La Gloria della Marcialonga

Entrata in Marcialonga per una sostituzione di maternità, mai avrebbe immaginato che quel contratto si sarebbe protratto per oltre 25 anni. Era il 1988 quando Gloria Trettel ha mosso i primi passi nell’organizzazione della granfondo di Fiemme e Fassa: assunta come segretaria a tempo determinato, addetta alle telefonate e alle iscrizioni, è oggi colei che muove i fili dell’evento. Una storia di successi e gratifiche iniziata alle selezioni per un posto da segretaria per i Campionati del Mondo di Sci Nordico del 1991: Gloria, infatti, si era proposta per il ruolo, ma la scelta cadde su un’altra candidata. Angelo Corradini, allora segretario generale di Marcialonga, membro della commissione esaminatrice, la notò e la contattò per una sostituzione.  Dal 2005 Gloria Trettel è segretaria generale di Marcialonga. Anni ricchi di novità e progetti, ma soprattutto di successi. Marcialonga sta vivendo infatti un momento felice, come è emerso dalla conferenza stampa di presentazione della programmazione 2016, tenutasi ad Expo in ottobre. A beneficiarne tutto il territorio, visto che l’indotto Marcialonga è stato calcolato intorno agli 8 milioni di euro annui.  Gloria viene da una famiglia appassionata di sci nordico. Lei stessa pratica il fondo fin da bambina, tanto che ha partecipato a numerose granfondo in giro per il mondo, alla ricerca di idee da riproporre anche in Fiemme e Fassa. Da queste esperienze Gloria è sempre tornata a casa con la certezza della qualità del lavoro portato avanti da Marcialonga: «Siamo tra i migliori al mondo, ma non dobbiamo adagiarci».

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento