Come al mare

Anche le valli di Fiemme e Fassa hanno le loro spiagge di riferimento: rive assolate che danno su specchi d’acqua cristallina e tiepida, ideali per un bagno. Se non fosse per l’acqua dolce invece che salata si potrebbe davvero pensare di essere al mare. E non serve spingersi fino al lago di Garda per ritrovare l’atmosfera e il piacere di una giornata di relax e tuffi sotto il sole. Già nella vicinissima valle di Cembra troviamo diverse alternative. Sull’Altopiano di Pinè ci sono, a poca distanza l’uno dall’altro, il lago delle Piazze e il lago della Serraia, collegati da un comodo sentiero. Sull’altro lato della valle, a cinque chilometri dal paese di Cembra, c’è il lago Santo, specchio d’acqua che aveva affascinato anche il pittore Albrecht Dürer. Allungando di poco la strada e arrivando in Valsugana troviamo i laghi di Caldonazzo e Levico, dove si respira un’atmosfera che nulla ha da invidiare alle più note località di mare. E sono proprio cinque lidi della Valsugana (Caldonazzo, Tenna, Levico Terme Lido, Calceranica al Lago e Pergine) ad aver portato in Trentino cinque bandiere blu, il riconoscimento che premia le migliori spiagge italiane. Sulla strada per il Garda, a pochi chilometri da Trento, si trova la bellissima Valle dei Laghi, dove, come dice il nome stesso, si può scegliere tra diversi specchi d’acqua: da Lamar a Cavedine, da Santa Massenza a Toblino, considerato uno dei laghi più romantici del Trentino. Anche per chi ama il mare inteso non come relax in spiaggia quanto piuttosto come vacanza attiva, i laghi sono una valida alternativa per sperimentare l’emozione degli sport acquatici, dal windsurf al dragon boat fino alla canoa. L’acqua tiepida, che forse non ci si aspetta in montagna, farà credere di essere al mare. Se non fosse per le inconfondibili cime che fanno da cornice a questi laghi e che ci ricordano che siamo a pochi chilometri dalle Dolomiti.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento