Il Resonace Piano alla Design Week

Sembra un pianoforte a coda tradizionale, ma non ha le corde. Resonance Piano suona con la sola vibrazione del legno di risonanza della Val di Fiemme.

Ha destato stupore a Milano, venerdì 12 aprile, il suono perfetto del primo pianoforte al mondo che suona senza corde. È stato presentato al Fuorisalone della settimana del design milanese il suo inventore: Fabio Ognibeni, amministratore delegato dell’azienda Ciresa di Tesero.

Il Resonance Piano ha espresso la sua sonorità nel corso del concerto “Omaggio al Bosco dei Violini” che ha preso vita nel Cortile d’Onore dell’Università Statale di Milano. Lo stesso cortile dove sono stati posizionati dallo studio d’architettura Piuarch, con il sostegno della Provincia e della Magnifica Comunità di Fiemme, due scenografici abeti rossi sradicati dal vento, per realizzare l’installazione “La Foresta dei Violini”.

Il concerto si è tenuto in collaborazione il Conservatorio G. Verdi di Milano, lo Studio Piuarc, Nemo Monti e la rivista Interni.

La Ciresa Srl di Tesero con questa nuova innovazione si conferma eccellenza italiana del settore.

Il Resonance Piano, suonato per la prima volta in pubblico, ha amplificato anche il suono del microfono, durante la presentazione, e quello della viola e del violino durante il concerto.

La voce e i suoni sono stati amplificati unicamente dalla tavola armonica del Resonance Piano, senza l’ausilio di altoparlanti e casse audio tradizionali.

Il limite di un pianoforte digitale è rappresentato dai sistemi di riproduzione sonora, i tradizionali altoparlanti delle casse audio, impossibilitati a rendere la voce naturale di un vero pianoforte acustico.
Resonance Piano è nato per restituire la sonorità naturale di un pianoforte acustico.

Inoltre, ha un ingombro ridotto. Con un peso minimo inferiore agli 80 kg, può essere trasportato da due persone senza la necessità di carrelli o carrucole. Infine, può diventare verticale ed essere installato sulla parete, offrendo un impatto visivo suggestivo.

M.C.

 

 

 

 

 

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento