Immagine

Dal legno ai diamanti

Dalle foreste della Val di Fiemme nascono innovazioni, prodotti e progetti capaci di conquistare mercati internazionali anche in un settore – come quello dei diamanti – molto diverso da quelli a cui siamo abituati, se pensiamo alle montagne e ai boschi fiemmesi.

Questo il tema al centro di un incontro pubblico, organizzato dall’Azienda per il Turismo Val di Fiemme, tra il mondo dell’imprenditoria, della ricerca, dell’istruzione e della politica, che si è tenuto mercoledì 13 giugno nel palazzo della Magnifica Comunità di Fiemme a Cavalese.

Il presidente della Fondazione Bruno Kessler, Francesco Profumo, ha salutato i presenti con una premessa: “Investendo nella ricerca, anche a kilometro zero, si può innovare e superare la dimensione territoriale con i suoi campanilismi, creando prodotti in grado di diventare veri e propri gioielli a livello nazionale e internazionale. Questa è la strada – secondo il presidente – per accordare i campanili trentini che talvolta si rivelano asincroni”.

Quindi, i presenti hanno ascoltato la testimonianza di un caso virtuoso di collaborazione fra ricerca e impresa locale: un brevetto nato per esplorare una materia prima inaspettata come il diamante, che si sta affermando fra i casi di eccellenza dell’innovazione “Made in Fiemme”, “Made in Trentino” e “Made in Italy”.

Da una collaborazione nata nel 2012 fra l’azienda di Cavalese Gemmarum Lapidator, il Centro di Ricerca sui Materiali e Microsistemi della Fondazione Bruno Kessler e l’azienda di Trento Eoptis, che progetta sistemi di visione, è stata avviata la produzione di un nuovo strumento capace di valutare con affidabilità il colore del diamante, e quindi di determinarne il valore. Il colorimetro per diamanti Eos ora è il fiore all’occhiello dell’azienda di Cavalese che opera da 30 anni nel settore dei macchinari per il taglio delle pietre preziose, formando anche professionisti di gemmologia.

Lo strumento, grazie a un ampio display touch, un’innovativa sorgente luminosa e uno speciale centratore meccanico, è in grado di fornire contemporaneamente il colore del diamante sulla base dei parametri dei tre principali istituti al mondo per la classificazione delle pietre preziose (GIA, IGI e HRD) e la relativa fluorescenza.

Durante la sperimentazione, il prototipo ha testato diamanti per un valore di 10 milioni di dollari. Ora lo strumento è sul mercato al prezzo di 7.000 euro. “Il brevetto, ideato, progettato e sviluppato interamente in Trentino, è la dimostrazione concreta di come si possano realizzare prodotti competitivi sul mercato internazionale senza delocalizzare, ma creando una rete fra le eccellenze del territorio”. Ne sono convinti Valentino Proietti e Andrea Vaia, rispettivamente amministratore di Gemchrom e amministratore della Gemmarum che ne cura la commercializzazione. “La nostra decennale esperienza nel mondo dei diamanti e delle pietre colorate – hanno spiegato – ci ha portato a mettere a punto un progetto, già testato con esito positivo, sulle principali piazze internazionali come Anversa e Hong Kong. La Fondazione Bruno Kessler è stata una partner fondamentale per lo sviluppo del colorimetro che oggi, oltre a essere il primo strumento interamente ideato e realizzato in Italia, è il più affidabile”.

Dopo la presentazione, si è tenuta una tavola rotonda sul tema di innovazione e opportunità per i giovani, con Lorenzo Biasiori, dirigente dell’Istituto di Istruzione “La Rosa Bianca” di Cavalese, Giulia e Lorenzo Delladio dell’azienda La Sportiva di Ziano di Fiemme, Mauro Gilmozzi, assessore alle infrastrutture e all’ambiente della Provincia autonoma di Trento, Alfredo Maglione, presidente di Eoptis e del Gruppo Optoi, Francesco Profumo, presidente della Fondazione Bruno Kessler, e Giovanni Bort, presidente della Seac.

All’incontro hanno partecipato gli imprenditori di Fiemme Piace, la rete di imprese e liberi professionisti della Val di Fiemme.

 

 

Continue reading Dal legno ai diamanti

Fiemme Street Basket, in luglio,a Cavalese

7° edizione del torneo di basket 3Vs3 più montano che ci sia, come di consueto immerso nella splendida cornice del Parco della Pieve di Cavalese. Si terrà sabato 22 luglio dalle 9.00 alle 21.00 a ritmo di musica hiphop, gustando la vera e artigianale Birra di Fiemme e prodotti tipici della Valle immersi nel verde delle montagne di Fiemme.

E l’edizione 2017 presenta anche una grossa novità! Si perchè Fiemme Street Basket fa parte della ormai consolidata Trentino Summer League 3vs3 composta quest’anno da ben 8 tappe che daranno ognuna l’accesso immediato al vincitore al super torneo finale che decreterà il vincitore assoluto dei tornei estivi che si disputeranno in Provincia di Trento.

Il vincitore di Fiemme Street Basket, così come quello di ogni singola tappa, si guadagnerà quindi il diritto di partecipare gratuitamente al torneo finale il 9 e 10 settembre a a Trento, evento che decreterà la miglior squadra dell’estate trentina!

COME ISCRIVERSI A FIEMME STREET BASKET?

Semplice, basta inviare a lmich83@libero.it una mail di iscrizione contenente le seguenti informazioni:https://www.facebook.com/pg/valdifiemmebasket/events/?ref=page_internal#

– Nome TEAM

– Nomi dei singoli giocatori (massimo 5 per squadra) e data di nascita

– Referente squadra e numero di telefono

Il costo è di 70 euro a squadra ed il pacco gara comprende maglietta del torneo e pranzo!

Ci si sfida in giornata singola con gironi di qualificazioni e playoff ad eliminazione diretta con minimo 6 partite garantite a tutti.

Termine iscrizioni 16 luglio! Il torneo si terrà anche in caso di pioggia (palestra adiacente al campo all’aperto del parco La Pieve).

Vi aspettiamo a Cavalese, Val di Fiemme, Trentino. Streets & mountains are calling! #FiemmeStreetBasket

LE ALTRE TAPPE DELLA SUMMER LEAGUE 3Vs3 in TRENTINO:

1a tappa : Basketground Ravina data 11 giugno

2a tappa : Sport&beer fest Passo del Cimirlo data 17 giu­gno

3a tappa : Street basket Rovere­to Rovereto data 24 giugno

4a tappa : PagaOn3 for Oscar La­vis data 8 luglio

5a tappa : Fiemme street basket Cavalese data 22 luglio

6a tappa : San Giacomo Street ball San Giacomo di Brentonico data 12-13 agos­to

7a tappa : Arco Street basketba­ll Arco data 5 agosto

8a tappa : Gardolo basket conte­st Gardolo data 2 settemb­re

Continue reading Fiemme Street Basket, in luglio,a Cavalese

A Campitello, tre giorni con i Campionati Europei di arrampicata

Gare tecniche ed avvincenti si disputeranno a Campitello di Fassa (TN) in occasione del Campionato Europeo di arrampicata, ma il 29-30 giugno e il 1° luglio non vi saranno solamente prove agonistiche dei campioni della scalata su parete, bensì tanti eventi di contorno che potranno avvicinare anche semplici turisti, appassionati o curiosi i quali potranno così apprendere le tecniche dell’arrampicata sportiva o semplicemente divertirsi in occasione di un appuntamento così prestigioso.

Dal 30 giugno al 2 luglio ci sarà infatti il Dolomiti Summer Festival volto ad accompagnare il Campionato Europeo di arrampicata sportiva 2017 durante l’intero weekend, ed aperto a tutti gli appassionati della montagna a 360 gradi. Il festival, vedrà nel 2017 la 4.a edizione ed oltre ad intrattenere il pubblico accorso per il Campionato si propone di attirare un gran numero di amanti delle attività outdoor della montagna.

È inoltre prevista la creazione di un villaggio con la presenza delle migliori aziende del settore outdoor, test materiali e serate di musica e buon cibo. Per chiudere un weekend memorabile, la domenica i visitatori avranno la possibilità di testare i materiali proposti agli stand. Nel dettaglio del programma, venerdì 30 giugno ci si dedicherà a: via ferrata medio/facile a Col Rodella, tour MTB/Freeride a Col Rodella, escursione medio/facile MTB – il Tour delle origini – alla scoperta dei sentieri, dimostrazioni pratiche di Nordic Walking, escursione facile per tutti/famiglie e corso base di Slackline. Sabato 1° luglio, invece, ecco voli biposto in parapendio, via ferrata, tour MTB con il giro del Sassolungo, escursione per famiglie in quota e visita alla fattoria Friedrich August, arrampicata base in falesia al Col Rodella, escursione MTB facile per famiglie, escursione guidata di Nordic Walking, percorso prova di Slackline. Domenica 2 luglio, infine, verranno proposti voli biposto in parapendio, MTB in quota-avvicinamento al freeride/tecniche di discesa, ed escursione media con pranzo al rifugio (Pertini-Sasso Piatto-Val Duron).

Un piano galvanizzante che non finirà qui, poiché sabato 1° luglio la Val di Fassa ospita il Dolomia nell’11° raduno dei Gruppi Alpinistici Storici delle Dolomiti a Campitello di Fassa. L’annuale raduno vede questa volta come padroni di casa i Ciamorces de Fasha in un prestigioso appuntamento rivolto ad alpinisti, guide alpine, escursionisti, ma anche a quanti vivono con passione la montagna. A Campitello, primo centro alpinistico della Val di Fassa, rinomato fin da metà dell’Ottocento, verrà allestito il Campo Base. Il programma prevede arrampicate su parete artificiale presso la struttura ADEL in zona Ischia, escursioni accompagnate in alta quota, un importante convegno a tema aperto al pubblico, cena con musica dal vivo e saluto ufficiale del Presidente del Gruppo de I Ciamorces de Fasha, Bruno Pederiva. Ci si ritroverà alla struttura di arrampicata ADEL, prima di formare i gruppi che eseguiranno arrampicate classiche: Sassolungo, Sella, Pordoi, escursioni in quota: Val Duron, Val de Dona, Val de Grepa, ed arrampicata sportiva: Col Rodella, Val S. Nicolò, Città dei Sassi. Aperitivo e cena finale completeranno la giornata, godendosi poi alle ore 21 la finale del Campionato Europeo di arrampicata sportiva.

Ultimo ma non ultimo, il Dolomiti Walking Festival del 2 luglio, il più importante evento dolomitico dedicato al Nordic Walking, un’esplosione di allegria, colori e passione, a cui parteciperanno tantissimi amanti di questa disciplina per imparare le basi della camminata nordica al Centro Sportivo Ischia.

Tutte le attività outdoor avranno un prezzo promozionale, con la possibilità di fare un unico pacchetto per partecipare a più attività durante i tre giorni.

Info in italiano e inglese: www.fassaclimbingevents.com e canali Facebook ed Instagram.

Continue reading A Campitello, tre giorni con i Campionati Europei di arrampicata

Chi sarà la nuova Soreghina?

La Soreghina di Marcialonga è quella dolce figura presente a tutti gli eventi e alle iniziative del comitato organizzatore della storica ski-marathon invernale di Fiemme e Fassa (27-28 gennaio 2018), della Cycling Craft disputatasi lo scorso fine settimana con oltre 1700 corridori e della Running Coop, ai nastri di partenza il 3 settembre.

La dama rappresenterà il brand trentino ricevendo il passaggio di consegne dalla bella Camilla Canclini, l’attuale Soreghina. Per presentare la propria candidatura basterà avere un’età dai 18 ai 30 anni, essere residente in Val di Fiemme o in Val di Fassa, conoscere altre lingue oltre all’italiano, essere estroversa, sportiva e soprattutto disponibile a far parte della storia di Marcialonga in un’esperienza che per ogni ragazza si presenterà come unica ed irripetibile.

La leggenda nacque nel meraviglioso scenario naturale delle Dolomiti, la Soreghina era una principessa la cui vita dipendeva dalla luce del sole, ella sarebbe morta all’istante se fosse rimasta sveglia al buio, e a continuare a darle luminosità e bagliore ci penserà dunque una bella ragazza delle splendide vallate fiemmesi e fassane. Per quanto riguarda il “lato pratico”, la Soreghina sarà presente a tutte le manifestazioni firmate Marcialonga, alle conferenze stampa, incoronerà tutti vincitori delle varie gare, a partire dalla Running Coop del prossimo settembre, proseguendo con la Marcialonga di sci e concludendo con quella ciclistica. “Essere Soreghina è un’esperienza indimenticabile, un’occasione per trasmettere lo spirito delle nostre valli e far conoscere meglio la nostra terra, incontrare nuove persone, atleti, volontari, entrando a far parte della grande famiglia Marcialonga, in un anno intenso di emozioni che sicuramente lasceranno il segno”, sottolinea il C.O. guidato dal presidente Angelo Corradini e dal CEO Gloria Trettel.

La Soreghina 2018 avrà così l’occasione unica di farsi conoscere sia in Italia che all’estero, aggiudicandosi inoltre il premio offerto da ITAS Assicurazioni, l’ambita e regale fascia, ed un prezioso gioiello simbolico messo in palio dalla Magnifica Comunità di Fiemme.

In occasione dell’elezione ufficiale, che grazie alla disponibilità dell’amministrazione comunale si terrà a Pozza di Fassa nella serata del 27 luglio 2017, verranno anche consegnate le borse di studio ai quattro studenti che frequentano uno degli Istituti Superiori delle due valli, selezionati secondo i meriti scolastici, l’impegno nel volontariato, i risultati sportivi e l’esperienza scuola/lavoro.

Info: www.marcialonga.it

Continue reading Chi sarà la nuova Soreghina?

La Sportiva Epic Ski tour 2018

“Con grande successo si è conclusa la prima edizione di Epic Ski Tour! Grazie a tutti gli atleti che hanno preso parte alla gara e grazie a La Sportiva, lo staff e i partner che hanno contribuito a rendere questo evento spettacolare e unico nel suo genere”. L’edizione scorsa de “La Sportiva Epic Ski Tour” si era chiusa con i ringraziamenti del comitato organizzatore a chi aveva reso grande la manifestazione scialpinistica appena nata, ma ora il territorio è stato “sondato” e si può già iniziare a pensare al futuro e a ciò che verrà.

A cominciare dalle date 2018: il prossimo Epic Ski Tour, sempre sotto la regia organizzativa di Kurt Anrather, si disputerà infatti qualche mese più tardi, dall’8 all’11 marzo, nella speranza che le condizioni meteo possano esaltare ancor di più l’evento, il quale avrà una formula intrigante questa volta con fulcro in Val di Fassa, rispettando il “diktat” che vede la competizione “epica” allestire la propria sede logistica un anno in terra fiemmese ed un anno in terra fassana.

Damiano Lenzi e Margit Zulian furono gli assoluti protagonisti dell’edizione scorsa, che vide competere anche l’esperta in imprese leggendarie Tamara Lunger.

Il 9 marzo ci sarà dunque la consueta “notturna” sull’Alpe Cermis, il 10 marzo la seconda tappa al Passo San Pellegrino, mentre la “Epic Finale” avverrà l’11 marzo con la sfida al Passo Pordoi.

Info: www.epicskitour.com

Continue reading La Sportiva Epic Ski tour 2018

Nasce serie PRO. La cucina a legna professionale firmata Rizzoli.

Dall’esperienza maturata nel campo delle cucine e termocucine a legna, Rizzoli presenta una nuova linea di prodotti dedicata esclusivamente al mondo della ristorazione professionale, dove l’affidabilità e la praticità del prodotto sono tutto: Serie PRO.  Nella Serie PRO, innovazione e tecnologia si uniscono alla tradizione per dare forma ad un prodotto unico, che sa regalare l’inconfondibile sapore dei cibi preparati sulla speciale piastra cottura o nel forno a legna. La Serie PRO parte da due modelli base di cucine a legna per poi espandersi in monoblocchi altamente personalizzati, sia nelle forme che nell’allestimento tecnico. Grazie a varie estensioni prodotte ad hoc, la Serie PRO sa trasformarsi a seconda degli spazi e delle esigenze del cliente, libero di chiedere al nostro team di progettisti tutto ciò che desidera anche sotto il profilo estetico. L’attenta selezione dei materiali e l’applicazione delle ultime tecnologie garantiscono la massima robustezza e durata nel tempo, senza rinunciare al design e all’eleganza.

Continue reading Nasce serie PRO. La cucina a legna professionale firmata Rizzoli.

La magia delle donne

Un viaggio attraverso i secoli per ricordare le donne di ieri e valorizzare le donne di oggi: torna anche quest’anno “La magia delle donne”, l’evento che porta alla riscoperta della creatività femminile, dei saperi erboristici di un tempo, di riti antichi come il saluto al solstizio d’estate. Dopo la prima edizione organizzata su un unico fine settimana, il calendario quest’anno si amplia: cinque appuntamenti, suddivisi tra giugno e luglio, organizzati da “La Voce delle Donne”, in collaborazione con la Comunità Territoriale della Val di Fiemme, il Comune di Cavalese, la Magnifica Comunità di Fiemme, le Casse Rurali di Fiemme Fassa, il Centro Arte Contemporanea di Cavalese e numerose altre associazioni che a vario titolo partecipano all’evento.

Si inizia mercoledì 14 giugno (ore 21, nella Sala del Consesso della Magnifica Comunità di Fiemme) con una conferenza a cura di Carlo Signorini su “Le erbe delle streghe”. Lunedì 19 giugno (ore 18.30 al Parco della Pieve di Cavalese, in caso di maltempo al Museo Arte Contemporanea) lezione di yoga gratuita a contatto con la natura con Barbare Cornetti. Mercoledì 21 giugno “Fiamme di luce”: nel giorno del solstizio d’estate, performance teatrale, tratta dalle poesie di Francesca Croci, a cura della compagnia Arjuna (ore 21.00 al Parco della Pieve di Cavalese, in caso di maltempo al Museo Arte Contemporanea). Sabato 8 luglio (ore 10) “Erbe che curano, erbe che nutrono… dalle mani delle donne, custodi di saperi”: visita guidata al vivaio Lagorai di Masi di Cavalese, alla scoperta dei cereali e delle piante officinali e tessili, a cura della cooperativa sociale agricola Terre Altre.

Grande festa finale al Parco della Pieve, sabato 15 e domenica 16 luglio (a partire dalle 10), con lavoratori per bambini e adulti, giochi del passato, giullari e artisti, letture di fiabe sotto l’albero e mercatino dell’artigianato artistico al femminile. Domenica pranzo a cura degli Alpini di Cavalese.

“Quest’evento nasce dal desiderio di riconciliarci con le donne bruciate sul rogo nel Cinquecento, che non erano altro che donne che hanno voluto affermare sé stesse, distinguendosi dalle altre, non cedendo all’omologazione. Anche noi donne d’oggi lottiamo ogni giorno per poter essere liberamente noi stesse. Vogliamo, quindi, creare un ponte tra le streghe del passato e del presente, cioè tra tutte quelle donne che riescono a entrare in stretta comunione con la natura e che sono capaci di dare la vita, di creare e di mettere a disposizione degli altri i propri talenti e saperi”, sottolinea Maria Elena Gianmoena, presidente dell’associazione “La Voce delle Donne di Fiemme e Fassa”.

 

 

 

 

Continue reading La magia delle donne

Marcialonga Cycling Craft: Cecchini Pontalto, Gazzini e Sonzogno

Giornata di gloria per 1534 corridori partiti (1729 iscritti) e provenienti da ben 25 nazioni alla Marcialonga Cycling Craft nelle Valli di Fiemme e Fassa, leitmotiv degli eventi firmati dallo storico brand capace di legare assieme sci di fondo, ciclismo e corsa.

La giornata uggiosa non ha fermato i velocisti delle due ruote, anche perché ha iniziato a piovere praticamente quando i giochi erano fatti, e all’undicesima Marcialonga Cycling Craft Stefano Cecchini (4:00:20) era “addestrato per colpire con precisione anche gli avversari più distanti”, facendo “centro” e scappando letteralmente in fuga a Passo San Pellegrino, mettendosi alle spalle nel percorso di 135 km e 3279 metri di dislivello un avversario del calibro di Enrico Zen (4:06:00), campione in carica nonché vincitore nella giornata precedente di un’altra gara “dolomitica” che prevedeva un chilometraggio altrettanto sostenuto. Terza posizione per il fiorentino Davide Lombardi (4:12:59), distacchi che raccontano un po’ l’andamento della sfida, con il gruppetto a tenere le ruote di Cecchini ma ad arrendersi alla fuga finale del toscano, re delle granfondo e di cui qualche tempo fa si vociferava di un passaggio al professionismo, nonostante non sia più nel fiore degli anni: “Ho rischiato perché ho fatto 50 chilometri da solo, ma ero in ottime condizioni e mi è andata bene. Ho staccato Zen all’inizio del San Pellegrino, è la prima volta che partecipo a questa gara ed anche la prima che vinco, il percorso è davvero una gioia per noi corridori”. Cecchini, visibilmente commosso, ha poi rivolto il proprio ricordo a Vincenzina Ronchi, moglie del patron Ernesto Colnago recentemente scomparsa.

Al femminile Manuela Sonzogni (4:44:13) ha regalato una performance ancor più perentoria, giungendo al traguardo con oltre un quarto d’ora su Claudia Gentili (5:01:55), con Patrizia Piancastelli a classificarsi terza (5:06:46) in volata su Cristina Lambrugo (5:06:51). Manuela Sonzogni è raggiante all’arrivo e completa così un personale bis (2013) alla Marcialonga Cycling Craft: “Contentissima, la pioggia non ha causato nessun danno significativo. Avevo deciso questa mattina di fare il lungo, l’unica incognita era un po’ il meteo, ma alla fine è filato tutto liscio. Avevo fatto già la Cycling due anni fa svoltando per il medio, mentre quest’oggi ho optato per il lungo ed è andata bene così”.

Velocissimi anche i concorrenti del mediofondo, che comunque presentava 80 km e 1894 metri di dislivello, al maschile è stata la “battaglia fra Andrea”, un nome forte e di origini greche che proviene dal nome Andréas, che sta ad indicare la mascolinità dell’uomo, e i due l’hanno proprio dimostrato quest’oggi, forse nella sfida più accesa di un’edizione che ha regalato grandi prove ma altrettanti distacchi. Il festante pubblico trentino ha così potuto assistere alla volata fra il veronese Andrea Pontalto (2:15:56) ed il trentino Andrea Zamboni (2:15:56), con il primo bravo a mettere le ruote davanti sulla finish line: “È stata una gara molto tirata perché già sulla prima salita abbiamo fatto selezione, poi siamo andati via assieme e sul Lavazè hanno imposto un buon ritmo sia Cecchini che Zamboni, il quale era un po’ in difficoltà nel finale, ma sapevo che se fossi riuscito a scollinare con loro avrei avuto buone possibilità. Conosco i corridori, sono molto forti, io ho una serie di gare in successione ora ed ho preferito optare per il corto”. Terzo un inaspettato Federico Nicolini (2:18:06), decisamente più conosciuto con gli sci e pelli piuttosto che sui pedali.

Il Trentino ha avuto invece la “rivincita” grazie alla “solita” Serena Gazzini al femminile (2:29:49), alla terza affermazione personale alla Marcialonga Cycling Craft: “Terza vittoria per me alla Marcialonga, vincere è sempre difficilissimo ed il ciclismo nasconde diverse insidie. Ma la Cycling è una delle mie gare preferite e quindi tenevo a ben figurare. Vincere in casa è bellissimo e la Val di Fiemme è sempre nel mio cuore, perché ci venivo da piccola”. Dietro l’imprendibile Gazzini sono arrivate Marica Tassinari (2:33:09) e Jessica Leonardi (2:39:19).

La gara si è aperta con il “caffè in griglia” ed i coscritti dell’anno 1999 a girare con i thermos di caffè servendolo direttamente in zona partenza, e poi via alla volta dei punti clou rappresentati dalle salite di Monte San Pietro e dei Passi di Lavazé, San Pellegrino e Valles, erte spartiacque dopo aver attraversato i suggestivi paesini della Val di Fiemme come Ziano, Panchià, Tesero e Cavalese, prima di proiettarsi in località San Lugano nel vicino Alto Adige. Aldino, i prati di Monte San Pietro le mete successive, alla volta dei 9 km di Passo Lavazé con pendenze over 10%. Tesero in picchiata ed ecco i protagonisti tornati in Val di Fiemme, con l’arrivo a Predazzo per i concorrenti dell’itinerario più breve, mentre i granfondisti sono passati per la Val di Fassa e “la Fata delle Dolomiti”, Moena, attaccando Passo San Pellegrino e “sforando” in provincia di Belluno, con Passo Valles al confine fra Veneto e Trentino. La lunga discesa fra gli abeti di Paneveggio ha fatto il resto, completando poi i 135 km e 3279 metri di dislivello “must” di una gara capace di coinvolgere atleti da ogni parte del mondo.

Quest’undicesima edizione della Marcialonga Cycling Craft è stata un successo enorme con numeri sempre più sostanziosi, esaltati anche da importanti challenge quali Campionato Nazionale ACSI, InBici Top Challenge, Gran Fondo World Tour e Zero Wind Show.

La soddisfazione traspare anche dai visi e dalle parole del presidente Angelo Corradini e della GM Gloria Trettel: “Edizione ottima da mettere in cascina, ho visto i concorrenti felici, i collaboratori pure, e cos’altro volere di più – afferma Corradini. – Il tempo non ha inciso sulle prestazioni degli atleti e tutti sono arrivati al traguardo senza problemi”.

Ed ora Marcialonga chiuderà la Combinata Punto3 Craft e la propria lunga stagione di eventi con la Running Coop del 3 settembre, sfida podistica che metterà ancora una volta in risalto ciò che Marcialonga rappresenta: agonismo, passione, sportività e… le Valli di Fiemme e Fassa.

Info: www.marcialonga.it e ai canali Facebook, Twitter ed Instagram.

Granfondo maschile

1 Cecchini Stefano Asd Team Privee 04:00:20; 2 Zen Enrico Asd Team Terenzi Green Paper 04:06:00; 3 Lombardi Davide Cicloteam San Ginese 04:12:59; 4 Gerarduzzi Mauro Biemme Garda Sport Team 04:13:24; 5 Mazzucco Andrea El Coridor Team Offlimit Squadra Corsa 04:13:38; 6 Minuzzo Paolo Miche-Mg.K Vis-Legend-Lgl 04:13:59; 7 Ceragioli Giuseppe Asd Team Privee 04:15:47; 8 Calliari Filippo Biemme Garda Sport Team 04:16:52; 9 Corsello Giuseppe Asd Gianluca Faenza Team 04:16:54; 10 Bury Bart S.C. Marcialonga A.S.D. 04:16:54

Granfondo femminile

1 Sonzogni Manuela Team Isolmant Asd 04:44:13; 2 Gentili Claudia Team Giletti 05:01:55; 3 Piancastelli Patrizia Ktm Asd Scatenati 05:06:46; 4 Lambrugo Cristina Team Isolmant Asd 05:06:51; 5 De Cesare Lisa Team Passion Faentina 05:14:34; 6 Dalpiaz Giovanna A.S.D.Cicli Fontana 05:25:47; 7 Bonfanti Monica Team Colnago Sudtirol 05:27:37; 8 Dossi Marcelliina Carina Brao Caffe 05:28:17; 9 Fumarola Vincenza Villa Rosa Bike 05:29:40; 10 Bettinazzi Erika Team De Rosa Santini 05:30:57

Mediofondo maschile

1 Pontalto Andrea Ale’ Cipollini Galassia 02:15:56; 2 Zamboni Andrea Carina Brao Caffe 02:15:56; 3 Nicolini Federico U.C. Valle Di Non 02:18:06; 4 Spiazzi Davide Asd Total Speed 02:18:41; 5 Orsucci Simone Cicloteam San Ginese 02:18:41; 6 Avanzo Francesco Biemme Garda Sport Team 02:18:41; 7 Bonanomi Stefano Asd Gs Perego 02:18:42; 8 Motta Alessandro Asd Gianluca Faenza Team 02:20:25; 9 Salimbeni Luigi Cicloteam San Ginese 02:20:25; 10 Zanrossi Riccardo Asd Team Rana Tagliaro 02:20:25

Mediofondo femminile

1 Gazzini Serena Team Lapierre Trentino Ale’ 02:29:49; 2 Tassinari Marica Team Passion Faentina 02:33:09; 3 Leonardi Jessica C.C. Rotaliano 02:39:19; 4 Rosa Deborah U.C. Carre’ 02:39:54; 5 Zambotti Barbara Tubozeta Mg K Vis Somec 02:42:34; 6 Marchesini Arianna A.S.D. Team Borghi Racing 02:44:29; 7 Bergozza Michela Giuseppina A.S.D. Breganze Millennium 02:47:55; 8 Coato Marisa Happy Bikers 02:52:28; 9 Palazzo Lavinia A.S.D. Team Fausto Coppi Fermignano 02:53:16; 10 Mari Romina Mg. K Vis-Somec-Lgl 02:53:20

Continue reading Marcialonga Cycling Craft: Cecchini Pontalto, Gazzini e Sonzogno

Il 6 agosto 21.a “La Vecia Ferovia dela Val de Fiemme”

“La Vecia Ferovia dela Val de Fiemme”, firmata dalla Polisportiva Molina di Fiemme, è sicuramente una delle gare più amate dai bikers di Trentino MTB presented by Rotalnord; sarà la lunga storia che l’accompagna, la tradizione insita nel percorso di gara o l’organizzazione impeccabile, fatto sta che i bikers sembrano salire in sella sempre molto volentieri in quel di Molina di Fiemme.

La lunga carovana di bikers partirà il 6 agosto, ed a ritmo ‘inferocito’ come fosse inseguita dai predoni della sierra o da un gruppo di Navajos del selvaggio West. La manifestazione sarà nuovamente pronta a scattare da Ora, in Alto Adige, per concludersi a Molina di Fiemme, in Trentino, dopo aver effettuato 40 km e 1056 metri di dislivello sugli sterrati che ripercorrono il tracciato dell’antico trenino della Val di Fiemme fra viadotti, stazioni e gallerie, tra le quali si sentirà anche “fischiare” il vecchio treno. Un altro motivo per cui la manifestazione è così partecipata sono gli allettanti premi. Verranno infatti assegnati numerosi trofei, riconoscimenti e premi in denaro, anche ai più veloci a presentarsi ai traguardi volanti, tra cui un favoloso soggiorno di una settimana per 2 persone in pensione completa, a scelta in Calabria o Puglia in Hotel & Resort Buonevacanze. Ci saranno in palio inoltre skipass, biciclette fiammanti, occhiali tecnici, skiroll, materiale tecnico da MTB, premi in natura e molto altro ancora da svelare.

I bikers sono già ‘caldi’ e non vedono l’ora d’impegnarsi sul GPM di San Lugano o il terribile Muro della Pala, introdotto nel 2011 e con pendenze del 20% a dir poco considerevoli.

Fremono anche i piccoli atleti, ai quali verrà dedicata la “Mini Ferrovia”, all’insegna del divertimento puro e anche per sostenere la ricerca. I giovanissimi fino ai 16 anni (nati 2001 – 2017), indosseranno il caschetto protettivo e si cimenteranno con la “Mini Ferrovia” sabato 5 agosto in località Piazzol a Molina di Fiemme. Topolini, pulcini, baby, cuccioli, ragazzi e giovani maschi e femmine si renderanno protagonisti su di un breve circuito da percorrere più volte in base alla categoria. E subito dopo il termine della gara largo ai festeggiamenti, con un omaggio personalizzato a tutti i partecipanti della manifestazione.

“La Vecia Ferovia” piace sempre, per il percorso, per l’organizzazione seria e professionale e per l’atmosfera gioviale che accompagna i bikers, dal primo all’ultimo. Lo scorso anno la manifestazione ha compiuto vent’anni, ed è stata una vera festa, con un bel numero di tesserati, tante donne e corridori d’élite.

Le iscrizioni per partecipare sono a disposizione alla cifra di 30 euro da saldare entro il 23 luglio.

“La Vecia Ferovia” rappresenta la penultima tappa del circuito Trentino MTB presented by Rotalnord, che avrà la propria conclusione a fine agosto in Valsugana.

Info: www.laveciaferovia.it

Continue reading Il 6 agosto 21.a “La Vecia Ferovia dela Val de Fiemme”