News

Michele Cavada, un musicista “fiamazo” al top della classifica di i Tunes

Dopo x factor e collaborazioni con Hd, Gabry Ponte, Shaggy, Jason Derulo, Rj Justice, Dj Matrix e tanto altri grandi della musica, dopo una nomination e un premio come best r&b singer ai music awards di SanRemo, il Cavalesano “di adozione” Michele Cavada aias Kenny Ray, ne mette a segno un’altra.

Naturalizzato “Fiamazo” ma con Stati Uniti e Brasile nel sangue, dopo un’invernale ed intensa collaborazione con Luca Tarantino giovane ma talentuoso dj/producer pugliese e Renny Mclean singer/songwriter bolzanino, Kenny Ray ha siglato l’ennesima hit grazie al supporto di Tank of Music & Flexup Record.

A sole 24 ore dall’uscita negli store digitali, Spotify, iTunes etc, il singolo NO FIGHT firmato KENNY RAY, vola alla posizione #5 della classifica iTunes Italia per scalare ancora fino alla #4 in sole 48h piazzandosi nella Top dove delle Reggae/pop music!

Un altro traguardo per il giovane cavalesano che dopo X factor, Tezenis Music live e gli Italian Music Awards di canale 5, con “I love my life” aveva fatto ballare tutta italia davanti alla TV diventando una hit dell’estate pop italiana.

Ora con NO FIGHT, brano prodotto da Luca Tarantino, sta scalando le classifiche italiane a suon di ritmi freschi estivi e coinvolgenti, un ottima fusione tra raggaeton e pop music con un messaggio chiaro e deciso sulla lotta alla guerra e a il rispetto reciproco.

Dopo brani come “You don’t know it”, “90210” e “Tic Tac Toe” uscirà a Maggio “WOMAN” una vera e propria bomba latina che farà ballare tutto lo stivale o come spesso accade tutta l’Europa e l’America Latina a suon di reggaeton con influenze trap e R&B che potrebbero accompagnare Kenny Ray ad un altro award o perché no al prossimo COCA COLA SUMMER FESTIVAL.

Ai posteri l’ardua sentenza…

LINK UTILI

https://fanlink.to/LucaTarantinoNoFight

KENNY RAY SU YOU TUBE

https://www.youtube.com/channel/UCpoAzmPmm94cpTzAQzbV_gA

KENNY RAY SU INSTAGRAM

http://www.instagram.com/kennyraymusic/

KENNY RAY SU FACEBOOK

https://www.facebook.com/KennyRayMusic/

Continue reading Michele Cavada, un musicista “fiamazo” al top della classifica di i Tunes

Premiazione del concorso e apertura della mostra “Cuore e Talento”

Sabato 5 maggio si svolgerà la premiazione di Cuore e Talento, concorso giornalistico e fotografico giovanile dedicato alla memoria di Benjamin Dezulian, a un anno dall’improvvisa scomparsa di questo giornalista predazzano avvenuta ad appena 26 anni di età.

Il concorso, aperto ai giovani fra i 15 e i 30 anni, è articolato i due sezioni – testi e fotografie – e ha per tema il volontariato: argomento questo caro al Dezulian consideratane fra il resto l’attività in veste di volontario CRI, di collaboratore della biblioteca di Predazzo e di membro del coro giovanile del proprio paese d’origine.

Ricordare questa figura avvicinando i giovani alla realtà del giornalismo e al mondo del volontariato è l’auspicio degli Amici di Benjamin, associazione culturale creata ad hoc da alcuni estimatori del Dezulian.

La cerimonia si terrà presso l’Aula Magna del municipio di Predazzo a partire dalle ore 17.00; saranno premiati i primi tre classificati di entrambe le sezioni, quella giornalistica e quella fotografica, con un montepremi totale di 1200 €.

È previsto l’intervento delle Autorità e delle istituzioni che hanno patrocinato l’iniziativa, ovvero il Comune di Predazzo, la Croce Rossa Italiana – Comitato Val di Fassa, la Cassa Rurale Val di Fiemme e il quotidiano l’Adige.

Seguirà l’inaugurazione della mostra allestita presso la Sala Rosa del municipio, dove saranno esposte tutte le opere che hanno partecipato al concorso. La mostra, ad accesso libero, rimarrà aperta fino al 20 maggio con orario 17.00-19.00 e 20.30-22.00 (la domenica anche 10.00-12.00).

Nel corso della premiazione, come anche negli orari di apertura della mostra, sarà possibile tesserarsi all’associazione Amici di Benjamin.

Ogni ulteriore informazione può essere trovata sul sito www.cuoretalento.it o richiesta all’indirizzo info@cuoretalento.it.

Continue reading Premiazione del concorso e apertura della mostra “Cuore e Talento”

Presentato il libro dedicato ai 10 Senatori

Non hanno mai perso nemmeno un’edizione, e per ben 45 volte hanno tagliato gloriosamente il traguardo della Marcialonga, tra il boato del pubblico in festa. Per questo motivo il comitato della ski-marathon trentina ha deciso di onorare ancora una volta i suoi mitici ‘Senatori’, attraverso la pubblicazione del libro Marcialonga Legends – Never Stop Skiing che, pagina dopo pagina, fotografia dopo fotografia, narra le avventure e le fatiche di questi grandi fondisti. E si sa, lo staff della granfondo invernale che scivola nelle valli di Fiemme e di Fassa e in programma il 27 gennaio con la 46.a edizione, quando si tratta dei suoi più fedeli testimonial, fa sempre le cose in grande: ieri sera infatti il libro è stato presentato al pubblico presso la Fondazione Caritro di Trento in occasione del Trento Film Festival.

A fare gli onori di casa è stato Franco de Battaglia, del Consiglio direttivo del Festival, il quale, dopo aver omaggiato la lunga storia di Marcialonga, ha lasciato la parola alla moderatrice della serata, Fausta Slanzi. In rappresentanza dei dieci coriacei Senatori ieri sera sono intervenuti Aulo Avanzinelli, classe 1940, e Marco Aurelio Nones, classe 1948, orgogliosamente presentati dal presidente di Marcialonga Angelo Corradini. In mezzo a loro, ad esaltarne le gesta, il giornalista della Gazzetta dello Sport Claudio Gregori, nonché l’autrice del libro, Susanna Sieff. Tra il pubblico, oltre a parecchi marcialonghisti, anche uno dei fondatori di Marcialonga, Mario Cristofolini, che in un breve intervento ha voluto ringraziare tutti quelli che hanno reso possibile questa kermesse nel corso degli anni, dal comitato ai valligiani volontari. Da sottolineare, come ricordato da Corradini, che nel 2018 Marcialonga è stata insignita del titolo di ‘gara dell’anno’ da un comitato di esperti nell’ambito di Visma Ski Classics, il circuito che racchiude le migliori ski-marathon a livello internazionale: insomma, un’occasione doppia per festeggiare.

Scopo principale della serata, come anticipato, la presentazione del libro che narra la lunga epopea della Marcialonga attraverso i suoi più assidui protagonisti. E di storie da raccontare, i dieci Senatori, ne avrebbero davvero tante. Come ha voluto infatti sottolineare Gregori, da sempre vicino alla kermesse sciistica, «la Marcialonga è una grande avventura umana, individuale e anche collettiva». Difficile riassumere in un unico volume questa sconfinata narrazione: se però c’è qualcuno che può ambire a condensare la lunga ed eroica storia della Marcialonga quelli sono proprio i Senatori, vero e proprio patrimonio umano che Susanna Sieff ha voluto esaltare con i suoi testi, accompagnati dalle fotografie d’archivio e di Alice Russolo. «Il progetto Marcialonga Legends nasce dalla voglia di raccontare delle storie» ha sottolineato Susanna Sieff, aggiungendo «chi scala l’Everest è un eroe, certo, ma loro, i Senatori, hanno la costanza, ci hanno messo l’anima e l’hanno fatto per una vita intera, riuscendo sempre ad essere alla partenza e all’arrivo della Marcialonga». Stiamo infatti parlando di atleti che, edizione dopo edizione, sui propri sci stretti hanno percorso in totale più di 3.000 chilometri sotto i campanili delle Valli di Fiemme e Fassa e tra la gente giubilante. E gli applausi diventano ogni anno sempre più fragorosi, favoriti dal fatto che loro, i Senatori, sono evidenziati da uno speciale pettorale giallo che permette al pubblico di riconoscere di volta in volta la loro eccezionale tempra. Non a caso, ancora oggi, dopo 45 gare alcuni di loro testimoniano di sentire ancora, la notte prima della partenza, un sommovimento pari o persino maggiore di quello provato la prima volta, nell’ormai lontano 7 febbraio del 1971. Oltre a Nones e ad Avanzinelli, fanno parte dei dieci ‘mitici’ anche  Costantino Costantin, Ivo Andrich, Luigi Delvai, Armando Zambaldo, Giovanni Mariani, Odillo Piotti, Luciano Bertocchi e Fabio Lunelli.

«Non mi sento un campione» spiega Marco Aurelio Nones, Senatore di Castello di Fiemme «mi sento invece un uomo fortunato, che ha potuto fare la Marcialonga. Parteciperò fino a quando ne sarò in grado, e poi la guarderò, e sarò contento di farlo, perché dall’esterno non l’ho mai vista». Per il lucchese Aulo Avanzinelli invece «la Marcialonga è un pretesto per uscire da Lucca e venire sulle Dolomiti». Del resto, per il toscano, le Valli di Fiemme e Fassa sono diventate ormai una seconda casa: il presidente Corradini ha per esempio condiviso con il pubblico quella volta in cui, in occasione di una cena dei Senatori anni addietro, l’atleta lucchese pensò bene di partire da casa e arrivare fino a Predazzo in bicicletta, e di tornarsene a Lucca, il giorno dopo, con il medesimo mezzo.

Senatore della Marcialonga, del resto, non lo si diventa per caso.

Info: www.marcialonga.it

Continue reading Presentato il libro dedicato ai 10 Senatori

Trentino MTB a pochi giorni dallo start

Tariffe iperconvenienti per chi decidesse di ripassare la geografia del Trentino, iscrivendosi ad alcune fra le più spettacolari gare su ruote grasse d’Italia: “ValdiNon Bike”, “Passo Buole Xtreme”, “100 Km dei Forti”, “Dolomitica Brenta Bike”, “Val di Sole Marathon”, “La Vecia Ferovia” e “3TBIKE” sono un must per i competitors, ed ancora a disposizione alle tariffe “cumulative” comprensive di gadget e prima griglia di partenza, a 180 euro anziché 215 euro per le sette gare, 160 euro anziché 194 euro per sei tappe, e 140 euro anziché 154 euro per cinque delle sette prove. Anche le squadre potranno contare sulle proposte loro riservate: “3×2” con un biker “free” ogni tre per team composti dai sette ai dodici concorrenti, e “2×1” con uno gratis ogni due per quelle oltre tredici concorrenti.

Il pacco gara riservato agli atleti è di quelli da non perdere, con una barretta Piacersi Conad, Ta:ke Saddle Bag Fi’zi:k, mele Melinda, Trentingrana, una bottiglia di vino Marzemino Vivallis, borraccia e integratore Volchem e una bomboletta di utile sgrassatore WD-40.

Gli sfidanti si troveranno coinvolti in un challenge ampiamente rinnovato, che offrirà prove da urlo fra gli scenari di una terra che respira sulle ruote artigliate, e che è un inno alla natura e alle bellezze circostanti.

A maggio “ValdiNon Bike” d’apertura e “Passo Buole Xtreme”, a giugno tutti concentrati sull’Alpe Cimbra e la “100 Km dei Forti”, mentre a luglio non prendete appuntamenti, “Dolomitica Brenta Bike” e “Val di Sole Marathon” valgono parte della posta in palio, chiudendo quattro mesi di straordinarie cavalcate aperte a tutti, dal campione al semplice amatore, con “La Vecia Ferovia” e la “3TBIKE” nel mese più “focoso” dell’anno.

L’offerta è di quelle impareggiabili, ricordando le novità di quest’anno, con alcuni nuovi percorsi allestiti appositamente per gli escursionisti, lo “spazio” riservato agli e-bikers, le gare per bambini, la “sistemazione” di qualche itinerario per renderlo più avvincente, tutto questo (e molto altro) è Trentino MTB, un challenge alla portata di tutti.

Calendario 2018

VALDINON BIKE 6 maggio   |   PASSO BUOLE XTREME 20 maggio   |   100 KM DEI FORTI 10 giugno   |   DOLOMITICA BRENTA BIKE 1° luglio    |   VAL DI SOLE MARATHON 15 luglio   |   LA VECIA FEROVIA DELA VAL DE FIEMME 5 agosto   |   3TBIKE 26 agosto

Continue reading Trentino MTB a pochi giorni dallo start

La parola ai “Senatori”

Il 27 aprile alle ore 19, alla Fondazione Caritro di Trento, andrà in scena Marcialonga Legends – Never Stop Skiing, una serata alla quale interverranno i mitici “Senatori”, memoria storica di Marcialonga, rivivendo le emozioni e i sentimenti che la ‘dama’ trentina dello sci di fondo è stata capace di regalare in 45 anni di storia, anche grazie ai sei sponsor della cooperazione che non mancano mai di mostrare il proprio sostegno.

Saranno presenti il presidente di Marcialonga Angelo Corradini, il giornalista della Gazzetta dello Sport Claudio Gregori, la responsabile dell’evento Susanna Sieff e alcuni Senatori di Marcialonga, nel corso di un incontro moderato da Fausta Slanzi. La granfondo invernale che scivola nelle Valli di Fiemme e Fassa – al via il prossimo 27 gennaio – è stata recentemente insignita del titolo di “gara dell’anno” da un comitato di esperti nell’ambito di Visma Ski Classics, il circuito che racchiude le migliori ski-marathon, ed ora è giunto il momento di rivivere 45 anni di straordinarie emozioni attraverso gli occhi di chi le ha vissute tutte, presentando anche un libro che le racconta tramite le parole e le immagini dei Senatori.

Il libro Marcialonga Legends – Never Stop Skiing narra le incredibili vicende dei 10 Senatori: i concorrenti riusciti nell’impresa, inverno dopo inverno, di portare a termine 45 edizioni ed oltre 3.000 chilometri sugli sci da fondo, un patrimonio umano di immenso valore, esaltato con un progetto fotografico – attraverso il loro volto segnato dal tempo – e di storytelling con un’intervista inedita e un racconto associato a ciascuno di essi: “Abbiamo scoperto le motivazioni che li muovono – afferma il comitato organizzatore – la voglia di arrivare, la tempra granitica che li contraddistingue, gli aneddoti di gara di un tempo che fu, dove si utilizzavano ancora sci di legno, impregnanti di catrame, abbigliamento di lana e cotone, quando si mangiava pollo prima della partenza e percorrere i 70 km da Moena a Cavalese era un’impresa ancora nuova e quasi epica”.

Le dieci leggendarie figure hanno avuto la fortuna di poter assistere a cambiamenti epocali nella storia dello sci di fondo, ed ora potranno riportarli in auge raccontandoli anche dal punto di vista personale nella serata di venerdì 27 aprile.

Continue reading La parola ai “Senatori”

Il sapore aspro della neve

“Il sapore aspro della neve” è l’ultima fatica letteraria di Angelo Iellici di Moena, più noto come Angel de Larezila. È uomo di montagna, maestro di sci, membro del Soccorso Alpino, rifugista ma con gli anni ha maturato anche la passione per la scrittura.

Carriera iniziata nel 2001 con l’ironico “Maestro di sci … Amore mio” e approdata nel 2012 a “Mi sono perso nel mio bosco, ma non cercatemi”, libro diventato anche una piece teatrale con almeno cinquanta repliche in varie regioni d’Italia.

Ora un romanzo di 459 pagine costato due anni e mezzo di impegno, oltre alla normale attività lavorativa. “Non è un libro autobiografico ma raccoglie elementi anche della mia vita e, a mio avviso, si presta a una traduzione televisiva o cinematografica”, assicura l’autore.

Gilberto Bonani                                                                                       foto: Paolo Scarian

 

 

Continue reading Il sapore aspro della neve

Scuola Alpina Guardia di Finanza e Fiamme Gialle saranno partner dei Mondiali Val di Fassa 2019

I Campionati Mondiali Junior della Val di Fassa, in programma dal 18 al 27 febbraio 2019 potranno avvalersi dell’importante collaborazione della Scuola Alpina della Guardia di Finanza di Predazzo. E’ infatti stato sottoscritto un protocollo fra il presidente del Comitato Organizzatore Davide Moser e il comandante della Scuola Alpina della Guardia di Finanza colonnello Stefano Murari. Una preziosa partnership che è stata estesa anche al Gruppo Sciatori Fiamme Gialle, coordinato dal comandante, il Tenente Colonnello Gabriele Di Paolo, e che vede le due realtà impegnate sui campi di gara delle due location di Pozza di Fassa (pista Aloch) e di Passo San Pellegrino (pista La VolatA), ma non solo.

La Scuola Alpina della Guardia di Finanza metterà a disposizione nei giorni di gara personale qualificato per i servizi di sicurezza sia in pista che fuori pista, nonché per la gestione delle competizioni, mentre il Gruppo Sciatori Fiamme Gialle, forte della sua esperienza in fatto di eventi, collaborerà con i propri allenatori e tecnici specializzati nell’aspetto race.

«Per la nostra manifestazione – ha commentato il presidente del Comitato Organizzatore Davide Moser dopo la firma del protocollo avvenuta nell’ufficio del comandante Stefano Murari – la partecipazione e il sostegno della Guardia di Finanza rappresenta uno straordinario valore aggiunto, che ci consentirà di aumentare la qualità e la sicurezza sia suile venue di gara, sia durante i tanti eventi collaterali in programma».

Continue reading Scuola Alpina Guardia di Finanza e Fiamme Gialle saranno partner dei Mondiali Val di Fassa 2019

Si inaugura la nuova sezione del Museo Ladino a Campitello di Fassa

Domenica 6 maggio sarà ufficialmente aperto al pubblico L STONT, il Casino di Bersaglio di Campitello, nuova sezione del Museo Ladino dedicata alle vicende delle milizie territoriali fassane, la cui storia è ora leggibile attraverso la struttura stessa e l’allestimento interno con immagini d’epoca, testi, oggetti e filmati multimediali.

Il Casino di bersaglio comunale di Campitello rientra nella rete dei poligoni di tiro sorti nell’Ottocento in tutto il territorio del Tirolo storico per l’esercizio dell’uso delle armi. Costruito nel 1905, restò in funzione fino allo scoppio della Grande Guerra quale sede dei Scizeres, i tiratori o “Bersaglieri immatricolati” di Campitello, Mazzin e Canazei. Successivamente venne adibito ad abitazione privata ed infine utilizzato come deposito comunale, ma la struttura è una delle poche giunte pressoché integre fino ad oggi, nonché l’unica ancora presente in Val di Fassa.

Vista l’importanza del manufatto sotto l’aspetto politico e sociale, quale testimonianza di una storia plurisecolare, il Comune di Campitello coadiuvato dalla Soprintendenza per i Beni culturali della Provincia di Trento e dall’Istituto Culturale Ladino, ne ha predisposto il recupero e l’allestimento con il prezioso contributo del Consorzio dei Comuni – BIM Adige.

Inoltre, il progetto di restauro del Casino di bersaglio realizzato dagli architetti Lorenzo Weber e Alberto Winterle, da sempre particolarmente sensibili alla valorizzazione e alla tutela del patrimonio storico-culturale del nostro territorio, è stato recentemente premiato alla sesta edizione del premio di Architettura “Costruire il Trentino”, promosso dal Circolo Trentino per l’Architettura Contemporanea e l’ordine degli Architetti della Provincia di Trento, risultando una delle quattro migliori opere realizzate nel campo dell’architettura, dell’infrastrutturazione, dell’arredo e della trasformazione in generale del territorio trentino nel periodo che va dal 2013 al 2016.

All’inaugurazione un ruolo di primo piano sarà riservato alla Schützenkompanie Ladins de Fasha, quale erede delle antiche associazioni di tiro volte al recupero delle tradizioni del Tirolo storico, nonché promotrice dell’intitolazione del Casino di Bersaglio a Antonio Rizzi, Capitano e poi Maggiore delle milizie fassane durante le insurrezioni antinapoleoniche. Saranno dunque presenti anche molte altre compagnie di Schützen giunte dalle altre vallate trentine e tirolesi.

Questa nuova sezione, andrà quindi ad arricchire l’offerta del Museo Ladino di Fassa sul territorio, creando un ponte ideale con la mostra La Gran Vera – La Grande Guerra di Moena, ed affiancandosi alla Segheria di Penia, al Mulino di Pera e alle sezioni dedicate rispettivamente alla Caseificazione, sita nel Caseificio Sociale Val di Fassa a Pera e alla Silvicoltura, presso la Segheria frazionale di Meida (Sèn Jan di Fassa).

 Programma inaugurazione:

ore 08.30 Raduno gruppi

ore 09.00 Frontabschreitung

ore 09.30 Santa Messa

ore 11.00 Inaugurazione e sfilata gruppi

ore 12.00 Festeggiamenti c/o centro sportivo di Ischia (Campitello)

Info:

Museo Ladin de Fascia, tel. 0462.760182

Continue reading Si inaugura la nuova sezione del Museo Ladino a Campitello di Fassa

In nome dell’orso

Matteo Zeni, ex guardaparco del Parco Naturale Adamello-Brenta, racconta la storia dell’orso bruno in Trentino e sulle Alpi, dalla sua caduta al suo ritorno, e del difficile e insieme misterioso rapporto tra il grande carnivoro e l’uomo. Un volume che è metà racconto, coinvolgente e poetico, e metà manuale, con informazioni chiare e approfondite sull’orso stesso, sul progetto di reintroduzione, sui comportamenti da tenere, sulle strategie concrete per una convivenza possibile. È stato realizzato con il contributo del Muse e di Montura Editing

Autore: Matteo Zeni-Casa editrice: Il Piviere- Pagine: 432- Prezzo: 20 euro- Nelle librerie e online

Continue reading In nome dell’orso