Invisibili generazioni

Già si lavora alla Marcialonga Craft

Da poco conclusasi la mitica ski-marathon di Fiemme e Fassa, per il comitato organizzatore trentino e per tutti gli sportivi amanti della Marcialonga è giunto il momento di pensare alla prossima meta: la Marcialonga Craft di domenica 27 maggio, una scelta temporale che è anche un ritorno alle origini per la gara ciclistica.

I fondisti si stanno ancora divertendo sulla pista Marcialonga in questo lungo inverno innevato, ma tra pochi mesi le spettacolari vallate trentine passeranno dall’essere viste dagli sci da fondo al sellino di una bicicletta… Per il rinnovato brand della Marcialonga Craft e dei suoi eventi di contorno è stato scelto il rosso, il colore della passione, dell’energia e dell’azione, qualità che ben rappresentano il ciclismo e chi lo pratica, mentre il gadget tecnico offerto dal main sponsor Craft Sportswear per il pacco gara sarà di colore nero, una felpa con cappuccio e marsupio, sulla quale è ricamato il nuovo logo dell’evento.

La quota d’iscrizione fino al 26 aprile è di 35 euro, alla scoperta dei percorsi di 80 km e 1894 metri di dislivello e di 135 km e 3279 metri di dislivello, fra le cime che hanno fatto la storia del ciclismo in generale e del Giro d’Italia in particolare: l’arcigno Monte San Pietro, il selettivo Passo Lavazè, lo storico Passo San Pellegrino e il Passo Valles, ‘Cima Coppi’ del Giro 1978, quando transitò per primo in vetta Gianbattista “Gibi” Baronchelli. La partenza e l’arrivo di entrambi gli itinerari di gara sono previsti a Predazzo.

L’itinerario mediofondo di 80 km è aperto anche ai Cicloturisti in possesso di certificato medico di idoneità all’attività sportiva poiché, prima che agli ambiziosi corridori che puntano alle prime posizioni, Marcialonga Craft vuole essere un invito a percorrere un’emozionante passeggiata primaverile su due ruote, tenendosi in forma e concedendosi magari anche qualche giorno di vacanza fra l’incommensurabile bellezza delle Valli di Fiemme e Fassa, leitmotiv delle vacanze montane dei turisti e degli eventi sportivi Marcialonga.

Continue reading Già si lavora alla Marcialonga Craft

Val di Fassa Bike, aperte le iscrizioni

Sono finalmente aperte le iscrizioni online alla 11° Val di Fassa Bike, in programma domenica 9 settembre 2018 nella splendida cornice di Moena e della Val di Fassa. La prestigiosa manifestazione di mountain bike che nelle ultime edizioni ha visto una folta partecipazione di campioni provenienti da tutto il mondo, grazie all’importante lavoro di restyling attuato dal Comitato Organizzatore Val di Fassa Events ASD sia a livello di tracciati di gara che di servizi agli atleti ed eventi collaterali, proporrà anche quest’anno 3 diversi percorsi adatti a tutti i livelli di preparazione con partenza dal centro di Moena e, a grande richiesta, il succulento pranzo con menù tipico trentino.

C’è però un’importante novità che sicuramente farà piacere ai top bikers: il percorso lungo Hard Track, definito dal Campione Italiano Marathon Juri Ragnoli un vero e proprio parco giochi della mountain bike per le sue caratteristiche uniche, tra salite impegnative, veloci discese, divertenti single track e meravigliosi scorci panoramici sulla Val di Fassa, avrà una lunghezza di 60 km venendo così promosso a “gara marathon” e portando a termine il progetto di rinnovamento fortemente voluto dal Comitato Organizzatore e, in particolar modo, dal responsabile tecnico della Val di Fassa Bike Gianfranco Degiampietro.

Il percorso Easy Track sarà invece ancora più semplice con una lunghezza complessiva di circa 32 km, mentre resterà invariata la Up Hill Lusia Legend dedicata agli scalatori che vogliono confrontarsi esclusivamente con la mitica salita del Lusia (9 km per circa 1000 metri di dislivello) terminando quindi la loro gara al GPM di Le Cune (2200 m).

Come sempre la Val di Fassa Bike sarà aperta anche ai cicloturisti offrendo cosi l’opportunità a tutti gli amanti di questo sport senza velleità agonistiche di vivere l’atmosfera che una competizione di alto livello sa regalare in un contesto presidiato sia dal punto di vista dell’assistenza medico sanitaria e di sicurezza che dei servizi di ristoro lungo il percorso.

Diventa quindi davvero imperdibile la promozione di San Valentino che propone l’iscrizione alla Val di Fassa Bike 2018 a soli € 25,00 tutto incluso, con uno sconto di ben € 10,00 rispetto al costo previsto dal comitato organizzatore per chi si iscrive entro il 30 giugno 2018 e di € 15,00 rispetto al costo dell’iscrizione fatta nei due mesi che precedono la gara.

Per quanto riguarda infine le iniziative collaterali: confermatissima la Val di Fassa Bike Boys nel pomeriggio di sabato 8 settembre presso il parco Vischia de Sach a Soraga, poco distante dal centro di Moena, per bambini e ragazzi dai 6 ai 16 anni, con premiazione dei primi tre classificati per ogni categoria. Sempre nella giornata di sabato sono previste escursioni guidate “Alla scoperta delle Dolomiti della Val di Fassa” di vario e tipo e livello, con possibilità di partecipare anche utilizzando le e-bike. La sera, poi, nel centro di Moena, si svolgerà il consueto spettacolo di Bike Trial a cura di Daniel Degiampietro ed Ezio Zeni, atleti della società Racing Fiemme e Fassa asd, e domenica, durante la gara, spazio al divertimento dei più piccoli, dj set, street food e area expo nel Bike Village in piazza Navalge.

Per maggiori informazioni e iscrizioni: www.valdifassabike.it

Continue reading Val di Fassa Bike, aperte le iscrizioni

35.a edizione dello Skiri Trophy XCountry

I giovani del fondo potranno rivivere le proprie gesta alla 35.a edizione dello Skiri Trophy XCountry al Centro del Fondo di Lago di Tesero (TN), sui canali di Rai Sport martedì 13 febbraio alle ore 14.50 del pomeriggio e mercoledì 14 febbraio alle ore 2 notturne e alle ore 6 mattutine, con il commento del giornalista Rai Gianfranco Benincasa. Tre appuntamenti praticamente ad ogni fascia d’orario per lo spettacolare “mondiale” giovanile del Gruppo Sportivo Castello.

Continue reading 35.a edizione dello Skiri Trophy XCountry

1°Dolomiti Food Jazz

Con la musica si mangia. Il Dolomiti Ski Jazz si assapora a anche a tavola, grazie alla nuova rassegna enogastronomica trentina Dolomiti Food Jazz. Dal 10 al 17 marzo 2018, ristoranti e rifugi della Val di Fiemme compongono “piatti musicali” con le note aromatiche di formaggi della valle, vini del Trentino, Birra di Fiemme e altre chicche chilometro zero.

Dieci chef della Val di Fiemme sono pronti a scatenare performance saporite ispirandosi al jazz, mentre nei pub, nei teatri e nei rifugi della Val di Fiemme, dal 10 al 17 marzo, si esibiscono gli oltre 60 artisti del 21° Dolomiti Ski Jazz, fra cui i celebri Gegè Telesforo, Javier Girotto, Francesco Bearzatti e Scott Hamilton.

L’emancipazione della cucina tradizionale della Val di Fiemme ripercorre per otto giorni i binari dell’emancipazione della musica jazz, segnando un’era della gastronomia di montagna, dove improvvisazioni ribelli generano gradevoli oscillazioni fra i sapori locali.

Fra i piatti ispirati al più noto festival di musica nera su sfondo bianco, si affacciano volti e suoni leggendari del jazz. Si va dal piatto Billie Holiday, caronzei (ravioli) di ricotta affumicata e rapa rossa con burro al papavero, al Louis Armstrong, vellutata di pane nero con uova in camicia, spinaci e cubetti di Puzzone di Moena di Malga. Spiccano vivaci jam session di verdure con gnocchi di rapa rossa e cuore di caprino, mentre curiosi “sigari” di manzo strizzano l’occhio al sigaro del contrabbassistapianista e compositore jazz Charles Mingus.

Se i tortelli di formaggio di capra su vellutata di porri con noci pestate, evocano lo swing del grande pianista e compositore jazz Duke Ellington, una fusione di formaggi su polenta venera l’unione artistica fra Charlie Parker e il suo sassofono.

Si ricorda infine il fascino di Miles Davis, il famoso trombettista jazz dal look sgargiante e variopinto, con sfere di pane verdi dal cuore di formaggio Puzzone di Moena, su letto di cappucci viola.

Di ristorante in rifugio, si assaporano ensemble di formaggi rinomati, come il Formae Val Fiemme del Caseificio Sociale Fiemme, di Cavalese, e il Puzzone di Moena del Caseificio Sociale di Predazzo.

Ogni piatto jazz è abbinato a un vino trentino e del Consorzio Cembrani Doc o a una Birra artigianale di Fiemme. L’accordo multisensoriale fra Dolomiti Ski Jazz e Dolomiti Food Jazz, con i suoi intervalli armonici, crea una nuova alchimia di musica, neve e sapore.

Il Dolomiti Food Jazz abbraccia eventi gastronomici già consolidati dalla Strada dei Formaggi delle Dolomiti, come le colazioni dolomitiche di Trentino Ski Sunrise e le degustazioni di Happy Cheese.

I formaggi di Fiemme offrono così altri sei momenti golosi sulle piste da sci e nei paesi. Dalla sconfinata colazione dolce e salata di Trentino Ski Sunrise, al Rifugio Monte Agnello di Pampeago, giovedì 15 marzo, ai 4 appuntamenti sfiziosi di Happy Cheese. Al Rifugio Passo Valles, il 9 marzo (ore 17.00), si parte con “Tast the Sunset”, l’apericena con i formaggi di Fiemme, speck e salumi del Maso dello Speck, erbe di montagna di Elio Barbugli e vini del Trentino. Quindi, Happy Cheese propone la degustazione “Puzzone di Moena Dop e vini del Trentino” a Baita Ciamp dele Strie di Bellamonte, sabato 10 marzo (ore 11.00), a Baita Passo Feudo di Predazzo, venerdì 16 marzo (ore 11.00), al wine bar Hotel Ancora di Predazzo, venerdì 16 marzo (ore 18.00). Domenica 11 marzo è attesa la “Cena con il casaro Alberto del Caseificio di Fiemme”, al Ristorante Osteria La Cantinetta di Varena, fra deliziose armonie di formaggi.

INFO: tel. 0462 241111, info@vistitfiemme.it – www.visitfiemme.it

 

 

 

Continue reading 1°Dolomiti Food Jazz

Il Dolomiti Ski Jazz sta scaldando i motori

L’esperienza di ascolto è delle più insolite e stimolanti, che la si viva con gli sci ai piedi oppure rilassati sulle terrazze panoramiche dei più noti rifugi del comprensorio dolomitico: con il Dolomiti Ski Jazz la musica esce dai teatri e raggiunge le piste da sci, creando un intreccio di natura, sport invernali ed emozioni sonore. La ventunesima edizione del festival si terrà dal 10 al 17 marzo in tutta la Val di Fiemme (TN).

Artisti di fama come Gegè Telesforo, Javier Girotto, Francesco Bearzatti, Scott Hamilton saranno coprotagonisti del festival assieme ai più suggestivi panorami delle Dolomiti innevate, quelli che si potranno ammirare dai luoghi scelti per i concerti diurni in alta quota, lungo le piste da piste da sci che transitano per il Ciamp de le Strie (Bellamonte), il Rifugio Zischgalm (Pampeago), l’Eurotel (Cermis), lo Chalet Valbona (Alpe Lusia), il Rifugio Passo Feudo (Ski Center Latemar), il Rifugio Monte Agnello (Pampeago). E per gli amanti delle escursioni a piedi in mezzo alla neve il Rifugio Fuciade (Passo San Pellegrino).

Ogni giorno all’ora di pranzo, il Dolomiti Ski Jazz sale in alta quota. Qui i panorami innevati offrono una scenografia naturale maestosa ai concerti (tutti a ingresso gratuito) che si tengono all’aperto.

In vetta, il jazz assumerà mille sfumature, come in uno slalom tra gli stili musicali. A esibirsi per primi lungo le piste saranno i sette scatenati musicisti della Tiger Dixie Band, che rinnovano i coinvolgenti fasti del jazz delle origini in stile New Orleans (sabato 10 marzo al Ciamp de le Strie, Bellamonte). In questa sua prima tappa, il festival incontrerà l’appetitosa manifestazione Happy Cheese, rassegna gastronomica che propone gustosi abbinamenti tra i formaggi della valle e i migliori vini del Trentino. Sonorità più moderne ma sempre cariche di feeling sono quelle del quartetto dell’organista Alberto Marsico (l’11 al Rifugio Fuciade, Passo San Pellegrino). I ritmi volgono all’etnico, esaltando le origini africane, con la band italo-senegalese Kora Beat (il 13 al Rifugio Zischgalm, Pampeago). Il 14 all’Eurotel (Cermis) un nuovo incontro con le sonorità groovy del jazz a base di organo con il trio “Porti di mare” del sassofonista Marco Castelli. Con la band della cantante statunitense Shanna Waterstown le emozioni del soul e il rhythm and blues penetreranno nelle formule jazzistiche (il 15 allo Chalet Valbona, Alpe Lusia). Jazz dai delicati equilibri è quello della chitarrista e cantante Francesca Bertazzo Hart, in quartetto il 16 al Rifugio Passo Feudo (Ski Center Latemar): occasione in cui il festival incontrerà per la seconda volta le prelibatezze enogastronomiche di Happy Cheese. Quest’anno una nuova location si aggiunge alle tappe d’alta quota ormai classiche del festival: il Rifugio Monte Agnello (Pampeago). Qui si terrà l’ultimo concerto open air, il 17, con la band della vocalist Eva Eminger: il passaporto è della Repubblica Ceca ma la musica è rigorosamente swingante secondo la tradizione statunitense.

Al calar del sole il Dolomiti Ski Jazz scende a valle e si accomoda in teatro. Anche senza la tenuta sportiva da sci la musica continua a essere dinamica e coinvolgente. A dare la misura dell’equilibrio tra arte ed entertainment, tra messaggio impegnato ed emozioni travolgenti, ci saranno serate come quella con il quintetto del vocalist, oltre che celeberrimo conduttore radio-televisivo, Gegè Telesforo e quella con il Tinissima Quartet del sassofonista Francesco Bearzatti. Swing e groove a volontà con Telesforo, sabato 10 marzo all’Auditorium Palafiemme di Cavalese; un esuberante inno alla libertà con il programma musicale di Bearzatti “This Machine Kills Fascists”, ispirato a Woody Guthrie (il 17 al Cinema Teatro Comunale di Predazzo).

Tra queste due date si incastoneranno le presenze del pianista francese Christian Sauvage, in un solo aperto ai profumi musicali del Mediterraneo e dell’Africa (il 12 al Palazzo della Magnifica Comunità di Cavalese); dei Barionda, formazione dall’organico quanto mai eccentrico, con quattro notevoli solisti provenienti da Argentina, Austria e Italia tutti al sax baritono: Javier Girotto, Florian Bramböck, Helga Plankensteiner e Giorgio Beberi (il 13, Sala Polifunzionale di Castello di Fiemme); del trio di Michele Polga, sassofonista di rara intensità (il 14 al Cheers Bar di Cavalese). E poi ancora due serate che sottolineano lo spirito di fratellanza internazionale: il 15 con il sassofonista statunitense Scott Hamilton, una delle voci più imponenti a livello mondiale quando si parla di modern swing, che guiderà un quartetto con presenze da Italia e Svizzera (Teatro Comunale di Tesero); il 16 con l’Hardrada Quartet, che riunisce musicisti e idee da Danimarca, Francia, Germania e Italia (Wine Bar Bellavista, Cavalese).

Si segnala inoltre l’esordio concertistico della neonata “Penta Big Band” della Scuola di Musica “Il Pentagramma” di Tesero, diretta da Paolo Trettel, chiamata sul palco per un breve set di apertura prima del concerto di Scott Hamilton il 15 a Tesero.

 In aggiunta ai caratteristici live all’aperto in alta quota e ai concerti di prima serata, il festival ospiterà anche quest’anno le tradizionali jam session notturne, che catapultano musicisti e ascoltatori in quella dimensione informale di libera creatività che è il fondamento dalla musica jazz. La prima jam sarà mercoledì 14 marzo al Cheers Bar di Cavalese (dopo l’esibizione del trio di Michele Polga). Si tornerà poi a improvvisare a ‘piede libero’ sugli standard il 16 al Wine Bar Bellavista di Cavalese (dopo la serata col quartetto Hardrada). E un concerto con jam a seguire farà da colonna sonora per la chiusura di sipario sul festival: sabato 17 dalle ore 23 al Poldo Pub di Predazzo si esibirà il Curly Frog Power Trio, formazione capace di coniugare il blues su un’ampia gamma di emozioni.

Ci sarà spazio anche per una presentazione editoriale il pomeriggio del 16 marzo alla Biblioteca Comunale di Predazzo, con Raul Catalano che parlerà del suo La filosofia di Han Bennink. L’improvvisazione secondo un batterista (Mimesis Edizioni).

Dolomiti Ski Jazz 2018 è organizzato dall’Azienda per il Turismo della Val di Fiemme, in collaborazione con Trentino Sviluppo, il Consorzio Impianti a Fune Val di Fiemme Obereggen, i comuni di Cavalese, Predazzo, Tesero, Castello Molina di Fiemme e Ziano di Fiemme.

Informazioni:

APT Val di Fiemme:

tel. 0462 241111

e-mail: monica.deflorian@visitfiemme.it

Dolomiti Ski Jazz:

sito web: www.dolomitiskijazz.com

e-mail: info@dolomitiskijazz.com

Biglietti:

Tutti i concerti sono gratuiti, tranne quelli di:

Gegè Telesforo: biglietto intero euro 15; ridotto euro 10

Barionda; Scott Hamilton; Francesco Bearzatti: biglietto intero euro 10; ridotto euro 8

Abbonamento Fidelity Card: euro 25 (ingresso a tutti i concerti nei teatri)

Riduzioni per giovani 12-25 anni e over 65.

Bambini fino a 12 anni: gratis.

Direttore artistico: Enrico Tommasini

Ufficio Stampa: Daniele Cecchini

cell. 348 2350217

e-mail: dancecch

Continue reading Il Dolomiti Ski Jazz sta scaldando i motori

Casapound commemora le vittime del Cermis

CasaPound ricorda le vittime della strage americana del Cermis a vent’anni dalla tragedia che si consumò in Val di Fiemme, provocò 20 vittime e tanto sconvolse gli animi dei trentini. “I morti di questa strage gridano giustizia – queste le parole di Filippo Castaldini, responsabile di CasaPound Trento – una strage i cui responsabili furono quattro piloti americani che volando a bassa quota tagliarono i cavi della funivia del Cermis e provocarono la morte di 20 persone. I responsabili non furono mai processati sotto la giurisdizione italiana ma da un tribunale militare americano che li assolse in pieno da tutte le accuse”.

“La reazione del governo di allora – prosegue la nota – fu così blanda da disonorare la memoria delle vittime. Il giudice decise immediatamente di affidare l’indagine al tribunale americano con il risultato che due dei membri dell’equipaggio non furono neanche processati mentre i restanti due dopo un breve processo furono subito assolti”.

“Ricorderemo ogni anno questa tragedia – conclude la nota – perché riteniamo importante che la gente non dimentichi, soprattutto oggi, nel giorno del ventennale di quel terribile accadimento, auspicando che mai più simili episodi debbano rimanere senza giustizia”.

Continue reading Casapound commemora le vittime del Cermis

Moena Ski Alp: Alex Oberbacher si conferma il re della gara

Quasi 200 atleti e appassionati di scialpinismo hanno partecipato alla 5° Moena Ski Alp, gara in notturna valida come seconda prova del Trofeo IV Valli, andata in scena ieri sera con partenza dalla stazione a valle della telecabina Ronchi-Valbona-Le Cune (1360 m) e arrivo allo Chalet Valbona (1830m), nel cuore della Val di Fassa.

Come successo la scorsa settimana al 22° Memorial Fausto Giacomuzzi, gara d’apertura del circuito, è stato il team Bogn da Nia a farla da padrone piazzando i suoi atleti su tutti i gradini del podio di tutte le categorie, sia in campo maschile che femminile. Il giovane campione Alex Oberbacher ha confermato l’ottima performance di Castelir-Bellamonte imponendosi per il secondo anno consecutivo alla Moena Ski Alp con il tempo di 18’49” davanti ai compagni di squadra Michael Zemmer (19’04”) e Simone Manfroi (19’24”). Tra le donne vittoria assoluta di Giorgia Felicetti in 24’16” su Carla Iellici (24’52”) e Francesca Rossi (25’40”), tutte portacolori del team Bogn da Nia. Giorgia Felicetti è stata premiata anche come prima classificata della categoria Junior femminile insieme ad Alessandro Morandini (23’10”) per la gara maschile.

Tra i runners hanno avuto la meglio Enrico Stragliotto del team Camosci di Cainari (20’01”) e Letizia Filosa dell’Atletica Lamon (28’25”). La classifica delle società nell’ambito del Trofeo IV Valli vede quindi ora in testa i Bogn da Nia con 3208 punti, seguiti dai Piazaroi (1777 punti) e dai Bela Ladinia (1466 punti).

La terza tappa del Trofeo IV Valli avrà luogo il 22 febbraio 2018 con il 21° Memorial Maurizio Zagonel a San Martino di Castrozza.

Continue reading Moena Ski Alp: Alex Oberbacher si conferma il re della gara