20130705_135209low

Nell’ultimo lavoro di Carlo Mazzacurati, “ la sedia della felicità”, la scena finale del film è stata girata sul Catinaccio in val di Fassa. Il racconto di questa commedia si conclude con un vivace confronto tra due stralunati pastori ed un orso che viene allontanato di forza dal loro gregge. Sconosciuto agli spettatori è però il fatto che l’orso in realtà è un “ attore” americano che è stato scritturato allo scopo di interpretare il plantigrado. Sicurezza e risparmio per la produzione. In effetti sia il costumone della controfigura, che le movenze dell’animale non fanno sospettare che non si tratti di un orso vero. L’idea potrebbe essere quella di scritturarlo per fare delle comparsate nei boschi trentini mettendo in pensione gli orsi veri. Sicurezza e risparmio assicurati.

20130705_135209low

Lascia un commento