Bravo Mirko!

In Fiemme, quest’inverno, gli orari degli skibus sono stati a portata di smartphone, grazie all’applicazione sviluppata da Mirko Martignon, diciottenne di Castello di Fiemme che frequenta l’ultimo anno del corso di informatica all’istituto tecnico e tecnologico Marconi di Rovereto. «Quest’autunno – racconta Mirko – ho iniziato a studiare lo sviluppo di applicazioni per dispositivi mobili. È un tema che non viene trattato molto approfonditamente a scuola ma che mi appassiona molto. Cercavo un progetto da sviluppare. Mi è venuto in mente che stava per iniziare la stagione invernale e che per me sarebbe stata utile un’applicazione per consultare gli orari degli skibus, servizio che uso spesso. Anche i miei amici hanno trovato l’idea buona e allora ho cominciato a farla per conto mio. Ci ho lavorato per circa due settimane. Ho utilizzato una tecnologia che permette di sviluppare applicazioni che possono essere utilizzate sui diversi sistemi operativi senza riscrivere il codice per ciascuno. Questo ha diversi vantaggi: permette di sviluppare velocemente e con maggior semplicità, mentre ha come limite il fatto che non si riescono a sfruttare al meglio le risorse più specifiche di ciascun sistema». Tra le caratteristiche dell’applicazione, la possibilità di consultare gli orari anche quando non si è connessi ad internet e la doppia barra di scorrimento delle tabelle, che permette una più facile lettura. Una volta pronta l’applicazione, Mirko ha sostenuto inizialmente da solo le spese necessarie a caricare l’applicazione sui diversi store (da Apple a Google Play): «Era il 20 dicembre, la stagione invernale era alle porte e avevo fretta di pubblicarla: volevo creare un servizio per la gente della Valle e farmi conoscere». Mirko ha quindi presentato il proprio progetto all’Apt Fiemme, che lo ha appoggiato (anche finanziariamente) e promosso. Mirko ha già in cantiere nuovi progetti: il prossimo sarà un’applicazione per gli orari dei trasporti pubblici del Trentino, che offrirà anche la possibilità di calcolare il percorso selezionando il punto di partenza e quello di arrivo.

 

Continue reading Bravo Mirko!

L'Arcimboldo in trasferta a Roma

Quest’anno scolastico il consueto viaggio a tema nel mondo del giornalismo da parte della redazione de L’ARCIMBOLDO, periodico di informazione e formazione dell’istituto di istruzione LA ROSA BIANCA di Cavalese e Predazzo, ha avuto come meta Roma con due appuntamenti. Il primo è coinciso con la visita agli studi televisivi di Report nella sede Rai di Via Teulada. La redazione ha innanzi tutto visitato uno degli studi di montaggio del programma assistendo ad un esempio pratico di realizzazione di un servizio. Poi c’è stato l’incontro con Milena Gabanelli, ideatrice e conduttrice di Report, programma d’inchiesta presente e puntuale da quindici anni. Dopo alcune domande e riflessioni sull’Arcimboldo, Milena Gabanelli ha risposto a domande delle studentesse della ROSA BIANCA sulla sua carriera, sui pro e i contro del suo lavoro di denuncia, su dettagli di alcune inchieste, sull’utilità pratica del lavoro di sensibilizzazione svolto da Report e sulla passione che ha, quando non lavora, della lettura di libri gialli con predilezione per John Grisham e Maurizio De Giovanni. Il secondo appuntamento è avvenuto all’indomani con la visita alla sede di Repubblica. La redazione de L’ARCIMBOLDO, ricevuta da Anna Veneruso di Repubblica.it, all’inizio ha assistito alla proiezione di un filmato su una giornata di lavoro in redazione, una giornata però speciale, del 1° ottobre 2013, coincisa con lo scoop mondiale dell’intervista di Eugenio Scalfari, fondatore di Repubblica, a Papa Francesco e caratterizzata poi a tarda sera dalla notizia dell’improvvisa morte di Giuliano Gemma in un incidente stradale con l’inevitabile ridisegno di alcune pagine del giornale. Poi vi è stato un interessante confronto con Angelo Melone, capo della redazione di Repubblica.it. E’ stato spiegato che il giornale sul web, con oltre tre milioni di contatti giornalieri, è divenuto sempre di più il fulcro centrale del fare informazione con l’edizione cartacea dedicata maggiormente agli approfondimenti ed alle inchieste. Discorso analogo per i tanti periodici di volta in volta allegati al quotidiano e poi si è parlato anche di RepTv via web con due notiziari e vari momenti di approfondimento. Quindi la visita alla redazione web e alla web tv con spiegazione del tipo di lavoro che si svolge 24 ore su 24. Dopo una veloce visita agli studi di Radio Capital, per la redazione dell’ARCIMBOLDO vi è stata l’importante opportunità di assistere per pochi minuti alla fase finale della prima riunione di redazione sotto la guida del direttore Ezio Mauro.

Continue reading L’Arcimboldo in trasferta a Roma

In Fassa, la Polizia locale, ora è unita

È stata una gara contro il tempo ma la gestione unica di Polizia locale in Valle di Fassa è realtà. La convenzione, prevista inizialmente per l’inizio di marzo, ha superato il vaglio dei singoli consigli comunali. L’accordo raggiunto tra i sette comuni della Valle non comporterà tagli al personale ma il servizio sarà migliorato, reso più omogeneo e darà la possibilità di creare delle specializzazioni che ora, con il numero esiguo di agenti presenti in ogni paese, resta un traguardo irraggiungibile. Si parla anche di maggiore flessibilità del servizio specialmente in occasione di eventi particolari come manifestazioni sportive, incidenti e maxi emergenze. Il progetto prevede la realizzazione di una centrale unica di chiamata per tutto il territorio della Valle di Fassa e la razionalizzazione delle forze per le varie necessità. È previsto l’utilizzo massiccio delle nuove tecnologie con l’ausilio di tablet, assegnati agli agenti, accompagnato da un lavoro unico di gestione dati tramite rete. Gli agenti potrebbero avere un ruolo anche nell’informare e assistere la numerosa clientela turistica sulle strade in situazioni di forte innevamento e chiusura dei passi. INFO Il Corpo Polizia Locale disporrà di centralino aperto dalle 8 alle 19 e ufficio aperto al pubblico, nella sede di Moena dal lunedì al venerdì dalle 9 dalle ore 12. Nelle sedi di Pozza e di Canazei, in giornate da definire, dalle 9 alle 12. Numero unico di centralino: 0462.574450 fax. 0462.573466 e-mail: info@polizialocalevaldifassa.it; pec: polizialocalevaldifassa@legalmail.it (solo da posta certificata) www.polizialocalevaldifassa.it.

Continue reading In Fassa, la Polizia locale, ora è unita

Per conoscere il paesaggio

Il Progetto MYL – Meet Your Landscape, nasce da una collaborazione tra la Provincia di Trento e diversi enti territoriali, con l’intento di promuovere un percorso di valorizzazione del paesaggio e delle Dolomiti – UNESCO. L’iniziativa, rivolta ai giovani dai 18 ai 30 anni, propone di lavorare insieme sull’immagine e il racconto attraverso un workshop di fotografia e storytelling che si concluderà con un fototrekking in compagnia di un fotografo professionista. Una mostra finale itinerante raccoglierà le narrazioni e le fotografie prodotte durante il trekking.
Il progetto Meet Your Landscape è un progetto a ricaduta provinciale che tocca le quattro aree trentine che ospitano il sito del Patrimonio Naturale dell’Umanità Dolomiti – UNESCO. Iniziato e concluso in Primiero nel periodo autunnale, Meet Your Landscape si sta concludendo ora in Val di Fiemme nella sua sessione invernale e verrà proposto in primavera in Val di Fassa (mese di maggio/giugno) per terminare in Brenta in estate (giugno/luglio).
Info e contatti: progettomyl@gmail – 333 6744437 (Martina de Gramatica). Segui gli aggiornamenti sulla Pagina Facebook: https://www.facebook.com/progettomyl

 

 

 

Continue reading Per conoscere il paesaggio

La Sorpresa di Pasqua

Forse non sarà così apprezzato come i dolci di questo periodo, ma un piccolo regalo pasquale vogliamo farvelo anche noi. Domani, in serata, sarà disponibile il nuovo numero dell’Avisio. Potrete scaricarlo e leggerlo integralmente sull’Avisioblog. Come di consueto poi, tra una decina di giorni, sarà anche disponibile nella versione cartacea che potrete trovare nei consueti espositori. Buona lettura.

Continue reading La Sorpresa di Pasqua

L’elettrocardiogramma a portata di mano

Grazie al finanziamento del Consorzio B.I.M. ADIGE-Vallata Avisio dell’Apss, dell’U.O. di medicina dell’ospedale di Cavalese e distretto Ovest, è stato possibile acquistare due elettrocardiografi di cui uno già in rete nel sistema MUSE a Cembra. Questo consentirà il completamento della copertura di questo prezioso servizio anche per la Valle di Cembra. In questo modo gli utenti di questa Valle potranno eseguire un elettrocardiogramma senza doversi spostare a Trento o a Cavalese e ricevere la refertazione dell’esame attraverso collegamento telematico con il reparto di medicina di Cavalese in tempi rapidi con possibilità di archiviazione dell’esame in un unico database, analogamente a quanto già avviene dal 2008 per le Valli di Fiemme e Fassa. In questa prima fase è operativa la sede di Cembra, successivamente verrà attivata anche la sede di Segonzano.Gli ECG verranno eseguiti dal personale infermieristico in apposite sedute a Cembra il martedì dalle 14.00 alle 15.00 con prescrizione medica e prenotazione al CUP, Centro Unico di Prenotazione 848816816. Gli esami verranno poi inviati per via telematica all’ospedale di Cavalese, dove nell’U.O. di medicina si trova lo specialista che ha la possibilità di refertare l’esame e di rimandarlo, sempre per via telematica, a Cembra. Il referto verrà stampato dal personale amministrativo e sarà disponibile per il ritiro da parte dell’utente a partire dal giovedì successivo. L’obiettivo è quello di fornire un’efficace risposta a una fascia di popolazione sia in termini di accessibilità, portando il servizio vicino al luogo di residenza, sia in termini di archiviazione nel tempo degli ECG effettuati, permettendo così raffronti in tempi reali con i dati memorizzati nel sistema oltre alla refertazione a distanza.

 

 

Continue reading L’elettrocardiogramma a portata di mano

Esclusiva dell’Avisioblog

La notizia è ancora top secret. Un laboratorio svizzero ha sviluppato il prototipo di una vettura che potrebbe essere più rivoluzionaria dell’automobile ad acqua. Si tratta di un autoveicolo a ricarica manuale. Se ne sa ancora poco, ma parrebbe che con tre giri di molla si possano percorrere quasi dieci chilometri.

Continue reading Esclusiva dell’Avisioblog

I buoni formaggi delle Dolomiti

A 10 anni dal riconoscimento formale da parte della PAT, la Strada dei formaggi delle Dolomiti è pronta a cambiare marcia in un’ottica di servizio reso al territorio attraverso la valorizzazione delle sue produzioni locali. A sostenere il programma di attività in continua crescita, oltre ai circa 100 associati, alle ApT di riferimento sul fronte comunicativo e ai Caseifici come principali protagonisti a livello produttivo.

Il primo dato che emerge è quello di un’operatività in costante crescita. Dal lato “dell’ospite” la Strada si è fatta carico dello sviluppo di nuove iniziative enogastronomiche. Tra le tante HappyCheese che, con il suo nuovo format, ha dimostrato come il lavoro di squadra tra territori e operatori possa portare a degli ottimi risultati: nell’inverno appena trascorso l’affluenza media nei rifugi è stata 70-80 persone con picchi di 200. Un merito riconosciuto anche a livello istituzionale, tanto da ottenere lo scorso autunno il premio da parte dell’Euregio come miglior progetto trentino per la sinergia tra agricoltura e turismo.

In crescendo anche il ruolo attribuito alla Strada all’interno dei programmi delle principali manifestazioni enogastronomiche presenti sul territorio con l’organizzazione diretta di attività collaterali che hanno reso possibile ragionare in un’ottica di destagionalizzazione. Nel 2014, al già ricco palinsesto delle Desmontegade, che a turno caratterizzano il mese di settembre, si è aggiunto il Festival del Puzzone di Moena DOP che ha visto la Strada protagonista nell’ideazione della nuova formula e dei relativi contenuti insieme al Comune di Moena , al Consorzio Moena Alpine Pearls e ad altri attori del territorio.

Per il 2015 ampio spazio avrà il binomio tra gusto e natura, già proposto e apprezzato nel fitto calendario dei Cheesenic (eco-gustosi picnic nei luoghi più belli delle Dolomiti), con un doppio appuntamento dedicato alla famiglie dal titolo “Una Notte al Parco, in collaborazione con il Parco Naturale di Paneveggio e Pale di San Martino, dove bambini e genitori sperimenteranno un weekend tra laboratori del gusto ed escursioni, pernottando presso il Centro Visitatori con tanto di sacco a pelo. In fase di definizione anche un programma primaverile dal titolo Erbe, Fior di Sapori legato alla fioritura con l’ipotesi di un allargamento territoriale e di contenuti.

Per quanto riguarda “EXPO 2015” il ruolo della Strada è stato quello richiesto a livello istituzionale con la fornitura dei contenuti enogastronomici relativi agli itinerari tematici e ai pacchetti vacanza realizzati sul territorio provinciale. Importante anche il ruolo di indirizzo e supporto operativo ai ragazzi dell’Istituto la Rosa Bianca di Cavalese che, all’interno del concorso indetto dal Ministero dell’Istruzione per Expo, ha portato alla realizzazione di un’Applicazione mobile con 3 itinerari enogastronomici in Val di Fiemme, incentrati sugli associati alla Strada e al club Tradizione e Gusto. Questa è stata nominata a livello provinciale come miglior progetto in concorso ed è ora in gara per il premio EXPO nazionale.

Continue reading I buoni formaggi delle Dolomiti

Diamo i numeri

La Val di Fiemme è terra di grandi eventi. Questa stagione invernale ha proposto non solamente momenti sportivi, ma anche importanti meeting internazionali. Qui di seguito vi diamo alcuni numeri che evidenziano le dimensioni degli “incontri” che si sono svolti in Valle: il raduno della Protezione Civile ha portato in Val di Fiemme 1000 persone, l’ Eni 800 partecipanti, il raduno del Banco Popolare 450 e quello dell’Unicredit 2800 persone.

Quest’ultimo è stato particolarmente impegnativo sia perché ha visto la partecipazione di 20 Nazioni, sia per la complessità degli spettacoli organizzati per le cerimonie di apertura, a Predazzo, e chiusura, allo Stadio del Ghiaccio di Cavalese.

Una segnalazione particolare va alla Scuola Alberghiera di Tesero. Insegnanti e ragazzi hanno supportato, con grande impegno e professionalità, l’organizzazione dei diversi momenti conviviali . Nella foto una mega torta realizzata dai ragazzi e dagli insegnanti dell’Istituto di Tesero.

 

 

Continue reading Diamo i numeri