Il 29 febbraio arriva la Nanna al museo

Taglio del nastro per il Baby Pit Stop UNICEF a Predazzo, un nuovo spazio dedicato ai bambini e ai loro genitori all’interno del Museo geologico delle Dolomiti, sede territoriale del MUSE.

Un luogo protetto e accogliente, a disposizione non solo dei visitatori del museo ma di tutta la cittadinanza, in cui le mamme si sentano a proprio agio per allattare il loro bambino, accudire i bebè e provvedere al cambio pannolino. L’iniziativa, nata in collaborazione con il Comitato Trentino dell’UNICEF e in sinergia con la levatrice Antonina Bonarrigo, membro attivo del Comitato in Val di Fiemme, rientra nell’ambito di “Ospedali & Comunità Amici dei Bambini” con cui l’UNICEF si pone come obiettivo l’allestimento in Italia – a cominciare dalle proprie sedi territoriali: i Comitati Provinciali e i Punti di Incontro – di circa 1.000 Baby Pit Stop.

“Per il museo, l’essere parte della rete dei Baby Pit Stop UNICEF è sicuro motivo di soddisfazione e rappresenta un altro importante tassello nell’offerta dei servizi pensati per andare incontro alle necessità della comunità e dei visitatori. Nell’aderire con entusiasmo all’iniziativa del comitato Trentino dell’UNICEF il museo è da oggi in grado di offrire uno spazio dedicato alle esigenze della prima infanzia a disposizione di tutta la cittadinanza, coerentemente con la propria mission di istituzione al servizio della collettività”, spiega Riccardo Tomasoni, responsabile del Museo geologico delle Dolomiti di Predazzo.

L’attenzione per i più piccoli non si ferma solo allo spazio fisico. Il museo apre a questa fascia d’età anche con laboratori e attività didattiche, e a mamme e papà con un programma di incontri  tematici per sostenere la genitorialità. Tra le iniziative più attese, la Nanna in museo, in programma sabato 29 febbraio, l’occasione per visitare in modo inconsueto la struttura e vivere un’avventura geologica che dura un’intera notte (prenotazione obbligatoria t. 0462 500366; maggiori info qui).

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento