L’ITAS sostiene i Vigili del Fuoco

Nel pomeriggio di martedì i vigili del fuoco fiemmesi hanno ricevuto un grande segno di collaborazione e riconoscenza. L’agenzia ITAS Assicurazioni di Cavalese ha voluto contribuire in maniera generosa, all’acquisto di uno strumento estremamente importante ed utile, in questo periodo più che mai, per la sicurezza e protezione dei pompieri, anche al di fuori dell’interventistica. Si tratta di un sanificatore ad ozono, consegnato da Giuseppe Larentis, Alan Barbolini e Paola Monsorno all’ispettore Stefano Sandri e al comandante dei volontari di Carano Edi Niederleimbacher. Questo prezioso strumento, che aspira l’aria e rilascia ozono, viene già utilizzato in luoghi come palestre e piscine per la sanificazione dei locali e degli strumenti. L’ozono è un potente disinfettante che usato con i corretti dosaggi, permette di eliminare batteri, funghi, muffe e sì, anche i virus come il Covid19. Inoltre questo prezioso strumento elimina gli odori, come quello di fumo, che non solo si impregna sull’abbigliamento da interventistica ma che rimane per giorni ad aleggiare nelle caserme, dopo gli incendi. “A seguito dell’incendio di qualche giorno fa a Maso Toffa, sul territorio di Carano, abbiamo ritenuto importante dare un segnale di vicinanza e gratitudine ai nostri vigili del fuoco. Ed abbiamo anche constatato quanto, uno strumento di questo genere, sia importante, sempre, per i corpi volontari e le loro strutture” spiega Larentis. A nome di tutta l’Unione distrettuale di Fiemme e di tutti i vigili volontari, l’ispettore Sandri ha voluto ringraziare sentitamente per il gesto generoso, sottolineando l’efficacia di tale strumento, già messo in funzione nella caserma di Cavalese e la sua preziosità per pulire a fondo i locali, gli strumenti e l’abbigliamento con poco semplici mosse.

Insomma, davvero un gran bel regalo per tutti i corpi dell’Unione di Fiemme, che da oggi, da Moena a Valfloriana, potranno passarsi questo nuovo strumento per poter sempre operare in sicurezza.

Sara Bonelli

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento