Borse di studio by Marcialonga

Oggi ricominciano le scuole ed il C.O. di Marcialonga ha deciso di riconfermare il proprio impegno a sostenere i ragazzi anche per il corrente anno scolastico, coinvolgendo i prossimi marcialonghisti o volontari, quindi indispensabili al futuro degli eventi sportivi made in Fiemme & Fassa, a “legarsi” alla storia della propria terra e dunque a Marcialonga, forgiando il proprio carattere fin dai banchi di scuola. La Marcialonga è parte della cultura fiemmese e fassana oltreché trentina, e ne deve l’indiscusso valore alla propria gente, collaboratori e ragazzi che ne prenderanno le redini nel prossimo futuro. Per questo ha deciso di valorizzare proprio i giovani spronandoli a dare sempre il massimo, perché una ricompensa alle fatiche spese è sempre dietro l’angolo.

Marcialonga valorizza sempre chi dimostra affezione, impegno e “sentimento” verso di essa, non solo nel corso delle proprie gare di sci di fondo, ciclismo e corsa. Recentemente infatti, il comitato organizzatore trentino ha consegnato agli studenti più meritevoli delle Valli di Fiemme e Fassa alcune borse di studio, volte a premiare la tenacia e forza di volontà dei giovani nelle proprie attività di studio, sportive e legate al volontariato.

E a distinguersi sono stati Caterina Carpano, Alice Gasperini, Alessio Gottardi e Matteo Leso. Quest’ultimo è un diciassettenne predazzano che frequenta l’Istituto Tecnico per il Settore Economico La Rosa Bianca di Predazzo con indirizzo Amministrazione, Finanza e Marketing, pratica sci di fondo e fa parte del Comitato Trentino FISI. Matteo è giunto terzo alla Marcialonga Young categoria Aspiranti e svolge inoltre attività di volontariato presso l’Associazione SportABILI onlus di Predazzo. Un ragazzo che ha una gran voglia di mostrare al mondo il proprio valore: “Non nascondo che certe volte sia difficile conciliare nel migliore dei modi studio e sport, ma sicuramente la determinazione, la voglia di mettersi in gioco e la grande passione per lo sport mi aiutano ad affrontare le mie intense giornate”. Matteo ha come punto di riferimento un atleta che la Marcialonga conosce bene: “Tord Asle Gjerdalen, un grande campione di sci nordico che ha saputo pienamente realizzarsi, sia come sportivo che come uomo. Infatti è riuscito a laurearsi anche in medicina, dimostrando grande carattere, determinazione ed intelligenza”.

Alice Gasperini ha invece frequentato la Scuola Superiore di Ragioniere/Perito Economico Aziendale presso l’Istituto di Istruzione La Rosa Bianca, pratica hockey su ghiaccio ed è attualmente in forza alla squadra AHC Lakers di Egna nel campionato di serie A femminile, venendo inoltre premiata dal CONI con la medaglia di bronzo al valore atletico per gli ottimi risultati ottenuti. Alice ha un sogno: “Mi piacerebbe avere la possibilità di partecipare alle Olimpiadi invernali vestendo la maglia della nazionale. Per questo motivo spero di poter continuare a rappresentare l’Italia in questo magnifico sport”.

Caterina Carpano ha invece terminato il Liceo Scientifico presso la Scuola Ladina di Fassa, la giovane snowboarder ha conquistato il gradino più basso del podio nello snowboardcross ai Giochi Olimpici Invernali Giovanili di Lillehammer 2016. Una sportiva musicista, poiché suona il clarinetto ne La Musega de Poza, la banda musicale del paese di Pozza di Fassa, e il suo motto è: “Don’t dream your life, live your dream”: “Sicuramente ora che ho finito la scuola posso dedicarmi al mio sport, mi piacerebbe diventasse il mio futuro. La prossima stagione sarà quella decisiva per riuscire ad entrare in nazionale A. Mi aspetta il circuito di Coppa Europa: punto ad arrivare tra le prime in classifica. A fine stagione ci saranno i Mondiali Junior in Nuova Zelanda. Ci sarà da divertirsi!”.

Alessio Gottardi, infine, proviene dalla terra della “Fata delle Dolomiti”, Moena, è il ragazzo più giovane cui è stata assegnata la borsa di studio ed ha frequentato la seconda liceo scientifico della Scuola Ladina di Fassa. Atleta di sci alpino dello Ski Team Fassa, pratica corsa campestre e su strada: “Avere ottenuto questa borsa di studio mi ha dato proprio una grande soddisfazione e ringrazio Marcialonga per questa meravigliosa opportunità; ma mi ha anche aiutato a capire che ho ancora davanti molta strada da percorrere e per questo, adesso, ho una motivazione in più per continuare a svolgere tutte le attività che già mi diverto a fare: dallo sport, al volontariato, allo studio, senza mai mollare niente, perché alla fine tutto ciò che si fa con impegno viene sempre ripagato”. Alessio non sa ancora cosa farà da grande ma ha tempo per pensarci: “Spero di poter dimostrare con l’impegno questa fiducia che Marcialonga mi ha riconosciuto”.

Info: www.marcialonga.it

Continue reading Borse di studio by Marcialonga

Oggi, ore 13, Rai Sport racconta la Marcialonga Running Coop

Esaltante, scenografica e… tutta da vivere (e rivivere). Oggi, la quindicesima edizione della Marcialonga Running Coop tornerà a far battere i cuori degli appassionati alle ore 13 su Rai Sport con il commento del giornalista RAI Gianfranco Benincasa. Una sfida che nelle Valli di Fiemme e Fassa (TN) ha visto trionfare Lahcen Mokraji e Ivana Iozzia, due fuoriclasse del podismo che hanno deciso di scendere in campo all’ultima perla annuale di Marcialonga, volta a porre la ciliegina sulla torta alla Combinata Punto3 Craft, la speciale classifica che somma i tempi degli atleti negli eventi Skiing, Cycling e Running.

Per info: www.marcialonga.it

Continue reading Oggi, ore 13, Rai Sport racconta la Marcialonga Running Coop

Una Val di Fassa Bike sotto la pioggia

La pioggia incessante che ha iniziato a scendere su Moena fin da sabato sera, senza mai dare tregua, anzi, diventando sempre più intensa con il passare delle ore, non ha spaventato i numerosi atleti che questa mattina si sono presentati al via della 10° Val di Fassa Bike.

Purtroppo, a causa delle condizioni meteo avverse, il Comitato Organizzatore ha dovuto rinunciare ai 3 spettacolari percorsi appositamente studiati per soddisfare le esigenze di ogni biker, facendo confluire tutti gli iscritti sull’Hard Track ridisegnato e abbreviato a 35 km (contro i 48 previsti inizialmente) togliendo i passaggi più insidiosi, tra cui alcuni single track e l’ultima divertente discesa prima del traguardo, e fissando il Gran Premio di Montagna in località Colvere anziché a Le Cune. Uno sforzo organizzativo enorme che ha consentito di mettere la gara in condizioni di sicurezza e, allo stesso tempo, non deludere le aspettative di una granfondo di alto livello.

Pronti… via! La 10° Val di Fassa Bike è partita puntuale alle ore 9:00 dal centro di Moena e fino agli ultimi metri di gara i giochi sono rimasti aperti sia in campo maschile che femminile.

Tra gli uomini, il primo a scollinare il GPM di Colvere è stato Leonardo Paez (Polimedical FRM), seguito, a distanza ravvicinata, da Mattia Longa (Cannondale RH-Racing), Riccardo Chiarini (Team Nob Selle Italia), Cristiano Salerno (Scott Racing Team), Francesco Failli (Cicli Taddei), Francesco Casagrande (Cicli Taddei) ed Elia Favilli (Bike Innovation-Focus-Pissei). Sulla discesa verso Soraga è iniziata la grande rimonta di Johnny Cattaneo (Wilier Force), che, una volta superato un piccolo problema iniziale, è riuscito a riprendere il gruppo di testa chiudendo prima su Casagrande, Failli, Salerno, Longa e Chiarini e poi, a circa un chilometro dall’arrivo, su Paez, arrivando dunque al traguardo con il miglior tempo (1:36:36). Per Cattaneo si tratta della seconda vittoria in carriera alla Val di Fassa Bike che lo aveva già visto trionfare nel 2010. Secondo posto per Leonardo Paez (1:36:38), che anche quest’anno non è riuscito a finalizzare la sua ottima prestazione cedendo la vittoria per soli due secondi. Terzo Riccardo Chiarini (1:38:26).

“Sono felicissimo e molto soddisfatto” ha detto Cattaneo al traguardo. “La partenza non è stata delle migliori ma sapevo che il percorso, così ridisegnato a causa della pioggia, era adatto alle mie caratteristiche e quando ho agganciato Paez in fondo alla discesa asfaltata ho capito che potevo farcela”.

Tra le donne, come previsto, è stata grande battaglia tra Maria Cristina Nisi (Bike Innovation Focus), Annabella Stropparo (Scapin Finestre Vittoria) e Christina Kollmann (Texpa Simplon). La Nisi, partita subito fortissimo per difendere il titolo conquistato lo scorso anno, è rimasta in testa fino al GPM di Colvere quando ha dovuto cedere il passo alla Stropparo e poco dopo anche alla Kollmann. Al passaggio di Medil la Stropparo era sempre prima con un vantaggio di 9 secondi sulla Kollmann. Poi, all’ultimo single track, circa 4 km prima del traguardo, la Campionessa Europea Marathon è riuscita a recuperare secondi preziosi fino ad affiancare la Stropparo e vincere lo sprint finale (1:59:41). Alle sue spalle dunque Stropparo (1:59:42) e terza Nisi (2:02:11).

“È stata durissima, ho patito tanto freddo, ma mi è piaciuto il percorso, veloce, divertente, una bella gara. Sono davvero contenta” ha dichiarato la Kollmann all’arrivo.

Continue reading Una Val di Fassa Bike sotto la pioggia

Trofeo passo Pampeago. Ci siamo!

Il Trofeo Passo Pampeago è una sfida ciclistica diversa da tutte le altre e dunque unica, una effervescente impennata di fine stagione che il 17 settembre manderà in scena la sesta edizione di un evento confermato nella propria interezza. Una cronoscalata “pura” che farà partire cronomen e cronowomen alla volta di una salita che è parte della storia della “fatica” su due ruote italiana e del Giro d’Italia.

13 giorni separano gli appassionati da una nuova ‘gita’ sull’Alpe trentina, il numero dell’alchimista e della magia che questa bella competizione porta con sé, l’unica della Südtirol.Cup.Montagna a mantenere intatto il format della cronoscalata autentica, con gli atleti a partire uno alla volta da Tesero, in Val di Fiemme, fino a giungere al Passo di Pampeago. La favorita assoluta per il trono del Trofeo sarà l’altoatesina Alexandra Hober, atleta che sa il fatto suo essendosi portata a casa quest’anno tutte le tappe della Südtirol.Cup.Montagna ad eccezione della seconda, quella di Passo Palade: “Gara bellissima sull’Alpe di Pampeago – afferma la Hober -, certamente una delle più dure mai fatte anche perché lo scorso anno non conoscevo il percorso, mentre quest’anno arriverò più preparata. Sarà l’ultima tappa del challenge ed una delle più ripide, con il Passo di Pampeago non si scherza”.

Cosa fa Alexandra per prepararsi al meglio a cronoscalate di questo tipo? “Il mio mestiere è quello di fitness trainer e questo mi dà un bel vantaggio, vado ovviamente anche molto in bicicletta”. E l’ex biker altoatesina punterà al bersaglio grosso lungo il percorso di 10.5 km e 1.020 metri di dislivello, con partenza dal centro di Tesero per arrivare allo storico e temuto Passo di Pampeago: “La prima parte della competizione è molto ripida ma è l’unica gara dove si effettua una cronoscalata vera e propria, minuto dopo minuto, atleta dopo atleta. Per questo bisognerà essere sempre motivati, perché non si potrà prendere la scia o rilassarsi. Avere testa, sempre, questo è il segreto del successo. L’ultimo pezzo del tracciato mi piace molto, lì potrò fare un buon ritmo ma sempre rimanendo concentrati, perché nella prima parte non si potranno lasciare metri per strada”.

Un commento anche sulle avversarie più temibili, che non la spaventano: “Le rivali non mi sono mai interessate, non le ho mai nemmeno guardate o studiate, io faccio della mia gara una questione personale con me stessa e non di rivalità con le altre”.

La possibilità d’iscriversi al Trofeo Passo Pampeago rimarrà a disposizione fino al 15 settembre contattando direttamente lo staff organizzatore all’indirizzo mail uslitegosa@gmail.com.

Info: www.latemar.it – uslitegosa@gmail.com

  

Continue reading Trofeo passo Pampeago. Ci siamo!

Dolomiti Energia Trentino in montagna con La Sportiva

Si rinnova anche per la stagione 2017/18 la partnership tra due realtà radicate nel territorio del Trentino quali Dolomiti Energia Trentino e La Sportiva, azienda leader mondiale nella produzione di calzature ed abbigliamento outdoor che proprio nel 2018 festeggerà il suo novantesimo anniversario (fu fondata da Narciso Delladio nel 1928). Giocatori e staff indosseranno il marchio del brand della Val di Fiemme nelle attività all’aria aperta e durante le uscite per promuovere la pallacanestro sul territorio attraverso i progetti Aquila for no profit e Trentino Basketball Academy.

Per ufficializzare la partnership, l’azienda ha coinvolto in un photoshooting dal sapore montano l’immancabile Luca Lechthaler, vera e propria icona della pallacanestro in montagna grazie alla sua forte passione per la natura e per le cime trentine, e Beto Gomes forte del suo rinnovo biennale con il team: nel corso della loro visita al quartier generale di Ziano, i due atleti hanno avuto la possibilità di approfondire la storia dell’azienda, da sempre legata all’arrampicata sportiva e di toccare con mano scarpette, corde ed imbraghi per comprendere meglio una delle discipline più praticate sulle montagne dolomitiche.

“Giocare a basket in montagna significa essere circondati da un paesaggio naturale che dà la possibilità soprattutto durante la off-season di rilassare mente e corpo – racconta l’amante della montagna Luca Lechthaler – e poter vivere il nostro territorio in tutta sicurezza con i prodotti giusti di un’azienda di casa come La Sportiva è davvero il massimo.

“Quattro anni fa – spiega Luca Mich responsabile marketing e comunicazione La Sportiva – abbiamo intrapreso con Aquila un percorso di avvicinamento tra due realtà, quella cittadina e quella di montagna, volto a valorizzare il forte legame che azienda e società hanno da sempre con il proprio territorio: una regione dove lo sport indoor e outdoor, è componente fondamentale di ogni trentino. La collaborazione con Dolomiti Energia Trentino porta un po’ di montagna in città, e perché no il basket in montagna.”

E proprio allo scopo di valorizzare sempre di più il legame delle due realtà con il proprio territorio, dal 2018 sarà istituito il “La Sportiva Community Award”, riconoscimento che verrà assegnato a fine stagione al giocatore del Team di Aquila Basket che più si sarà distinto per il coinvolgimento in attività no-profit a favore della comunità trentina. Numerose infatti sono state le iniziative a scopo sociale organizzate nel corso degli anni da Aquila/La Sportiva, come la camminata di beneficenza per la raccolta fondi per il rifugio Tonini organizzata con il CAI di Trento, le iniziative green volte a promuovere l’arrivo a piedi o con mezzi alternativi al PalaTrento e la collaborazione con Cooperativa Samuele, parte delle associazioni no profit supportate da Aquila, per la produzione di manufatti riciclando gli scarti di lavorazione utilizzati da La Sportiva per produrre le proprie calzature a Ziano di Fiemme.

Sport, sociale e territorio: il tutto sotto il segno della montagna. Buona stagione a tutti.

Continue reading Dolomiti Energia Trentino in montagna con La Sportiva

Il 17 settembre è la volta della Rollerski Cup

Quindici giorni appena separano gli skirollisti dalla Fiemme Rollerski Cup – Cermis Final Climb, un evento che propone un mix esaltante fra la storica Marcialonga ed il leggendario Tour de Ski, con il percorso a rispecchiare in buona parte quello della regina del fondo, prima di impennare sull’erta più celebre dello sci di fondo mondiale. I contest sportivi scatteranno sabato 16 settembre con la sprint di Coppa Italia a Ziano di Fiemme (TN) dedicata ai velocisti della tecnica libera, mentre domenica 17 settembre a regalare spettacolo ci sarà la tecnica classica lungo 50 km per gli élite fuoriclasse del fondo impegnati a chiudere il circuito Guide World Classic Tour. Ma la Fiemme Rollerski Cup è prima di tutto rivolta agli amatori, ai quali verranno riservate le gare popular di 50 km e 780 metri di dislivello – valevole anche come Campionato Italiano Assoluto – ed una 20 km per gli ‘apprendisti’ degli skiroll, disciplina in forte espansione anche grazie alle caratteristiche che permettono di tenersi sempre allenati anche quando la neve è lontana. Il fornitore ufficiale IDT Sports provvederà a consegnare gli skiroll “tutti uguali” direttamente nelle mani dei campioni élite, rendendo la gara più equilibrata possibile.

La short distance partirà da Ziano di Fiemme, terreno fertile per lo sci di fondo, apprestandosi a raggiungere Predazzo sulla Strada Statale 48 delle Dolomiti, proiettandosi lungo la ciclabile fino alla zona industriale di Masi di Cavalese e regalandosi una “gita” sul Cermis.

Il percorso long distance sarà identico a quello ‘short’ nelle fasi iniziali, prima di imboccare il tracciato della Marcialonga lungo la ciclabile di Fiemme e Fassa. Lo Stadio del Fondo di Lago di Tesero è una gemma da non trascurare, prima di raggiungere Molina di Fiemme, proseguendo lungo la SS48 delle Dolomiti attraversando i paesi di Castello di Fiemme, Cavalese, Tesero e Panchià. Ma la “portata principale” sarà la Final Climb dell’Alpe Cermis, la quale abbina alla propria spettacolarità la possibilità di regalare a chiunque un ruolo da protagonista, una salita mitica che tuttavia non presenta i caratteri di “impossibilità” del Tour de Ski, poiché si effettua su strada e sarà dunque affrontabile anche dai meno avvezzi alla disciplina.

Ad eccezione di un brevissimo tratto di circa 80 metri in pavè, il tracciato non presenta particolari difficoltà se non quella finale, ed il scintillante passaggio fra i paesi – com’è uso e consuetudine della Marcialonga – è una peculiarità unica della manifestazione: “Un must per gli amatori che vorranno raggiungere il Cermis”, sottolinea il responsabile tecnico del percorso Enzo Macor. Ed anche gli appassionati che vorranno assistere alla gara potranno recarsi alla stazione intermedia del Cermis attraverso gli impianti di risalita, in bicicletta oppure a piedi. Iscriversi è facile ed ancora possibile, entro il 15 settembre ed al costo complessivo di 40 euro, comprendente pacco gara, buono pasto e tutti i servizi inerenti la competizione.

Premi per tutti anche al termine delle gare e per tutte le tipologie di sfide, ci saranno infatti tre traguardi volanti celebrando il primo uomo e la prima donna sia élite che popular di 50 km, rispettivamente con quattro pettorali gratuiti per Marcialonga 2018 al traguardo volante “Marcialonga” in centro a Predazzo, quattro paia di skiroll ai primi a presentarsi al traguardo sprint “Nones Sport” di Castello di Fiemme, e quattro borsoni al traguardo volante “ITAS” di Tesero.

Continue reading Il 17 settembre è la volta della Rollerski Cup

Val di Fiemme, due giorni su Rai Uno

La Val di Fiemme si prepara a vivere due mattine di popolarità su Rai Uno. Le trasmissioni Easy Driver e Uno Mattina Estate dedicano ampi reportage alla valle trentina, grazie a una collaborazione con Rai Uno che vede l’Azienda per il Turismo Val di Fiemme impegnata sia sul fronte propositivo degli argomenti, sia nel coordinamento delle riprese televisive.

Domenica 3 settembre, la trasmissione Easy Driver, condotta da Veronica Gatto e Roberta Morise e diretta da Giuseppe Govino, alle 10.00, racconta il suo viaggio da Predazzo a Castello Molina di Fiemme, attraverso scorci suggestivi e luoghi di interesse come l’Osservatorio astronomico di Tesero e la Scuola Alpina della Guardia di Finanza di Predazzo. Il tema della mobilità sostenibile e del rispetto ambientale è affrontato con le bici elettriche di Giancarlo Bettin e le opere d’arte della natura del parco RespirArt di Pampeago, raccontate da Beatrice Calamari.

Lunedì 4 settembre, Uno Mattina Estate, intorno alle 9.00, trasmette un reportage in Val di Fiemme intitolato “I sentieri della Grande Guerra”. Il noto conduttore Lino Zani, conosciuto per essere stato il maestro di sci e la guida di Giovanni Paolo II, si fa accompagnare da Fulvio Vanzo dal Museo della Guerra di Ziano di Fiemme “Villa Flora”, al Forte Dossaccio di Paneveggio, dove i lavori di ristrutturazione sono quasi ultimati, fino al Monte Cauriol, la montagna simbolo della Grande Guerra sulla Catena del Lagorai. Il viaggio lungo la Prima linea suggerisce itinerari di trekking fra trincee, gallerie, manufatti e antichi cimeli.

 

Continue reading Val di Fiemme, due giorni su Rai Uno

Il tedesco si impara giocando

Imparare il tedesco divertendosi: questo l’obiettivo delle settimane linguistiche che anche quest’anno hanno coinvolto gli alunni delle classi prima e seconda delle scuole medie di Cavalese, Tesero e Predazzo. In totale 53 studenti, suddivisi su due turni bisettimanali, che, nel corso dell’estate hanno partecipato all’iniziativa che rientra nel protocollo d’intesa firmato nel 2013 dalla Comunità Territoriale della Valle di Fiemme e dalla Comunità Comprensoriale Oltradige Bassa Atesina. I ragazzi sono stati seguiti da insegnanti madrelingua nelle aule della scuola media di Salorno e in numerose uscite sul territorio. Molte le iniziative proposte: lezioni di batik, olimpiadi in acqua, giochi e musica, escursioni, cacce al tesoro e grigliate. “I partecipanti si sono divertiti e hanno potuto confrontarsi con l’uso quotidiano di una lingua che per molti è solo una materia scolastica. Si tratta di una sorta di “apprendimento inconsapevole”, che passa attraverso i suoni, l’ascolto, e, piano piano, la comprensione. I ragazzi hanno dovuto sforzarsi di capire e comunicare in situazioni non scolastiche, come la piscina, la strada, il gioco. I risultati si vedranno nel tempo, ma sono certa che per loro è stata un’esperienza formativa e linguistica importante”, spiega Andrea Zenoni, educatrice referente per la Comunità Territoriale di Fiemme.

La settimana scorsa i genitori dei partecipanti sono stati invitati a un incontro di restituzione del progetto: nell’auditorium “L. Canal” della Cassa Rurale di Fiemme a Tesero erano presenti il presidente e il vice della Comunità di FIemme, Giovanni Zanon e Michele Malfer, il presidente della Comunità Oltradige Bassa Atesina, Edmund Lanziner, l’insegnante Stefania Deflorian, le educatrici Stephanie Weis e Franziska Walter, la referente Andrea Zenoni, il responsabile dello Jugenddienst Unterland di Egna Michael Nussbaumer. Con loro anche i quattro studenti de La Rosa Bianca di Cavalese che hanno accompagnato i ragazzi, chi a titolo volontario, chi nello svolgimento delle proposte formative di alternanza scuola lavoro (vista l’apposita convenzione fra l’ente e l’Istituto di Istruzione) Beatrice Zanon, Fabio Zanon, Ester Lazzara e Isabella Cari.

Nel corso dell’incontro sono state proiettate le fotografie scattate durante le settimane linguistiche. Soddisfatti i genitori, che hanno sottolineato come l’iniziativa non sia importante solo da un punto di vista di apprendimento del tedesco, ma abbia anche una valenza educativa, visto che i ragazzi, preadolescenti, sono stati coinvolti in attività di gioco e socializzazione reali, lontani da internet, cellulari e social.

 

Continue reading Il tedesco si impara giocando

Val di Fiemme: nuovo direttivo e nuova stagione con Aquila Basket

Ripartono l’11 di settembre i corsi di minibasket e under 14/16 organizzati dall’associazione sportiva no profit Val di Fiemme Basket, giunta al decimo anno di attività sul territorio. Nuova stagione e nuovo direttivo composto ora da Federico Zazzeroni, neo presidente, Luca Mich, vice-presidente e dai consiglieri Giuseppe Stilo, Marco Tomaselli e dalla new entry Cinzia Brugnara quale rappresentante dei genitori, come richiede lo statuto dell’ASD certificato dal marchio provinciale Family in Trentino. Riparte quindi da una ri-assegnazione delle cariche interne, una stagione che si presenta come cruciale per il basket in Trentino, alla luce dei risultati strabilianti ed inaspettati raggiunti dal team di serie A Aquila Basket Trento, chioccia di tutte le società satelliti sul territorio attraverso il programma Trentino Basketball Academy, che vede la società di Trento impegnata con le associazioni per la crescita tecnica dei piccoli cestisti ed il coinvolgimento degli stessi in attività con i giocatori del team di serie A. “In questi anni siamo cresciuti in numero e in qualità delle proposte sul territorio: ora contiamo su circa 60 iscritti suddivisi tra minibasket (6-11 anni), under 14, under 16 e prima squadra che milita nel campionato di promozione e che ora vede un totale ricambio generazionale, con moltti under 18 cresciuti nelle nostre giovanili.” Dice il presidente Zazzeroni. “Puntiamo da una parte al miglioramento tecnico dei ragazzi attraverso la collaborazione con Aquila, dall’altra all’organizzazione di eventi come Fiemme Street Basket a Cavalese, ormai un punto di riferimento per il basket estivo in Trentino, camp di pallacanestro ed altre attività che possano far percepire la Valle di Fiemme come un’ottima piattaforma per la pallacanestro a 360°” – aggiunge Luca Mich, oggi anche membro del direttivo del Trust di Aquila Basket, associazione dei tifosi del team di serie A che si occupa di coinvolgere e diffondere la passione per questo sport su tutto il territorio trentino. L’associazione sarà attiva quest’anno su 3 comuni della Valle: Tesero, Predazzo e Cavalese e si è dotata anche di pulmini per il trasporto dei ragazzi anche durante le trasferte.
Tutte le informazioni su corsi ed orari disponibili al sito www.valdifiemmebasket.it

Continue reading Val di Fiemme: nuovo direttivo e nuova stagione con Aquila Basket

Boscaiolo, ti facciamo la festa

Domenica 3 settembre ritorna la Festa del Boscaiolo in località Piazzol a Molina. I taglialegna competeranno a colpi di accetta e motosega in sfide montanare come il taglio del tronchetto e l’abbattimento del palo. Saranno presenti il gruppo di fotoamatori INaturaClick con la loro mostra fotografica, oltre a numerosi espositori ed artigiani. Di seguito riportiamo il programma della giornata.

Ore 9.30: concerto di benvenuto del gruppo Alphorn Fiemme presso il Santuario della Grotta dedicata alla Madonna di Piazzol
Ore 10.00: celebrazione della Santa Messa
Ore 11.00: apertura degli stand, aperitivo con le erbe selvatiche e vini bianchi DOC del Trentino a cura della Pro-Loco Castello Molina di Fiemme e concerto della Banda di Molina
Ore 12.00: pranzo alpino curato dai Vigili del Fuoco Volontari di Molina
Ore 14.00: Trofeo Husqvarna, grande gara ad eliminazione nello Stadio dei Larici a Piazzol. Otto boscaioli si sfideranno in quattro prove di abilità: taglio del tronchetto con accetta, abbattimento di palo con la motosega, sramatura di un tronco e foot pole climb (arrampicata in velocità).Il vincitore si qualificherà per il Lumberjack World Championship di Heyward in Wisconsin USA
Ore 16.00: premiazioni
Ore 16.30: musica e ballo con la J.J. Band

Continue reading Boscaiolo, ti facciamo la festa