A Ziano 3.000 visitatori

Oltre 3.000 visitatori in appena un mese e mezzo di apertura. Più di 700 partecipanti agli eventi di contorno. Sono questi i numeri che testimoniano il gradimento del pubblico per la mostra sulla Grande Guerra, allestita nelle sale della storica Villa Flora di Ziano, a cura della Comunità Territoriale della Val di Fiemme, in collaborazione con il Comune. Dopo la prima, altrettanto apprezzata, esposizione dello scorso anno, dedicata allo scoppio della guerra e alla mobilitazione dei soldati sul fronte orientale di Galizia, il 2015 propone un percorso dedicato all’apertura del nuovo fronte sull’arco alpino, dallo Stelvio al mare Adriatico: “La tempesta alle porte di casa” è, infatti, il titolo della mostra di quest’anno, che racconta come esattamente un secolo fa la valle guardasse con preoccupazione crescente al conflitto che si faceva, con l’entrata in guerra dell’Italia a fianco dell’Intesa, sempre più vicino. L’obiettivo dei curatori Silvia Delugan e Fulvio Vanzo è quello di umanizzare il conflitto, non limitandosi quindi a una mera esposizione di cimeli di guerra, ma lasciando spazio alle parole e al dolore di chi quel conflitto lo ha vissuto sulla pelle, come soldato al fronte o come civile costretto a fare i conti con le drammatiche conseguenze della guerra sulla quotidianità. Suggestiva in quest’ottica la ricostruzione, nelle cantine della villa, di un tratto di trincea, con ricovero in baracca, idealmente posto a difesa di una forcella su un crinale del Lagorai, un modo per cercare di far percepire cosa dovesse significare non solo combattere, bensì vivere in un ambiente terribilmente ostile. A richiamare i visitatori anche il cannone esposto nel parco della villa, un 15 cm schwere Feldhaubitze M. 14/16, messo a disposizione dal Museo Storico Italiano della Guerra di Rovereto, e una bandiera dell’Impero Asburgico. A contorno della mostra sono stati organizzati numerosi eventi:, spettacoli teatrali, letture e approfondimenti, molto apprezzati dal pubblico. I prossimi appuntamenti in programma sono: mercoledì 26 agosto alle 21 nel parco di Villa Flora il racconto spettacolare “Cose dell’altro mondo”, a cura della compagnia “La Pastière” e venerdì 28 agosto alle 17.30 nella sala della cultura di Ziano il recital “La Grande Guerra e il Trentino: musica e parola”, a cura di Luigi Sardi. La mostra resterà aperta fino al 20 settembre, con orario 16-19, chiuso il lunedì.

 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento