Tempo da lupi

Salendo da Trento, verso Fiemme e Fassa, si attraversa, a Lavis, il ponte che supera l’Avisio. E’ gonfio e minaccioso. La valle di Cembra ci appare cupa e tortuosa come non mai. Dai muri di contenimento, a lato della strada, zampillano fiotti d’acqua che attraversano la carreggiata rendendo pericolosa la guida. Arrivati in Fiemme, umidità, nebbia e un Avisio cosi’ carico come non lo si vedeva da tempo. Forse arriva una tregua e poi si ricomincia. C’è chi dice “ è solamente l’autunno”. Giusta considerazione. La differenza però è che tutto avviene più velocemente e i cambiamenti diventano più repentini. La differenza è che la natura rispetto a noi umani non annuncia, fa.

Ti potrebbero interessare anche:

Lascia un commento