Immagine

Il «Centro Musica Awards» a Davide Battisti

 Proponendo all’ascolto del pubblico e della giuria i due brani inediti Mi basta così e Tequila invecchiata, il cantautore trentino Davide Battisti ha vinto la terza edizione del «Centro Musica Awards. La serata finale, presentata da Francesca Merz, si è tenuta ieri sera in Piazza Fiera a Trento davanti ad un pubblico numeroso e pienamente coinvolto nella gara canora che ha visto in palcoscenico, oltre a Davide Battisti, Candirù, Malaga Flo, Mondo Frowno, Soundproof e The Rumpled Folk Band. Nella classifica finale del contest, il secondo posto è toccato ad un altro cantautore, Candirù, mentre in terza posizione si è classificata la Rumpled Folk Band. Oltre a decretare il vincitore del «Centro Musica Awards», la giuria era chiamata anche ad assegnare, all’interprete giudicato migliore sotto il profilo autoriale, il premio «Frequenze inedite», anche questo assegnato alla Rumpled Folk Band. Il gruppo avrà anche la possibilità di aprire il 7 agosto prossimo a Treviso al festival «Suoni di Marca» il concerto di Marta sui Tubi presente ieri a Trento in qualità di ospiti.

Continue reading Il «Centro Musica Awards» a Davide Battisti

Benvenuta estate

Salutiamo l’arrivo della nuova stagione con gentilezza e referenza. Forse, in tal modo, avremo un agognato periodo di sole e di cieli tersi. Se saremo particolarmente accoglienti nei suoi confronti, potrebbe anche riservarci le piogge necessarie, ma mai di sabato o di domenica. E comunque, male che vada, l’estate ben accolta, potrebbe essere almeno più benevola, nei nostri confronti, di quanto lo sia stata lo scorso anno.

Continue reading Benvenuta estate

Tagli, ritagli e frattaglie

Gli abitanti di Fiemme e Fassa lo considereranno certamente uno sfregio. Il nostro ospedale diventa stagionale: infatti la chirurgia verrà chiusa la notte e nei fine settimana, ma solo fuori stagione, mentre resterà operativa nei periodi di maggior afflusso turistico. E’ questa la nuova frontiera della spending review della Provincia di Trento. Una decisione, questa, che segue le note vicende sui tagli del reparto di neonatalità dell’ospedale di Cavalese e di molte altri scelte di dismissioni legate alla nostra sanità “ di periferia”. Negli ultimi anni abbiamo assistito ad un continuo tira e molla nel quale, a fronte di riduzioni dei servizi del nostro ospedale, si promettevano nuovi progetti di ampliamento e potenziamento. E’ ora di mettere le cose in chiaro. E a questo ennesimo attacco al diritto alla salute degli abitanti di Fiemme e Fassa quali sono state le reazioni? La neo-procuradora Testor e il segretario della lista Fassa Luca Guglielmi l’ hanno messa giù dura “ vorrà dire che andremo a curarci a Bolzano”. E Fiemme? Nel caso della vicenda del reparto di neonatalità abbiamo visto muoversi, con determinazione, un comitato di cittadini che hanno supplito alla latitanza, o quasi, della politica dei professionisti del bene comune. Mai, Fiemme e Fassa aveva avuto 4 consiglieri provinciali nel parlamentino di Trento, uno dei quali nella Giunta e tutti in maggioranza. E’ mai possibile che in queste condizioni di rappresentanza non si riescano a dare risposte certe ed efficaci ai propri  cittadini- elettori nel comparto della sanità che è il settore più importante e delicato della vita dei cittadini?

Continue reading Tagli, ritagli e frattaglie

Un museo innovativo a quota 3000

Marmolada Grande Guerra, il museo più alto d’Europa, sarà inaugurato sabato 27 giugno 2015 a quota 3000 metri nella stazione di Serauta, a pochi passi dal ghiacciaio della Marmolada. L’evento è riservato alla stampa e ai rappresentanti delle istituzioni pubbliche e museali mentre dal giorno successivo, domenica 28 giugno, il museo aprirà anche al grande pubblico.

L’area espositiva, di circa 300 metri quadri con 12 ambienti diversi, si caratterizza per un allestimento di grande impatto e il visitatore viene idealmente preso per mano e calato nella quotidianità della guerra condotta tra le rocce e il ghiaccio attraverso stralci di diario, vetrine tematiche, numerose fotografie e contenuti multimediali che riflettono la volontà di aprire una finestra sull’interiorità dei soldati e sulla loro vita in trincea. Un percorso davvero emozionante che culmina nella sala video.

Grazie al meticoloso lavoro svolto in fase di progettazione dall’architetto Claudine Holstein di G22 Projects Srl con i grafici della Gruppe GUT, visitare il museo Marmolada Grande Guerra diventa quindi un’esperienza interattiva, dinamica e coinvolgente, che consente di comprendere in modo molto approfondito le principali tematiche della guerra in alta montagna attraverso il punto di vista delle persone che ne furono coinvolte.

Dagli ampi finestroni del museo si possono ammirare le postazioni di guerra italiane e austro-ungariche recentemente rese agibili nonché i camminamenti che le collegano e uno splendido panorama su alcune delle vette più belle delle Dolomiti. A disposizione dei visitatori, poi, c‘è una sala ristorante-self service con 120 posti a sedere.

Da non perdere, infine, poco più su, alla stazione di Punta Rocca (3265 m), una visita alla terrazza panoramica e alla grotta-capella con la statua della Madonna consacrata da S.S. Papa Giovanni Paolo II. Tutto facilmente raggiungibile in funivia da Malga Ciapéla anche per le persone diversamente abili.

 

 

Continue reading Un museo innovativo a quota 3000

È la “Montegada”
Goats parade, desmontegada de le caore, Cavalese, Fiemme valley, Trento province, Trentino, Trentino Alto Adige, Italia, Italy

Per le capre è arrivato il momento di salire in quota. E così come lo è per il loro ritorno in valle a fine stagione, anche la partenza per l’alpeggio è occasione di festa. Dopo la prova generale dello scorso anno, torna domenica 21 giugno la seconda edizione di “Montegar le caore come sti ani”. Il programma prevede il ritrovo alle 9 in località Piazzol (Molina di Fiemme) dove verranno serviti caffè d’orzo e torta di mele. Dopo la colazione, capre, pastori e accompagnatori partiranno in direzione Malga Agnelezza. Il gregge, formato da capre e da pecore, sarà di circa 350 capi: ad aprire loro la strada il car da montegar, carico di ciò che veniva portato in quota dai pastori: dal paiolo per preparare la polenta ai materassi sui quali dormire durante i lunghi mesi estivi lontano da casa. Per i bambini sarà disponibile un’altra carrozza sulla quale potranno salire se durante il percorso saranno stanchi. Alle 10.30 sosta e rinfresco al Baito del Lola, mentre alle 12.30 pranzo a Ponte Stue con piatto del pastore (10 euro solo il pranzo, 15 euro colazione, aperitivo e pranzo), musica e animazione. Alle 14 il gregge si rimetterà in marcia: l’arrivo alla malga è previsto verso le 17. Chi avrà seguito le capre fino a destinazione potrà assistere alla prima mungitura in quota.

Continue reading È la “Montegada”

Una estate con l'Avisio di Fiemme e Fassa

Eccoci, quest’anno addirittura in anticipo. Il nuovo numero dell’Avisio, dedicato all’estate è già a vostra disposizione con un semplice clic (nella colonna qui a destra). Come potete vedere, già dalla copertina, si tratta di un numero davvero speciale poichè è il primo di una serie dedicata ai primi 20 anni del vostro e nostro giornale. Per l’occasione troverete una nuova e almeno secondo noi, bellissima grafica. Ma non basta. Questo numero oltre a essere brossurato, ha anche la copertina verniciata allo scopo di renderlo ancora più accattivante  (permetteteci un pò di “gasamento”). Vi troverete un gran numero di notizie utili che, ci auguriamo, possano allietare la vostra estate. Inoltre avrete un intero capitolo a vostra disposizione, dedicato ai  rifugi  ed ad alcune splendide destinazioni. Tra una decina di giorni sarà in distribuzione anche l’edizione cartacea. Ora però abbiamo bisogno tutti di un aiutino che ci risollevi l’animo e anche le finanze: una estate assolata ed un bel cielo azzurro.

Continue reading Una estate con l’Avisio di Fiemme e Fassa

Domenica 21 giugno, la  musica si fa festa

Era il 21 giugno del 1982 quando, su iniziativa del Ministero della Cultura francese, musicisti di ogni genere, professionisti e non, furono invitati ad esibirsi gratuitamente per le strade e le città della Francia. E’ nata così la «Festa della Musica europea« che oggi è diventata un autentico fenomeno sociale e che in Trentino troverà spazio ad Arco e a Bezzecca nel Comune di Ledro domenica 21 giugno 2015. la Festa della Musica rappresenta uno degli appuntamenti europei più importanti in tema di cultura, creato per coniugare musica e arte, linguaggi universali capaci di superare ogni barriera. Occasione unica per singoli musicisti, associazioni, giovani, allievi e gruppi di mostrare il proprio talento e farsi conoscere su palcoscenici più inusuali quali strade, vicoli, piazze, giardini e cortili. Più di centotrenta Paesi vengono coinvolti in questa sorta di concerto collettivo al quale partecipano ogni anno milioni di persone; evento che mescola tutti i generi musicali e si rivolge alla gente con l’obiettivo di diffondere la pratica musicale di familiarizzare giovani e meno giovani, di tutte le condizioni sociali, alle diverse espressioni musicali.

 IL PROGRAMMA DI ARCO

A partire dalla tarda mattinata del 21 giugno e fino alle 2.00 della notte, il giorno del Solstizio d’estate vedrà il centro storico di Arco animarsi con una moltitudine di musicisti, di qualsiasi genere: dalla musica classica, al rock, indie, jazz, pop, fino ai vari gruppi etnici, tutti potranno trovare il loro posto! In tutta Arco saranno attive venti postazioni, dove si avvicenderanno più di ottocento musicisti: i gruppi partecipanti sono, infatti, più di novanta e coprono ogni genere musicale. Un evento ricco di collaborazioni importanti e prestigiose, fra cui quella con la Federazione dei Corpi Bandistici della provincia di Trento, della Federazione Cori del Trentino, “Suoni Universitari” con la partecipazione dell’Opera Universitaria di Trento e quella del Conservatorio Statale di Musica F. Bonporti, ma anche quella di numerose associazioni musicali e culturali trentine, fra cui Area Musica di Trento, Forza Band di Cavedine, Sonà di Dro, del Comitato Emergency dell’Alto Garda e Ledro e di molte altre realtà, non solo locali. Interessante vedere che fra le collaborazioni, si passa dai vari Corpi bandistici dell’Alto Garda e Ledro e della Valle dei Laghi alle entità come l’Associazione Coordinamento 60 e più, l’Associazione “Aquila Albanese” e tante altre;

IL PROGRAMMA DI LEDRO

Sono previsti nel programma 32 gruppi tra i quali artisti di spicco come Mè, Pèk e Barba, Rumba de Bodas, Jack Cantina & Magmaflux e cantautori italiani come Milena Piazzoli, Maria Devigili e Manuela Pellegatta. Sempre presenti i Centri Aperti per Minori Kaleidos che grazie alla collaborazione dei giovani volontari del progetto ‘Io ci sto’ organizzano alcuni laboratori per bambini all’insegna di musica, colore ed energia.

Continue reading Domenica 21 giugno, la musica si fa festa

A Tesero il Film Festival della Montagna

La biblioteca di Tesero, in collaborazione con il Trento Film Festival della Montagna, propone due serate di proiezione dei film presentati a Trento nell’ambito dell’ultima edizione della rassegna. L’appuntamento è per venerdì 26 giugno e venerdì 3 luglio presso il Cinema comunale di Tesero con inizio alle ore 21.000E’ possibile vedere, oltre al film vincitore del 63° film Festival premiato con la Genziana d’argento, anche altri tre film premiati dalla giuria internazionale.  Durante le proiezioni, nell’atrio del Cinema sarà esposta una selezione di libri della biblioteca dedicati alla montagna, all’alpinismo e all’ambiente naturale. L’ingresso è libero per tutti.

Continue reading A Tesero il Film Festival della Montagna

Fiori e cristalli, un affascinante incontro

Un seminario dedicato ai fiori ed ai cristalli è la curiosa proposta dell’hotel Bellavista di Cavalese. Dal 10 al 16 luglio. Per una settimana Bruna Ferrari accompagnerà i partecipanti al corso in mondi apparentemente lontani ma, in realtà, contigui. Lo scopo: conoscere nuovi mondi ma, prima di tutto se stessi.

I FIORI. Dagli Indios dell’Amazzonia alle Dolomiti, un viaggio per riconoscere il proprio fiore e ritrovare il proprio guaritore. All’inizio del Creato, il Signore creò tutte le cose e per ultimo creò il fiore. Esso era talmente bello che creò l’invidia di una strega che con la sua magia rese impossibile l’evoluzione del fiore alla sua essenza angelica, ma la più piccola delle fate ruppe il sortilegio dicendo che quando un umano avrebbe pronunciato queste parole: “Guarda che meraviglia questo fiore!” il fiore avrebbe ripreso il suo viaggio verso la sua propria evoluzione.

I CRISTALLI . Il mondo è diviso in: animale, vegetale e minerale. Si dice che il mondo minerale sia inanimato, ma i minerali, sono le nostre ossa, i nostri antenati. Lavorare con i cristalli, attraverso i simboli e con i sogni, possiamo ritrovare le nostre memorie. Chi siamo? Dove stiamo andando? Da dove veniamo? Cristalli, geometrie, sogni. Possiamo ricontattare il Maestro dei sogni e con i cristalli, possiamo riconoscerli, programmarli e cambiarli. Un buon viaggio.

VENERDI 10 Meditazione con i Cristalli SABATO 11 Ricerca delle vite passate con i cristalli. Chi sei stato? Quale cristallo sei? DOMENICA 12 L’arte di guarire con i cristalli DAL 13 AL 16 Attività con fiori e cristalli; raccolta e preparazione delle essenze di guarigione

 HOTEL BELLAVISTA – Via Pizzegoda 5 – Cavalese | 0462.230228 | INFO@BIENVIVREHOTELS

Continue reading Fiori e cristalli, un affascinante incontro