Immagine

La Ual scende dal trono

Tutti ormai conoscono i risultati elettorali di Fiemme e Fassa e salvo ballottaggi, i giochi sono fatti. E’ il momento delle prime analisi. Giovani e donne si fanno strada con decisione e questo è certamente un dato positivo. L’affluenza è in deciso calo anche a seguito dei molti comuni con un unico candidato alla carica di Sindaco. Questo elemento non ha comunque penalizzato i pretendenti alla carica di Primo Cittadino. Tutti hanno raggiunto il quorum. Il disinteresse alla cosa pubblica , anche in ambito locale, ormai è tendenza; un brutto segnale che dovrebbe allarmare ma che finirà per passare in secondo piano.Il dato politico più significativo, secondo noi, viene però non tanto dalle elezioni comunali, quanto invece dalle elezioni del Comun General della valle di Fassa. Ha vinto la lista Fassa con Elena Testor che diventa così la nuova Procuradora battendo la Ual di Manuel Farina. Il risultato non è ancora ufficiale, mancando i dati dello scrutinio di Moena, ma quattrocendo voti di vantaggio per la Testor, sono un distacco veramente incolmabile. Un verdetto popolare, questo, assolutamente inedito e foriero di sviluppi ad oggi, imprevedibili. Lasciamo per il momento che la “ polvere” si depositi, per valutare a freddo e a breve le altre novità di questa tornata elettorale.

Continue reading La Ual scende dal trono

Maria Schneider conducts Maria Schneider

Il sesto e ultimo appuntamento della Rassegna Jazz 2014-2015, sarà con Maria Schneider che condurrà una Big Band martedì 12 maggio alle ore 21.00 presso il Teatro Sociale di Trento

Maria Schneider è considerata la punta di diamante della composizione, dell’orchestrazione e della direzione nell’ambito della musica jazz contemporanea. Ma il suo lavoro per orchestra si è rivolto anche alla musica colta, dove ha ottenuto risultati ugualmente di riguardo.

Iniziati alle Università del Minnesota e di Miami, gli studi musicali di Maria Schneider si sono conclusi negli anni ottanta con un Master alla Eastman School of Music di Rochester, New York, che vide tra i suoi docenti il grande George Russell. Seguirono gli studi privati con Bob Brookmeyer, il trombonista, compositore e fine arrangiatore che le aprì la strada per una collaborazione con l’orchestra di Thad Jones e Mel Lewis. Poi la giovane musicista fu al fianco di Gil Evans: con lui preparò tra l’altro le musiche per il tour europeo insieme a Sting e per il film di Paul Newman “The Color Of Money”. Il lavoro di copista delle partiture con grandi personaggi della composizione come Brookmeyer, Thad Jones, Mel Lewis, Gil Evans (e pure Woody Herman), rappresentò un suo formidabile tirocinio.

Il programma della serata di Trento, propone un repertorio di musiche tratte da tutta la discografia di Maria Schneider, dai capolavori agli inediti, come ad esempio “Gumba blue” dal suo primo disco, “Walking by Flashlight” dall’album “Winter Morning Walks” – originale per orchestra d’archi e soprano lirico solista e qui arrangiato dalla stessa Schneider per l’occasione nella versione per big band e sax soprano – e ancora l’inedito “Potter song” che uscirà tra poco con il nuovo album.

. Il Conservatorio trentino ha inoltre organizzato un incontro con Schneider aperto al pubblico, che si terrà oggi, 11 maggio ad ore 10 presso l’Aula Magna del “Bonporti” (via San Giovanni Bosco). In questa occasione Maria Schneider parlerà della sua carriera artistica, delle tecniche che usa per la scrittura musicale, della sua idea di orchestra e dei suoi progetti di crowdfunding per gli artisti jazz.

 

 

 

Continue reading Maria Schneider conducts Maria Schneider

Le nostre fragilità

Dopo aver rilevato, come abbiamo pubblicato sull’ultimo numero dell’ Avisio, la difficoltà della gente ad uscire la sera, ecco che gli appuntamenti proposti dai Club alcologici territoriali della Valle di Fiemme con le associazioni Ziano Insieme, Judo Avisio, Asd Cauriol, le Eco sisters e il Circolo culturale di Panchià che hanno contato, invece, su un pubblico numeroso e interessato. Il tema trattato ha richiamato l’attenzione dei molti presenti che non si sono limitati ad assistere ma si sono messi in gioco partecipando alla discussione suddivisi in gruppi dai quali sono emerse interessanti considerazioni e proposte costruttive. Oltre alla necessità di cambiare iniziando da se stessi smettendo di criticare e aspettarsi che la svolta arrivi dagli altri, siano essi familiari, compaesani o figure istituzionali, è emersa l’importanza di dare più ascolto ai giovani coinvolgendoli maggiormente e fidandosi di loro, ricordando ai genitori che conta più l’esempio che viene dal comportamento quotidiano, degli insegnamenti e delle imposizioni. Soddisfatta la presidente dell’associazione Acat fiemmese Nicoletta Del Pero che commenta “Sono contenta non solo per la presenza numerosa, ma anche per la partecipazione dei presenti, e per il clima di attenzione e di ascolto. Per noi è stato molto importante lavorare assieme alle altre associazioni, che hanno accolto volentieri la nostra proposta e ci hanno creduto. E’ stato un modo per conoscersi, incontrarsi e iniziare una collaborazione che speriamo prosegua in avvenire”.  Infine, visto il frequente richiamo ai giovani più volte citati nei confronti, Roberto Cuni ha proposto di organizzare un un incontro che li coinvolga insieme ai loro genitori. L’appuntamento è quindi per l’autunno sperando in una buona partecipazione. Un appuntamento, il prossimo su questo tema: La famiglia nell’approccio sociale: luogo dove si risponde all’altro, dove le persone decidono, per motivi diversi, di darsi reciprocamente Diritto di domanda e Dovere di risposta.

Continue reading Le nostre fragilità

Via la maschera

Oggi (ore 18.30) presso le prestigiose sale espositive di Palazzo Trentini a Trento, verrà inaugurata la mostra d’arte contemporanea “Afterselfie – beyond masks | oltre le maschere”, seconda tappa di un progetto espositivo concepito e sviluppato con la volontà di promuovere uno scambio culturale internazionale per i nove artisti e per le giovani professionalità coinvolte nell’organizzazione.

Afterselfie – beyond masks | oltre le maschere”, nato in seguito ad un periodo di studio e lavoro svolto da Carolina Bortolotti (ideatrice e curatrice del progetto) a Malta nel corso del 2014, è un progetto che prevede due esposizioni d’arte contemporanea:la prima mostra d’arte si è tenuta a Malta, al St James Cavalier Centre for Creativity nel cuore della capitale Valletta dal 13 febbraio al 15 marzo, ora il progetto si sposta a Trento per essere ospitato a Palazzo Trentini, dal 15 al 30 maggio 2015.

Il titolo “Afterselfie – beyond masks | oltre le maschere” fa riferimento al tema principale di quest’esposizione d’arte, ossia la rappresentazione dell’essere umano e la difficoltà da parte dell’uomo di gestire la distanza tra essere e apparire. Questo tema è stato riportato all’attualità dalla crescente influenza dei social networks nella nostra vita quotidiana e dalla consuetudine di farsi i selfies: la gente è ossessionata dal mostrarsi attraverso autoscatti, spesso arbitrari, condivisi sui social networks per suscitare ammirazione e guadagnare consenso. Molte persone stanno quindi costruendo la loro immagine attraverso false rappresentazioni di sé e ciò è dettato dalla necessità di compiacere l’ambiente sociale di riferimento. Il bisogno di indossare costantemente delle maschere di apparenza per sentirsi parte di un contesto sociale (o social, in questo caso) riecheggia la teoria delle maschere che emerge dagli scritti di Luigi Pirandello, seppur con un significato contemporaneo. “Afterselfie – beyond masks | oltre le maschere” vorrebbe quindi far riflettere sulla costruzione d’identità e sulla moda di auto-rappresentarsi attraverso immagini distorte all’interno dei social networks, prendendo come spunto di partenza le riflessioni di uno dei più interessanti pensatori italiani riguardo alle tematiche di identità e di falsa auto (rap)presentazione del sé.

 

 

Continue reading Via la maschera

Il volontariato si interroga sulla sicurezza
Hands

Lunedì 11 maggio alle 20.30 nella sala “Luigi Canal” della Cassa Rurale di Tesero si terrà un incontro aperto a tutte le associazioni della valle dal titolo “Responsabilità e sicurezza nel mondo del volontariato”. Un tema particolarmente complesso e importante che riguarda trasversalmente tutti i tipi di associazioni e che verrà trattato dai due relatori presenti, il dottor Antonino Guella del Centro Servizi della Provincia di Trento e dal dottor Piero Mattioli di QSA, società di consulenza sui sistemi di qualità, salute e sicurezza del lavoro. In particolare verranno spiegate le sostanziali e importanti differenze in termini di responsabilità tra le associazioni riconosciute (cioè con personalità giuridica) e le associazioni non riconosciute.

È invece dedicato esclusivamente alle associazioni sportive di Fiemme e Fassa l’appuntamento del 26 maggio allo stadio del salto di Predazzo: si parlerà della normativa legata alla sicurezza sanitaria (certificati medici, defibrillatori, rischi per le associazioni che non rispettano le direttive…). La necessità di un approfondimento in materia è emersa dall’incontro che si è tenuto lo scorso 13 aprile con i dirigenti e i rappresentanti delle associazioni sportive delle due valli. In quell’occasione è stato distribuito ai presenti un questionario per capire quali sono le principali esigenze di approfondimento, sulle quali nel corso dell’anno (probabilmente in autunno) verranno organizzati dei percorsi formativi specifici. Uno degli appuntamenti, probabilmente su più giorni, sarà dedicato alla ricerca di fondi, con una particolare attenzione alla progettualità e ai finanziamenti partecipati (cioè tra diverse associazioni che portano avanti un progetto in comune).

 

Continue reading Il volontariato si interroga sulla sicurezza

Già da metà maggio sul tetto del mondo

Il 15 maggio apre la funivia del Sass Pordoi ed il Rifugio Maria. Sarà aperta tutti i giorni dalle 9.00 alle 17.00. Per chi non avesse mai provato l’ebbrezza della salita in quota e non avesse mai visto un simile panorama mozzafiato nel cuore delle Dolomiti, tra meno di 10 giorni avrà l’occasione di volgere lo sguardo a 360% sulla spettacolare terrazza sopra la valle di Fassa. L’impianto ed il rifugio resteranno aperti fino all’11 ottobre.                                                                                                                                                                       

Continue reading Già da metà maggio sul tetto del mondo

I piccoli lettori di Cavalese

Si conclude, con le tre feste finali di premiazione, il Premio dei Giovani lettori di SCEGLILIBRO 2. Avviato nell’ottobre del 2014 ha visto la partecipazione attiva di ragazze/i trentini delle classi 5e elementari e 1e medie, che si sono cimentati nella lettura dei cinque libri selezionati da esperti bibliotecari e che sono stati stimolati a scoprire e sviluppare le loro doti di critici e attenti lettori. Quasi 800 pagine “affrontate” con spirito di sacrificio ma anche, come si evince dai numerosissimi commenti postati sul sito, con entusiasmo e piacevolezza. Per sei mesi i ragazzi hanno potuto lasciare commenti entusiasti, lanciare provocazioni, criticare in libertà di pensiero e linguaggio; hanno anche dialogato direttamente con i cinque scrittori via web: insomma hanno interagito con gli autori e alla fine hanno espresso il proprio voto sul sito www.sceglilibro.it decretando così il libro e l’autore vincitori.

Al concorso hanno partecipato tutte le classi quinte elementari e le prime medie dell’Istituto Comprensivo di Cavalese.

e feste di premiazione Si terranno al PalaRotari a Mezzocorona

giovedì   7 maggio 2015    (la prima)   dalle 10:00 alle 12:00

(2ª replica) dalle 14:30 alle 16:30

Venerdì 8 maggio 2015   (3ª replica) dalle 10:00 alle 12:00

 Condotte da Mirko Corradini – Estroteatro e seguite in diretta streaming vi è la possibilità di seguire le feste all’indirizzo: http://www.idealweb.tv/blog/2015/04/20/sceglilibro-2015/ ;ma anche sul canale LIVE di Idealweb.tv al link: http://www.idealweb.tv/live

Durante le cerimonie vedranno premiati non solo gli autori e il libro vincitore, ma anche i 3200 piccoli e agguerriti giurati. A dieci di essi, autori delle critiche migliori (cinque positive e cinque “stroncature”) saranno assegnati altrettanti splendidi ebook reader.

Continue reading I piccoli lettori di Cavalese

Giovedì a Predazzo

La Film Commission del Trentino ha il compito di supportare opere cinematografiche che hanno, parzialmente, oppure totalmente, la nostra provincia come location. Sono oramai molte le pellicole nate nel nostro territorio e che hanno contribuito alla sua maggiore conoscenza. “La dolce arte di esistere”, del regista Pietro Reggiani, ne è uno degli esempi più recenti. Giovedì alle 21.15 verrà proiettato in prima provinciale a Predazzo. In sala sarà presente anche lo stesso regista e parte del cast del film. Potrà essere una ghiotta occasione per vedere questa nuova opera, made in Trentino e di parlarne con i suoi protagonisti.

Continue reading Giovedì a Predazzo

Fare il Sindaco non piace più

Manca una settimana all’ora x. Salvo ballottaggi, tra pochi giorni conosceremo i nuovi Sindaci che amministreranno i paesi delle nostre Valli per i prossimi cinque anni. Sette di loro sapranno il loro destino subito dopo la prima tornata elettorale, poiché l’unico avversario che hanno davanti a se è il numero di coloro che andranno a votare, ovvero il fatto che vengano legittimati  della metà più dei loro concittadini. L’astensione è quindi il vero nemico, un nemico non di poco conto, considerato il livello di “disinteresse”  alle elezioni  per come si è palesata con sempre maggiore evidenza,  nel recente passato. Il caso più eclatante di questa mancanza di competizione elettorale, (ed in qualche modo il segno di un evidente deficit democratico) è certamente Predazzo, dove il Sindaco uscente Maria Bosin se la vedrà solo con se stessa. Il comune di Capriana con Sandro Pedot, Carano con Andrea Varesco, Panchià con il solo candidato Giuseppe Zorzi e Varena con Paride Gianmoena completano il quadro di Fiemme, ovvero i comuni  che hanno un solo pretendente alla fascia tricolore. In Fassa sono due i candidati a rischio  di non raggiungere il quorum, Ivo Bernard a Campitello di Fassa E Devi Brunel a Soraga. Ma è in verità una tendenza generalizzata questa diminuzione di candidature, a dimostrazione che fare il Sindaco oggi ha molto meno appeal di un tempo: troppo rogne e pochi soldi per risolvere le tante sfide che attendono risposte in questi tempi di crisi. Accanto a questo evidente segnale di disaffezione,  vi è un altro elemento che appare in tutta evidenza. Si notano infatti, molti giovani candidati, tante facce nuove. Se si dovesse trattare di una ritrovata voglia di partecipazione non potremmo che esserne felici, mentre se i ragazzi sono stati coinvolti per riempire le liste, quindi al solo scopo di fare numero, sarebbe un fatto davvero negativo.

Continue reading Fare il Sindaco non piace più

Palazzi aperti a tutti

 Si svolgerà dal 15 al 23 maggio la dodicesima edizione di Palazzi aperti. «Dai palazzi cittadini alle ville del contado»: questo il titolo ed il tema scelto a fare da filo conduttore per le numerose visite dell’edizione 2015 organizzata dal Comune di Trento, che ha permesso in questi anni ai cittadini – spesso in compagnia di turisti curiosi – di visitare i luoghi più inediti della città, dove non sempre è permesso entrare per una visita culturale. E’ questa la peculiarità che ha portato al successo la manifestazione “Palazzi aperti”, giunta oramai a livello provinciale alla dodicesima edizione. Ricco il programma dell’iniziativa, alla quale hanno aderito complessivamente 68 comuni. 

Dischiudono le loro porte non solo due palazzi cittadini –Palazzo Firmian e Casa Balduini- ma anche, e soprattutto, sei prestigiose residenze che costellano i dintorni della città: Villa Bertagnolli (Novaline), Villa Salvadori (Gabbiolo), Villa Cazuffi (Cadine), Villa Tambosi (Villazzano), Masi Saracini (Cortesano) e Villa Bortolazzi (Acquaviva).

Completano l’offerta 2015, le numerosissime proposte culturali che interessano tutte le vallate del Trentino con una scelta variegata che va dai castelli alle chiese, con escursioni guidate ed attività nei musei, frutto della collaborazione tra molte municipalità. Palazzi e luoghi storici, solitamente chiusi, apriranno le porte al pubblico. Alcuni partecipano in sinergia (come il sistema culturale della Valsugana orientale e l’Ecomuseo della Valsugana), altri in collaborazione l’uno con l’altro, come ad esempio Cembra e Lisignago. Alcuni di questi sono assolute “new entry” – come ad esempio la Magnifica Comunità di Fiemme, il Comune di Sfruz e il Parco Adamello Brenta (in collaborazione con Carisolo). Il calendario dettagliato della manifestazione è pubblicato su www.comune.trento.it.

Continue reading Palazzi aperti a tutti