Concrete Astrazioni

A Tesero, nella Sala Mostre in piazza Cesare Battisti, dal 27 dicembre all’1 gennaio, si terrà una mostra di fotografie e dipinti di Enzo Portolano e Filippo Vinante.

La mostra sarà aperta tutti i giorni dalle 16.00 alle 19.00 (il 30 anche dalle 20.00 alle 22.00).

Enzo Portolano, Fiemmese d’adozione, nato a Napoli nel 1960, fotografa “da sempre” prediligendo ultimamente il paesaggio e l’architettura, e per questa esposizione propone fotografie di materia, opera della natura o dell’uomo, accomunate dalla “concretezza”, che a volte tuttavia sfocia in una rilettura quasi astratta di oggetti e panorami quotidiani.

Filippo Vinante, giovanissimo artista Teserano, propone invece dipinti eseguiti con tecniche diverse, riconducibili per un verso o per l’altro alle diverse declinazioni dell’astrattismo, ben lontani dalle sue “rassicuranti” opere figurative: le sue opere offrono una visione talvolta distorta come in una dimensione onirica, talvolta completamente priva di riconoscibilità, spesso spiazzata e spiazzante, in cui le sensazioni ed i sentimenti sono protagonisti assoluti.

Il sodalizio artistico è nato per caso da un occasionale incontro per la comune passione per la narrativa Fantasy e dalla scoperta dell’interesse di entrambi per le arti visive… da lì l’idea di una prima mostra, che giocava sui diversi livelli in cui le opere dell’uno dialogano con quelle dell’altro e nei contrasti l’una esalta l’altra e ciascuna trova nuovi significati proprio nella contrapposizione; e dall’amicizia e dal piacere di confrontarsi e di scoprire nuove contrapposizioni che siano nuovi dialoghi nasce questa seconda mostra.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento