In montagna con questo caldo

Cosa è meglio mangiare durante un’escursione in montagna? È proprio necessario portarsi dietro barrette energetiche, integratori salini, preparati vitaminici? Sicuramente è essenziale reintegrare i liquidi persi con il sudore. Durante lo sforzo bere quindi circa mezzo litro di acqua all’ora, meglio se con l’aggiunta di sali minerali, quali sodio, cloro, potassio, magnesio e calcio. Da evitare assolutamente le bevande gassate che gonfiano soltanto lo stomaco rendendo più faticosa la marcia. La prima colazione fatta la mattina della gita deve essere abbondante e costituita da liquidi (latte, yogurt, spremute, acqua) e cereali, molti e di vario tipo (biscotti secchi, pane o fette con miele o marmellata, müesli, frutta fresca o secca). Da evitate il cornetto del bar, pochi minuti prima della partenza. Durante l’attività fisica vanno bene carboidrati a rapido assorbimento (un po’ di frutta fresca o dell’ottimo miele locale), ma è utile a metà gita consumare uno spuntino, costituito da pane ben lievitato e con pochi grassi, prosciutto magro o bresaola e poco formaggio grana. È bene portare con sé qualche spuntino leggero e nutriente: un sacchetto di frutta secca, una barretta di cioccolato o un po’ di uva passa che permettono anche un buon reintegro di potassio.

Lascia un commento