L’Archimede si trasferisce al centro servizi

Una nuova sede, più grande e soprattutto libera da barriere architettoniche, per il Centro Archimede. Dal 1° luglio la struttura diurna per bambini e ragazzi si è trasferita al Centro Servizi di Cavalese, dove, al primo piano, la Comunità Territoriale della Valle di Fiemme ha messo a disposizione gratuitamente due alloggi contigui e un salone, che sono stati uniti ed adattati alle esigenze di educatori e ragazzi. “Negli ultimi tempi i locali in affitto dalla Parrocchia, che hanno ospitato, per oltre dieci anni, l’Archimede, non erano più idonei alle mutate esigenze del servizio. Per questo abbiamo deciso di cercare una sede più adatta: la scelta del Centro Servizi nasce dalla constatazione che negli ultimi anni i bisogni sociali sono cambiati, tanto che per due anni e mezzo non ci sono state richieste di alloggi protetti. Inoltre, oltre ad essere una struttura sbarrierata e quindi facilmente accessibile anche a bambini con disabilità, è centrale al paese: vicinissima alle scuole, alla stazione degli autobus, ai servizi e anche al parco, per attività all’aperto e momenti di svago”, spiega Manuela Silvestri, responsabile del Servizio Sociale della Comunità di Valle.

Attualmente il Centro Servizi ospita, oltre agli alloggi protetti e i servizi diurni per anziani, anche Il Centrino (la struttura diurna di Archimede per i più piccoli), un appartamento per mamme e bambini in difficoltà, l’Anffas e, da inizio mese, l’Archimede: una struttura quindi che è diventata a tutti gli effetti polifunzionale, in risposta alle differenti esigenze di diverse fasce della popolazione. Il Centro Archimede segue attualmente 28 bambini. È stato fondato nel luglio 1994, su iniziativa della cooperativa sociale Progetto 92 (che lo gestisce) e del Servizio Sociale locale. Negli ultimi dodici anni ha avuto la sede in locali affittati dalla Parrocchia (che si ringrazia), poi a inizio luglio il trasferimento nella nuova sede, che verrà ufficialmente inaugurata nel corso del mese di settembre.

 

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento