Fiemme si… accorda

In Val di Fiemme il bosco suona. Quale luogo più adatto, quindi, per ospitare Europiano 2018, il congresso internazionale delle associazioni nazionali europee degli accordatori e riparatori di pianoforte? Dopo il successo dell’edizione del 2000, l’evento torna in valle, grazie a Fabio Ognibeni della ditta Ciresa di Tesero, nominato presidente del Comitato organizzatore. Dal 20 al 24 maggio prossimi sono attesi circa 400 tra accordatori, riparatori e progettisti di pianoforte, cioè tutti coloro che costruiscono, aggiustano, rendono perfetta la voce dello strumento, ma anche appassionati e musicisti. Il programma dell’evento prevede relazioni tecniche al PalaFiemme di Cavalese (con traduzione simultanea in più lingue), concerti e jam session.

Il congresso di Europiano si tiene ogni 3 anni in un diverso Stato europeo. Nel 2000 è approdato per la prima volta in Val di Fiemme: “La ditta Ciresa è stata il primo socio sostenitore aziendale dell’Aiarp, l’Associazione Italiana Accordatori e Riparatori Pianoforti – spiega Ognibeni -. Con il presidente Luciano Del Rio si è creato un rapporto molto stretto. Nel 2000 mi sono assunto il rischio della scelta di ospitare Europiano, impegnandomi a rimborsare il 50% di un’eventuale perdita: eventualità che non si è realizzata, visto che è stato il congresso più partecipato (460 iscritti) e apprezzato”. Dal 2000 il rapporto non si è interrotto, tanto che ogni anno la valle ospita il corso tecnico dell’Aiarp e ora si prepara ad una nuova edizione di Euopiano, occasione di visibilità per l’intera valle: “Quando, nel 1996, ho preso in mano la ditta, Fiemme non era nota per la qualità del suo legno di risonanza, mentre oggi, quando dico da dove provengo, in molti associano la valle ai violini”. Merito di aziende come Ciresa, che lavorano con il legno di Fiemme e lo fanno conoscere all’estero, e di eventi importanti come “I suoni delle Dolomiti” o progetti come “Il bosco che suona”, un itinerario musicale(sopra Predazzo) tra gli abeti di risonanza dedicati a grandi musicisti.

La ditta Ciresa di Tesero è una piccola realtà di nicchia, ma una vera eccellenza del territorio: è specializzata nella produzione di tavole armoniche finite per pianoforti (“la voce dello strumento”, le definisce Ognibeni), unica in Italia, una delle tre in tutta Europa. Dal laboratorio di Tesero è uscito anche un prodotto unico al mondo: le “Opere Sonore”, diffusori acustici realizzati a mano secondo i principi della liuteria per un ascolto naturale della musica.

Ogni anno la ditta Ciresa realizza circa 3.000 tavole armoniche: chi volesse scoprire come un tronco “prende voce”, può partecipare alle visite guidate estive organizzate da Sentieri in Compagnia (da contattare per prenotazioni e info).

M.G.

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento