Monica Zanoner: «Il mio mito è Lindsey Vonn»

Concreta e determinata, Monica Zanoner, 20 anni di Campitello, è nella nazionale di sci alpino e da poco è entrata nel Centro Sportivo dell’Esercito. Fa parte del gruppo di atleti che rappresentano la Val di Fassa sulle nevi di tutto il mondo e, dopo essersi diplomata al liceo linguistico frequentando lo Ski College di Pozza, si dedica completamente allo sci. Come molte ragazze della sua età, Monica ha un modello a cui ispirarsi: «Il mito per me è Lindsey Vonn: per il tipo di sciata, lo stile e soprattutto i risultati è un esempio da seguire». E non è un caso che la sua pista preferita in Val di Fassa sia “La Volata” del Passo San Pellegrino dove, nel 2018, si è allenata pure la sciatrice americana considerata unanimemente la più forte di sempre. «Dai cambi di pendenza, alla velocità, mi dà soddisfazione sciare su quel tracciato».

Monica è impegnata a migliorare se stessa, sia dal punto di vista delle prestazioni in discesa libera e SuperG, sia della preparazione psicologica per affrontare gare sempre più impegnative. E anche grazie ai suoi piedi ben piantati per terra, Monica, negli ultimi anni, ha ottenuto risultati più che incoraggianti, come il 2° posto nel 2018 in SuperG, disciplina che le è più congeniale, ai Campionati Italiani juniores e il 1° posto a Pila nel 2019. «Più si cresce come atleti, più si affrontano sfide difficili. Ecco perché tengo alla preparazione. Certo, i risultati danno morale e aiutano a credere in se stessi». Quest’inverno è alle prese con la squadra Nazionale B in Coppa Europa. «Cerco di dare il massimo in ogni occasione, ma, per carattere, preferisco non avere troppe aspettative e concentrarmi su una gara dopo l’altra».

La vita dell’atleta le piace e non le pesa affatto avere sempre la valigia pronta. «Girare il mondo grazie allo sci è entusiasmante. È bello vedere posti diversi tanto quanto tornare a casa dagli amici e dalla famiglia. Anche se mi vedono poco, soprattutto d’inverno a causa degli allenamenti e delle gare, i miei genitori mi sostengono perché sanno che sono impegnata in quello che più mi piace».

La stazione che l’ha più colpita è Ushuaia in Argentina dove si è allenata in estate con la Nazionale: «Una località che, per ambiente e piste, mi ha sorpreso, anche perché diversa dai ghiacciai dove sciamo da queste parti». Ragazza rigorosa nella preparazione sportiva, Monica si lascia un po’ andare solo in cucina: «Seguo una dieta che mi aiuta ad alimentarmi bene e a tenere lontano il “cibo spazzatura” ma mi concedo uno strappo a settimana. Di solito è un dolce che mi piace anche cucinare. Cerco le ricette sui social e le sperimento: non sempre il risultato è perfetto ma l’importante è stare ai fornelli e divertirsi».

Elisa Salvi

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento