Sette minuti in Tibet

Tibet. L’intramontabile mito di tutti gli appassionati di montagna. Con la sua quota media di 4.900 metri è considerato il tetto del mondo. Per attraversare i dirupi dell’altopiano, le antiche popolazioni tibetane si sono ingegnate, inventando un ponte sospeso che è sorretto da funi ancorate alle rocce. Questo tipo di ponte non è rigido. Le funi vengono lasciate penzolare, libere di ondeggiare nel vento. In Val di Fiemme si scopre il fascino di queste passerelle sulle acque del torrente Travignolo.

Nicolò Brigadoi Calamari

L’articolo completo lo puoi leggere sul nuovo numero de L’Avisio che sarà in distribuzione nei prossimi giorni. Lo puoi anche scaricare gratis dal link sulla colonna a destra.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento