In Sacro Silenzio

La corale “Ensemble Canticum Novum”, composta da 37 elementi provenienti dalle valli di Fiemme e Fassa, ha festeggiato i 25 anni di vita. Fondata e diretta dal maestro Ilario Defrancesco, la corale ha tenuto oltre trecento concerti nelle due valli e numerose uscite in ambito regionale, nazionale e internazionale (Svezia 2007, Olanda 2016, Germania 2018). Tra l’altro ha preso parte a eventi importanti come il Requiem Op. 48 di G. Fauré, alla Missa Brevis Sancti Joannis de Deo di J. Haydn, ha eseguito il Requiem di J. Rutter, e nell’ambito del 41esimo Festival di Musica Sacra ha cantato la Messa in sol maggiore di F. Schubert assieme al coro e orchestra di S. Cristina Valgardena.

Il maestro Ilario Defrancresco è diplomato in pianoforte al Conservatorio “F. A. Bonporti” di Trento. Dal 1998 insegna Formazione musicale e Musica corale presso la Scuola di Musica “Il Pentagramma” delle valli di Fiemme e Fassa, con sede a Tesero. Oltre alla docenza, si dedica alla composizione di musica vocale e in questo campo ha ottenuto diversi riconoscimenti.

La festa dei primi 25 anni di vita è coincisa con la pubblicazione di un nuovo CD “In Sacro Silenzio”. La sequenza di brani ripercorre in parte la storia dell’Ensemble, ma è anche un viaggio nel tempo e, parallelamente, un percorso “multietnico”. Il CD è stato registrato nella Pieve di San Giovanni, luogo dotato di un’acustica veramente speciale.

Maestro Defrancesco, quali sono le caratteristiche di questo CD?

“L’ascoltatore, attraverso le sonorità che mutano da un brano all’altro, incontra composizioni più meditative, altre gioiose, passaggi carichi di tensione alternati a momenti di serenità. L’obiettivo è sfatare che la musica polifonica sia riservata a pochi”.

Nel vostro repertorio troviamo brani musicali da tutto il mondo.

“Un coro misto può spaziare su vari generi. Ne approfitto per rendere più vivace l’attività del coro. È importante motivare i coristi proponendo obiettivi nuovi”.

Il canto è ancora un valore nelle nostre valli?

“Sicuramente oggi è più difficile trovare persone volenterose ed entusiaste disponibili a questa attività artistica. Siamo coinvolti in mille attività, abbiamo troppi impegni. I nostri giovani spesso lasciano le valli per motivi di studio o di lavoro, quindi si riducono le persone disponibili a impegnarsi nell’attività canora in maniera continua. L’Ensemble Canticum Novum è un bel gruppo, ma anche noi cerchiamo voci nuove, specialmente maschili, le più difficili da reperire. Per il 2019 l’Ensemble Canticum Novum vuole proporre un nuovo progetto musicale. E per questo fa un appello agli ‘uomini di buona volontà’. Chi è interessato può trovarci sul sito www.canticumoena.it (info@canticumoena.it) oppure sulla pagina Facebook Canticumnovummoena”.

Gilberto Bonani

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento