Nuove vie a Cavalese

Niente gru, (che siano per edificare nuovi edifici, ristrutturare i vecchi o realizzare opere pubbliche), significa anche che l’espansione urbanistica si è arrestata. In realtà non è un fatto recente ma oggi appare in tutta la sua evidenza. Lo si nota anche dal fatto che non ci sono più nuove vie da intitolare. A Cavalese, infatti, bisogna tornare indietro ai primissimi anni del nuovo secolo per trovare una variazione nella toponomastica dell’abitato. In quel caso la scelta è stata di chiamare piazza dei Padri Francescani una parte di piazza Dante. Più recentemente, nello scorso agosto, sono state rinominate alcune vie, o meglio parte di esse, per ragioni di razionalizzazione e riorganizzazione del territorio. Due di queste sono a Masi, (vicolo dei Tingoli e via del Lissandro) ed altre due nell’abitato di Cavalese ovvero (via di Bitol e vicolo alle Cascatelle).

Ti potrebbero interessare anche:

1 commento

  1. sigifrido

    In relazione al Vs articolo del 3 dic. 2014 “nuove vie a Cavalese”
    Purtroppo io sono uno degli sfortunati cittadini che hanno avuto come regalo dal comune di Cavalese un nuovo indirizzo, da località marco a via di bitol. Posso solo segnalare un grave disagio in quanto il comune dopo quasi un anno dal cambio di nome della strada non ha ancora provveduto a far aggiornare lo stradario (basti vedere su qualsiasi motore di ricerca se esiste la via di bitol”). Questo comporta, ad esempio, che per iscrivere mia figlia alla scuola materna il portale della provincia non mi consentiva di inserire il nuovo indirizzo. Fare acquisti su internet è quasi impossibile, in quanto la via non viene riconosciuta. Con il cambio della numerazione il mio vecchio indirizzo è stato dato ad un altro abitante di loc. marco (anche questo ha dovuto cambiare “solo” il numero di casa). Numerose sono state le richieste in comune, ma ancora adesso non sono riusciti a comperare un cartello con scritto “via di bitol”. Il portalettere non recapita la posta al mio vecchio indirizzo (basterebbe un pochino di buonsenso). E per finire….. l’azienda elettrica comunale manda ancora le bollette al vecchio indirizzo (queste però arrivano). Certo di un Vostro interessamento per questo disagio, non solo mio, ma anche dei miei vicini di casa, Vi auguro una buona estate.

Lascia un commento