La scultura parla ladino

Da lunedì 5 fino a sabato 10 settembre, il centro di Pozza di Fassa si trasforma in un laboratorio artistico di scultura all’aperto in occasione della terza edizione di un grande evento di interesse turistico, che valorizza l’arte e la cultura e coinvolge studenti e insegnanti del Liceum del Design e delle Arti della Scuola Ladina di Fassa e numerosi altri enti e istituzioni della comunità.

Il simposio internazionale di scultura lignea in memoria di Toni Gross, artista, maestro e alpinista, è organizzato a Pozza di Fassa con cadenza biennale per iniziativa della Scuola Ladina, dell’Union di Ladins de Fascia, del Comune di Pozza di Fassa e dell’Istitut Cultural Ladin, col sostegno della Regione Trentino Alto Adige/Südtirol e di diverse istituzioni e sponsor. La terza edizione si svolge dal 5 al 10 settembre 2016. 11 artisti, suddivisi in 2 sezioni (artisti ospiti e ex studenti dell’Istituto d’Arte di Pozza) si cimenteranno per 5 giorni su un tronco di cirmolo interpretando il tema “Il mondo ladino nel patrimoni Unesco” e facendo del centro di Pozza un grande laboratorio all’aperto.

Per coinvolgere maggiormente i ragazzi della Scuola di Fassa, nei giorni del simposio accanto al tendone sarà attivato un laboratorio didattico che permetterà ad alcuni studenti degli ultimi anni del Liceo artistico di fare un’esperienza di scultura in pubblico affiancandosi agli artisti più esperti.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento