Un museo innovativo a quota 3000

Marmolada Grande Guerra, il museo più alto d’Europa, sarà inaugurato sabato 27 giugno 2015 a quota 3000 metri nella stazione di Serauta, a pochi passi dal ghiacciaio della Marmolada. L’evento è riservato alla stampa e ai rappresentanti delle istituzioni pubbliche e museali mentre dal giorno successivo, domenica 28 giugno, il museo aprirà anche al grande pubblico.

L’area espositiva, di circa 300 metri quadri con 12 ambienti diversi, si caratterizza per un allestimento di grande impatto e il visitatore viene idealmente preso per mano e calato nella quotidianità della guerra condotta tra le rocce e il ghiaccio attraverso stralci di diario, vetrine tematiche, numerose fotografie e contenuti multimediali che riflettono la volontà di aprire una finestra sull’interiorità dei soldati e sulla loro vita in trincea. Un percorso davvero emozionante che culmina nella sala video.

Grazie al meticoloso lavoro svolto in fase di progettazione dall’architetto Claudine Holstein di G22 Projects Srl con i grafici della Gruppe GUT, visitare il museo Marmolada Grande Guerra diventa quindi un’esperienza interattiva, dinamica e coinvolgente, che consente di comprendere in modo molto approfondito le principali tematiche della guerra in alta montagna attraverso il punto di vista delle persone che ne furono coinvolte.

Dagli ampi finestroni del museo si possono ammirare le postazioni di guerra italiane e austro-ungariche recentemente rese agibili nonché i camminamenti che le collegano e uno splendido panorama su alcune delle vette più belle delle Dolomiti. A disposizione dei visitatori, poi, c‘è una sala ristorante-self service con 120 posti a sedere.

Da non perdere, infine, poco più su, alla stazione di Punta Rocca (3265 m), una visita alla terrazza panoramica e alla grotta-capella con la statua della Madonna consacrata da S.S. Papa Giovanni Paolo II. Tutto facilmente raggiungibile in funivia da Malga Ciapéla anche per le persone diversamente abili.

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento