Immagine

L’incanto del vino

Crescono gli stand e si moltiplicano le etichette. A Capriana giunge alla terza edizione l’evento “L’incanto del vino”. Sabato 18 agosto, dalle 16.00 alle 21.00, uno dei lariceti più belli d’Europa ospita la degustazione di vini della Val di Cembra, dei salumi di Capriana e dei formaggi del Caseificio Val di Fiemme, fra i suoni dei corni delle Dolomiti.

Nella località Pradi di Pra del Manz, raggiungibile anche da Anterivo, la natura si lascia assaporare in un’atmosfera romantica, grazie a una festa organizzata dalla Pro Loco di Capriana Dal’Aves al Corn, con il patrocinio del Comune di Capriana.

Per tutti è un’occasione per imparare ad orientarsi in un’ampia scelta di vini pluripremiati, portavoce della mineralità e dell’aromaticità offerte dalle montagne di Cembra.

Nei 13 stand disposti in cerchio si degustano oltre 50 vini del Consorzio Cembrani Doc e di Cembra Cantina di Montagna, oltre ai distillati Paolazzi e Pilzer.

Fra le numerose etichette, il Müller Thurgau, re indiscusso dei vini di Cembra, Trentodoc, Salisa Brut, Ferro Mosso, spumante Cimbrus, Lagrein, Schiava, Pinot Grigio, Nero e Bianco, Moscato Giallo, Cimbro Rosso, Veltiner, Gewurztraminer, Sauvignon e Teroldego, con ampio spazio all’incanto dei rosè.

Il Caseificio Sociale “Val di Fiemme” Cavalese, alle 17.30, offre una degustazione gratuita dei suoi formaggi.

Dalle 18.30, avvolgono il lariceto i canti musicali dei corni del Dolomiti Ensemble Horn. Alle 19.00, tutti possono degustare un tagliere tipico, assaggi gourmet, panini e il tradizionale orzotto. È presente anche la Gelateria Tre Valli di Cavalese. I bambini sono i benvenuti grazie a un intrattenimento che inizia alle 16.00.

L’evento intende esaltare il connubio tra natura e uomo. La coltura della vite in Trentino è praticata da 2000 anni, ed è parte integrante della cultura e della tradizione. Il lavoro manuale faticoso, praticato con passione e orgoglio, diventa un’arte fatta di conoscenze antiche che si tramandano e si conservano nel tempo.

Info: Federico Goss, presidente Pro Loco Capriana, cell. 347 5310039 – info@prolococapriana.it

 

 

 

 

Continue reading L’incanto del vino

Scappa dalla stanza dello Scario

Nasce una sfida avvincente nel cuore dell’estate. Fra le mura del plurisecolare palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme, a Cavalese, tutti potranno essere i protagonisti di un gioco di ruolo inedito che fa rivivere pagine di storia della Val di Fiemme, divertendosi.

Venerdì 24, sabato 25 e domenica 26 agosto, l’originale sfida “Escape Room” invita a scappare dalla stanza dello Scario risolvendo in soli 60 minuti enigmi e indovinelli.

Il nuovo gioco, ideato e sviluppato dai ragazzi dello Spazio Giovani L’Idea della Val di Fiemme, con la collaborazione della Magnifica Comunità, prevede cinque turni nelle giornate di venerdì 24 e sabato 25 (ore 9.00, 10.30, 14.30, 16.00, 17.30) e tre turni nel pomeriggio di domenica 26 agosto (ore 14.30, 16.00, 17.30).

Le squadre possono essere composte da un numero massimo di 6 partecipanti.

La quota di iscrizione di 5.00 euro include il biglietto di ingresso per visitare il Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme.

È obbligatoria la prenotazione al numero 329 3105947.

 

 

 

 

 

 

Continue reading Scappa dalla stanza dello Scario

I ragazzi del Magma Team a Predazzo per la preparazione tecnica

Da Catania a Predazzo per quaranta giorni di allenamento “al fresco”: il Magma Team Triathlon è in paese con 17 giovani atleti (tra i 13 e i 21 anni) dal mese di luglio, grazie a un rapporto d’amicizia con l’ASD Dolomitica Nuoto CTT, in particolare con il presidente Alberto Bucci, e con il campione di ironman Alessandro Degasperi. Da alcuni anni le due società sportive si ospitano a vicenda per gli allenamenti, così da prolungare la preparazione in base alle differenti condizioni climatiche delle due regioni italiane. Agli allenamenti di nuoto (presso la piscina comunale, Centro Federale di Triathlon), corsa e ciclismo, il gruppo alterna escursioni in montagna e altre attività, sportive e ludiche. Nei giorni scorsi, gli atleti hanno partecipato anche al 7° Triathlon MTB di Predazzo, mettendosi in gioco sia come concorrenti, sia come volontari, dando una mano nell’allestimento dei percorsi.

“Si tratta di un’importante esperienza formativa non solo da un punto di vista sportivo, ma anche umano e tecnico: siamo alloggiati in più appartamenti e i ragazzi sono chiamati a gestire in autonomia la vita domestica, contribuendo alle pulizie e alla realizzazione dei pasti, che diventano anche un’importante riflessione sulla qualità dell’alimentazione in relazione ai risultati sportivi”, spiega l’allenatore Fabio Pruiti.

L’assessore allo Sport Giovanni Aderenti ha voluto incontrare il Magma Team Triathlon al Centro del Salto di Predazzo, trovando un gruppo di ragazzi incuriositi dalla struttura e da una disciplina particolare come quella del salto con gli sci. Un’occasione per raccontare la storia dei tre Mondiali di sci nordico già ospitati e per presentare le speranze olimpiche del Centro, all’interno del quale si sta lavorando per la realizzazione del trampolino K60, che andrà a completare la struttura.

“Incontro sempre con piacere i gruppi di atleti che scelgono Predazzo per i loro allenamenti. Non è solo l’occasione per portare loro i saluti dell’Amministrazione, lasciando in ricordo il gagliardetto del Comune. È soprattutto un modo per parlare del territorio, raccontandolo attraverso le nostre bellezze, la nostra storia, le nostre associazioni e le nostre strutture. Ogni volta rimango stupito dall’entusiasmo dei ragazzi e dei loro allenatori, che riescono a trasmettere i valori dello sport e a veicolare l’amore per la montagna. Sono convinto che questi raduni abbiano una valenza che va ben oltre i risultati agonistici: sono un’esperienza formativa ed educativa significativa e con ricadute sul lungo periodo e, per noi, un’importante occasione di promozione turistica”, sottolinea Aderenti.

Continue reading I ragazzi del Magma Team a Predazzo per la preparazione tecnica

Il 15 e 16 settembre la seconda edizione della Fiemme Rollerski Cup
Rollski und Trailrunning im Val di Fiemme

A grande richiesta torna lo skiroll in Val di Fiemme. La Valle è  pronta ad ospitare a Ziano di Fiemme gli atleti alla Fiemme Rollerski Cup del 15 e 16 settembre.

Una seconda edizione prestigiosa, che si aggiunge agli altri importanti eventi di skiroll disputatisi in terra fiemmese come la Coppa del Mondo 2014 e i Mondiali 2015, eleggendo la bella vallata trentina come la principale candidata ad ospitare l’allenamento dei fondisti prima che questi ritornino ad infiammare le nevi del Cermis in occasione del prossimo Tour de Ski, amatori e skirollisti di Coppa del Mondo FIS.

La Val di Fiemme sarà più che mai “finale” sia per quanto riguarda la Coppa del Mondo, ed anche per quanto riguarda l’ambito circuito Guide World Classic Tour, con la tappa fiemmese ultima in calendario. Il challenge scandinavo si è aperto alla Olaf Skoglunds Minneløp, proseguendo poi al Blink Classics prima di prepararsi ad affrontare la Alliansloppet a fine agosto e dirigersi infine in Trentino per la Fiemme Rollerski Cup settembrina. In testa alle classifiche generali ci sono ora Anders Moelmen Hoest davanti al campione delle lunghe distanze plurivicintore della Marcialonga Tord Asle Gjerdalen, a Morten Eide Pedersen, sempre in condizioni ottimali in estate, e al russo Alexander Bolshunov.

Tra le donne conduce Astrid Oyre Slind su Kari Vikhagen Gjeitnes, mentre in quarta posizione ecco la leggendaria polacca Justyna Kowalczyk, vincitrice della scorsa edizione della Fiemme Rollerski Cup.

L’evento è tuttavia rivolto principalmente agli amatori, i quali potranno godere di sfide uniche proprio in compagnia di questi grandi campioni, percorrendo in parte il tracciato Marcialonga e chiudendo sull’Alpe che ha fatto e farà la storia del Tour de Ski, il Cermis.

La Val di Fiemme è anche occasione di soggiorno dopo le fatiche sportive, gli amatori potranno così sfoderare gli skiroll e gustarsi i meravigliosi scenari circostanti, incantevoli anche senza “suggestioni innevate”. Domenica 16 settembre gli amatori partiranno giusto qualche minuto dopo i fuoriclasse, competendo nei percorsi di 20 km (short distance) o 50 km (Iong distance), magari coltivando il sogno di raggiungerli!

Per info ed iscrizioni: www.fiemmerollerskicup.it.

Continue reading Il 15 e 16 settembre la seconda edizione della Fiemme Rollerski Cup

Cavalese in cartolina, una mostra e laboratorio per bambini

Il Festival delle Terre Alte, giunge alla quarta tappa. Dopo Bedollo, Canale d’Agordo e Lago di Tesero, il prossimo appuntamento denominato “Cavalese in cartolina” è previsto per il pomeriggio di Sabato 11 Agosto 2018 a Cavalese, precisamente al Parco della Pieve.

L’evento si svolgerà dalle ore 17,00 alle ore 19,00. E’ sufficiente passare in questo periodo di tempo, sarà così possibile con creatività realizzare la propria cartolina personalizzata.

Coordinatrice dell’iniziativa sarà Chiara Paoli, professionista dei beni culturali.

L’organizzazione sarà a cura del Gruppo CTG “Terre Alte”, con il sostegno del Comune di Cavalese e con il patrocinio del CTG Nazionale, della Comunità Territoriale della Val di Fiemme e del Distretto Famiglia della Val di Fiemme.

Questa volta, sarà proposto un laboratorio “ a ciclo continuo” destinato ai bambini dai 3 anni in su. All’interno del Parco della Pieve, si prevede l’allestimento, di una piccola mostra temporanea che narra la storia della nascita della cartolina.

La prima cartolina postale del mondo fu la Correspondenz-Karte, emessa dalle poste dell’Impero Austro-Ungarico il 1º ottobre 1869. Essa fu inventata da Emanuel Alexander Herrmann, professore d’economia all’accademia militare teresiana, con l’intento di sostituire, per la breve corrispondenza, le più onerose lettere. Herrmann scrisse un lungo articolo sul Neue Freie Presse intitolandolo “Nuovo mezzo di corrispondenza postale”con il quale attirò l’attenzione del direttore generale delle poste austriache, il barone Od-Maly. Il 25 settembre 1869 Od-Maly ottenne il decreto di emissione delle cartoline postali che apparve nel Bollettino delle leggi dell’Impero, con il quale si fissava la data di emissione nel primo ottobre.”

Attraverso fogli opportunamente plastificati, verrà illustrata un racconto affascinante della cartolina, che oggi va scomparendo, sostituita da fotografie, cellulari smartphone e i “social network” (in modo particolare whatsapp ed instagram).

Una visita guidata ed un laboratorio pensati per far scoprire assieme a loro “un piccolo pezzo di storia”, uno strumento di comunicazione molto utilizzato nell’ambito del turismo. Seguirà poi la realizzazione, in un’ottica di mail art, una cartolina ricordo, con immagini legate a Cavalese.

Ai partecipanti, saranno inoltre forniti simpatici francobolli adesivi da mettere sulla cartolina (affrancatura non valida ai fini della spedizione, ma la stessa può essere spedita con busta e francobollo postale!), su cui va apposto eventualmente il timbro.

La cartolina può essere anche scritta con indicato un ricordo legato a Cavalese e alla Val di Fiemme, o con i saluti da inviare a parenti e amici.

La partecipazione sarà libera e gratuita.

In caso di forte maltempo, l’iniziativa avrà luogo al coperto. All’ingresso del Parco della Pieve (Viale Mendini, termine sud) sarà presente segnaletica per raggiungere il luogo preciso.

Alla sera di Sabato 11 Agosto, a Cavalese presso il Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme, avrà luogo ad ore 21 la tavola rotonda dal titolo “Papa Luciani e la Valle di Fiemme, un incontro d’arte” a cura della Fondazione Papa Luciani di Canale d’Agordo e del Museo del Palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme. Anche il Gruppo CTG “Terre Alte”, ha voluto concedere il patrocinio a questa iniziativa culturale, ritenendola molto valida e importante passo in avanti per quanto riguarda i rapporti di amicizia tra due vallate dolomitiche, quali la Val di Fiemme e la bellunese Val del Biois.

 

Per ulteriori informazioni: cell. 389-8703984, E-Mail: terrealte@ctg.it, Pagina Facebook Gruppo CTG “Terre Alte”, Pagina Instagram Gruppo CTG Terre Alte.

 

Continue reading Cavalese in cartolina, una mostra e laboratorio per bambini

A Predazzo il camp estivo

La pista d’atletica del campo sportivo si è rivelata ancora una volta un’attrattiva turistica. Anche l’ASD Atletica Insieme di Bussolengo (Verona) ha scelto, infatti, Predazzo per il proprio camp estivo. Dal 29 luglio al 4 agosto, una sessantina di atleti delle categorie dai cadetti (14/15 anni) agli assoluti (oltre i 20 anni) ha trascorso una settimana tra allenamenti, giochi e uscite in montagna, in compagnia degli allenatori. Per la società non è la prima esperienza a Predazzo, già due anni fa erano stati ospiti del paese per la trasferta estiva. “Non è scontato trovare una pista da atletica in un luogo così bello paesaggisticamente: un abbinamento che ha conquistato tutti e che probabilmente riproporremo ai nostri atleti anche il prossimo anno”, commenta uno degli allenatori della squadra, Paolo Tagliapietra.

L’assessore allo Sport Giovanni Aderenti ha voluto incontrare anche questo gruppo di sportivi, come già fatto con le altre società che quest’anno hanno scelto Predazzo per il loro camp estivo: “Non voglio solo portare a ragazzi e allenatori il saluto dell’Amministrazione comunale, ma voglio dare loro il benvenuto dell’intero paese, che li accoglie con l’ospitalità di cui è sempre capace, ma anche con la qualità dei nostri impianti sportivi, apprezzati da tutti coloro che hanno la possibilità di usufruirne”.

 

Continue reading A Predazzo il camp estivo

“Letture racconti & peluche”

Continuano gli appuntamenti dell’estate per i piccoli lettori della biblioteca di Cavalese. Martedì 7 agosto alle ore 17.00 in biblioteca “Letture racconti e peluche”: storie per tutte le stagioni di e con Claudia Maria Pezzini e Alessio Kogoj dei Teatri Soffiati.

I due narratori racconteranno storie ai bambini, condite da una sana dose di teatro i cui ingredienti principali sono la comicità, la dolcezza e l’allegria. Ma la loro particolarità è che raccontano le storie non solo ai bambini, genitori e nonni, ma anche ai loro peluches. Pertanto i bambini sono inviati a portare il loro orsacchiotto preferito, il loro pupazzetto, il loro inseparabile peluche che sarà coinvolto nei racconti.

Partecipazione libera e gratuita.

cavalese@biblio.infotn.it 

Continue reading “Letture racconti & peluche”

Stella Bolaffi presenta ”ridammi la vita”

Lunedì 6 agosto alle 17.30, nell’aula magna del municipio di Predazzo, Stella Bolaffi Benuzzi presenterà il suo ultimo libro. Dopo la biografia del padre “Giulio Bolaffi. Un partigiano ribelle”, l’autobiografico “La balma delle streghe” (sulla sua infanzia tra leggi razziali e lotta partigiana) e il romanzo “La grotta della foca monaca”, la psicoanalista torinese, affezionata frequentatrice di Predazzo, propone un testo di tutt’altro genere: “Ridammi vita – Dai Salmi di Davide a una visione etica contemporanea” è stato pubblicato nella Collana del dialogo ebraico-cristiano dalla casa editrice Salomone Belforte & C. Si tratta di uno studio del pensiero del rabbino Giuseppe Laras e del cardinale Carlo Maria Martini che diventa diario personale di un viaggio senza fine per la costruzione di un’etica individuale e collettiva. Bolaffi ripercorre il suo percorso di studi e le sue esperienze professionali con i pazienti, partendo dai Salmi di Davide, che diventano così lo strumento per agire nella realtà e per celebrare la vita. Il libro è stato selezionato anche per la partecipazione al Martini International Award.

 

Continue reading Stella Bolaffi presenta ”ridammi la vita”

Emendamento azzardo

(riceviamo questa lettera che volentieri pubblichiamo)

Tre anni fa nel 2015, proprio negli stessi giorni caldi di fine luglio, avevamo festeggiato la legge provinciale n.13 “Interventi per la prevenzione e la cura della dipendenza da gioco d’azzardo”, che collocava il Trentino all’avanguardia rispetto al resto d’Italia, prevedendo tra l’altro importanti misure di contenimento del mercato dell’azzardo sul nostro territorio. La legge infatti prevedeva che entro un lasso di tempo di 5 anni l’offerta di gioco dovesse essere ubicata altrove e quindi gli esercenti gestori di sale slot e vtl, dovessero rispettare determinate distanze da luoghi sensibili quali le scuole, gli ambulatori, i centri per anziani… Le possibilità di gioco infatti si trovano “sotto casa” e resistere a tante tentazioni è davvero difficile, come ci spiegano decine e decine di giocatori e famiglie disperate, che abbiamo incontrato in questi anni. Oltre alle storie delle singole famiglie diverse ricerche a livello internazionale affermano quanto la prossimità ai luoghi di gioco d’azzardo costituisca un fattore di rischio nello sviluppo di una dipendenza.

Ricordiamo inoltre il trend del volume di gioco d’azzardo, per quanto riguarda il settore delle Newslot-Vlt e comma 7 la cui raccolta nella regione Trentino Alto Agide è passata da 886 milioni di euro nel 2014, a 898 milioni di euro nel 2015 fino a 916 milioni di euro nel 2016. Sembra quindi parecchio riduttivo pensare che il problema dell’azzardo sia rappresentato solo dal gioco online, che sicuramente preoccupa e apre nuove fette di mercato, ma come è evidente dai dati non elimina le problematiche già presenti.

Inaspettatamente la decisione del consiglio provinciale di Trento di votare favorevolmente l’emendamento proposto dal consigliere di Forza Italia Giacomo Bezzi che sposta di altri 2 anni, al 2022 l’applicazione della norma, ci lascia stupefatti e delusi perché rappresenta un passo indietro nella lotta all’azzardo e un cedimento alle pressioni delle lobby di chi guadagna sulle fragilità dei cittadini.

In particolare ci chiediamo quali siano le motivazioni alla base di questa decisione, considerato che la legge 13 (proposta dai consiglieri Plotegher e Viola, tra l’altro appartenenti a diversi schieramenti) era stata votata all’unanimità, mentre questa proroga è stata votata anche dell’assessore alla sanità Luca Zeni, che ben conosce i problemi della dipendenza da gioco d’azzardo patologico e che quindi per mandato dovrebbe porsi a tutela dei cittadini più fragili e della loro salute.

Sorprende quindi che ci sia una voto favorevole da parte dell’assessore alla salute, mentre l’assessore competente Olivi si è astenuto e alcuni consiglieri del Partito Democratico hanno espresso voto contrario.

A nome dell’associazionismo, del volontariato, delle famiglie dei giocatori d’azzardo e delle tante realtà che in questi anni hanno lavorato per sensibilizzare le persone sul tema del gioco d’azzardo, chiediamo all’assessore alla salute e politiche sociali di motivare questa scelta che ci sembra più vicina ai poteri forti dell’azzardo che alla salute di tutti. Chiediamo inoltre al presidente del consiglio provinciale Bruno Dorigatti, di invitare i capigruppo a riflettere e a valutare l’ipotesi di correggere la norma e ripristinare quanto previsto dalle legge originaria.

Vincenzo Passerini, Presidente C.N.C.A. Trentino Alto Adige – Cecilia Dal Rì, Presidente Associazione A.M.A. – Paola Pisoni, Presidente Forum delle Associazioni Familiari del Trentino

Continue reading Emendamento azzardo

Quel poligono di tiro dell’Ottocento

Il Casino di bersaglio comunale di Campitello rientra nella rete dei poligoni di tiro sorti nell’Ottocento in tutto il territorio del Tirolo storico per l’esercizio dell’uso delle armi. Venne costruito nel 1905 e restò in funzione fino allo scoppio della Grande Guerra quale sede degli Scizeres, i tiratori o “Bersaglieri immatricolati” di Campitello, Mazzin e Canazei. Successivamente venne adibito ad abitazione privata e, infine, utilizzato come deposito comunale, ma la struttura è una delle poche giunte pressoché integre fino ad oggi, nonché l’unica ancora presente in Val di Fassa.

Vista l’importanza storica e sociale della struttura, il Comune di Campitello (coadiuvato dalla Soprintendenza per i Beni culturali della Provincia di Trento, dall’Istituto Culturale Ladino e con il prezioso contributo del Consorzio dei Comuni – BIM Adige) ne ha predisposto il recupero, permettendo così che la storia e le vicende delle milizie territoriali fassane possa essere rivissuta e ricordata.

Un ruolo di primo piano durante l’inaugurazione è stato riservato all’associazione di tiro Schützenkompanie Ladins de Fasha, promotrice dell’intitolazione del Casino di Bersaglio ad Antonio Rizzi, Capitano e poi Maggiore delle milizie fassane durante le insurrezioni antinapoleoniche.

Emily Molinari

 

 

Continue reading Quel poligono di tiro dell’Ottocento