Quel bar immobile come il lago

Bello, ma per ora non operativo, il complesso a Lago di Tesero realizzato per iniziativa del Provincia di Trento e il Comune di Tesero. Si tratta di una grande terrazza sul lago, un punto ristoro, campi da gioco con spogliatoi, parco giochi e area sosta camper riqualificata con la costruzione di due fuochi e tavoli al coperto per cucinare.

Il complesso, realizzato in legno secondo i dettami delle case clima, è nato dieci anni fa per iniziativa della giunta guidata da Gianni Delladio, ulteriormente definito poi sotto il mandato del sindaco Franco Zanon.

Ora manca davvero poco. Il Servizio ripristino della Provincia ha eseguito la pavimentazione e sistemato gli spogliatoi della società sportiva di tamburello.

La zona ha già la sua illuminazione. Occorre, però, completare l’area ristoro per rendere vivo un impianto non solo attrattivo durante il periodo estivo, ma anche in quello invernale. L’area infatti è situata in prossimità del Centro del fondo dove si sono disputate edizioni dei Campionati del Mondo di Sci Nordico del 1991, 2003 e 2013. Per questo la località è un punto strategico per chi pratica sci nordico e per chi vuole pattinare nella pista di pattinaggio all’aperto. C’è un ristorante a cento metri, un negozio alimentari a trecento metri e la possibilità di noleggiare attrezzature per lo sport. Insomma, la struttura di Lago ha sicuramente un futuro e darebbe senso agli investimenti già compiuti tra cui anche il ponte pedonale realizzato e attualmente poco utilizzato.

Il piccolo specchio lacustre, i prati curati e il colore variopinto delle casette in legno confinanti con la grande terrazza costituiscono sicuramente un forte richiamo turistico per la frazione di Tesero. Potrebbero utilizzarlo non solo i turisti di passaggio ma gli abitanti di Lago e di Tesero tramite il percorso ciclo-pedonabile di Sottopedonda.

“I lavori, a carico dell’amministrazione di Tesero – spiega il geometra comunale – riguardano gli impianti termici e idraulici e quindi l’arredamento. A lavori conclusi il bar sarà assegnato, tramite gara, a privati che gestiranno il locale in autonomia”. Parole rassicuranti, ma non siamo riusciti a conoscere i tempi effettivi perché l’investimento realizzato possa dirsi concluso. Non vorremo che la struttura di Lago di Tesero entrasse nella lista di tante opere iniziate e mai concluse.

Gilberto Bonani

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento