Pampeago estate
DCIM/100MEDIA/DJI_0328.JPG

Pampeago accoglie l’estate con i suoi soliti colori – il verde dei prati e dei boschi, il bianco delle cime Dolomitiche – e i suoi soliti profumi – quello dell’erba bagnata di rugiada al mattino, del muschio, dei fiori, della resina degli alberi. Il bosco in alcuni punti è ferito: la tempesta Vaia di fine ottobre non ha risparmiato l’Alpe, ma la solerzia dell’uomo ha permesso di ripristinare anche quei sentieri toccati dalla furia del vento. Ecco allora che per la stagione estiva Pampeago indossa il solito abito. Quello che lo ha reso meta ideale per le famiglie, per gli escursionisti, per tutti coloro che cercano una montagna ancora genuina, dove cogliere la bellezza della natura. E dove imparare anche qualcosa. Il Latemarium è l’insieme di percorsi pensati per avvicinare grandi e piccoli all’ambiente alpino che si sviluppo intorno alla maestosa catena montuosa del Latemar. Ce n’è davvero per tutti i gusti.

I SENTIERI DEL LATEMARIUM

LATEMAR.ALP è il nuovo percorso che, attraverso i prati dell’Alpe di Pampeago e della Val d’Ega, conduce alla scoperta della gestione dei pascoli e del patrimonio mondiale dell’umanità attraverso curiose stazioni interattive. LATEMAR.NATURA è invece il sentiero naturalistico sugli habitat alpini, pensato per le famiglie e gli amanti della natura. Chi è incuriosito dagli agenti atmosferici può sperimentarli in prima persona percorrendo LATEMAR.METEO, che va dal Monte Agnello verso la località Tresca. LATEMAR.PANORAMA, lo dice il nome stesso, offre un susseguirsi di punti panoramici in cui scoprire la storia e le favole di questi luoghi. Anche LATEMAR.360° permette di scoprire paesaggi spettacolari e vedute mozzafiato su una distesa di vette alpine, grazie a piattaforme panoramiche che evidenziano le cime più alte e importanti segnalandone la posizione esatta rispetto alla prospettiva dell’osservatore. E per i più ambiziosi, LATEMAR.UNESCO, un itinerario di media difficoltà attraverso il labirinto creato dai massi di una gigantesca frana fino al rifugio Torre di Pisa, a quota 2.671 metri, da dove si può vedere la Marmolada. Per chi non sa scegliere, c’è il LATEMAR.DISCOVER.TOUR (agibile dal 21 luglio), una semplice passeggiata che porta alla scoperta della natura del Latemar, attraverso i principali punti di alcuni degli altri percorsi. Una camminata di circa un’ora e mezza, priva di difficoltà e con dislivello minimo, che passa su sentieri e strade di montagna in quota, con panorami speciali e rifugi dove fermarsi per un pranzo o una merenda golosa.

TRA ARTE E NATURA

Per gli amanti dell’arte, per le famiglie, per tutti coloro che amano stupirsi e lasciarsi incantare, imperdibile è LATEMAR.ART, il percorso che si snoda attravero RespirArt, uno dei parchi d’arte più alti al mondo. Artisti di fama internazionale e stazioni interattive permettono di guardare la natura e i paesaggi circostanti con uno sguardo nuovo. Gli agenti atmosferici, infatti, non rovinano le opere, ma le completano, le plasmano e ne cambiano i colori. Passeggiare tra le installazioni è quindi fonte di meraviglia continua, anno dopo anno, perché il parco non è mai uguale a sé stesso.

.

GLI EVENTI DELL’ESTATE 2019 A PAMPEAGO

 

LA TONDA DEL DANILO

Domenica 11 agosto

Camminata per singoli e gruppi familiari sul Monte Cornon con ristori e pranzo alpino in zona Caserina. Partenza alle ore 8.00.

I SUONI DELLE DOLOMITI

Mercoledì 21 Agosto

Concerto del quintetto di fiati dell’accademia di Santa Cecilia e della Royal Concertgebow Orkest Ritrovo ore 12.00 in località La Porta.

SAGRA DI S. BARTOLOMEO

Domenica 25 agosto

Grande festa sotto il tendone per celebrare S. Bartolomeo: messa, pranzo alpino, musica e ballo.

LATEMAR MOUNTAIN RACE

Domenica 8 settembre

Tappa finale del circuito “La Sportiva Mountain Running Cup”, aperto a top runner e amatori.

TROFEO PASSO PAMPEAGO

Domenica 15 settembre

Cronoscalata da Tesero fino a Passo Pampeago lungo la salita che è stata teatro di grandi sfide del ciclismo.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento