Dolcetto o scherzetto

Ci siamo. Anche quest’anno siamo arrivati all’appuntamento con Halloween. E’ entrato da noi in punta di piedi, ma, negli ultimi anni, ha iniziato ad attecchire anche nelle nostre Valli. Oggi, il gruppo di ragazzini, vestiti in modo stravagante che bussano alla nostra porta urlando all’unisono “dolcetto o scherzetto”, è diventato sempre meno inconsueto. Noi adulti, invece, abituati alle nostre tradizioni secolari, (che siano il Carnevale ladino, San Martino, le desmonteghe o il più recente Oktoberfest), abbiamo fatto un po’ più di fatica a raccapezzarci. I ragazzini invece, più permeabili alle tradizioni di altri paesi e con la complicità di film e telefilm americani, hanno assimilato la novità e individuato una nuova forma di aggregazione e divertimento. Ora tocca a noi usare questa laicissima tradizione per farne momento di festa in attesa dell’arrivo di un lungo inverno. E tocca sempre a noi evitare di trovarci impreparati quando busseranno alla nostra. Come? Armandoci di dolcetti.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento