La donna crocerossina

Una pizzeria in Fiemme. Una tavolata di dodici persone di mezza età, undici maschi ed una femmina. Arrivano le prime portate ma uno dei commensali si porta le mani alla testa e dice al suo vicino di non sentirsi bene. Gli viene portato dell’acqua e zucchero.Gli altri iniziano a mangiare, qualcuno gli chiede come va e dopo una decina di minuti, la persona sofferente dice a bassa voce e con un certo imbarazzo che non comprende cosa gli stia capitando e che forse è meglio che torni a casa. A questo punto la tavolata si anima e qualcuno propone che venga accompagnato alla propria abitazione. Secondo voi chi si alza e gli da un passaggio? Sono certo che indovinerete subito! Purtroppo, i maschietti, perlomeno noi di una certa età, siamo ancora troppo abituati ad essere accuditi e a  considerare la donna un po’ come fosse una crocerossina. Tendiamo a lasciare a lei certe incombenze, specialmente quelle più delicate o imbarazzanti. Speriamo che le nuove generazioni  svoltino e  facciano un salto di qualità, superando, nei rapporti  maschio/ femmina anche queste dinamiche.

Ti potrebbero interessare anche:

  • Attenti al fuocoAttenti al fuoco Se c’è una cosa che dà fascino all’inverno è l’immagine di un fuoco acceso che fa tanto […]
  • Tempo da lupiTempo da lupi Salendo da Trento, verso Fiemme e Fassa, si attraversa, a Lavis, il ponte che supera […]
  • I killer sono tra noiI killer sono tra noi Avvelenare un cane con una polpetta è il gesto di una persona spregevole e, diciamocela […]
  • Non aprite quella portaNon aprite quella porta Nonostante le nostre valli possano dirsi più tranquille rispetto alle metropoli, chi non […]
  • Alla faccia del gipetoAlla faccia del gipeto Se le aquile sono "facilmente" visibili da un occhio esperto nei cieli di Fiemme e […]

Lascia un commento